Edicola

Da Napoli anche l’università apre alla pharmaceutical care

24/04/2013 00:45:58
Meglio la farmacia “latina” o quella nord-europea? Finché il confronto si limitava a titolarità e programmazione delle sedi, i farmacisti italiani non hanno mai avuto dubbi. Ora che invece si cominciano a conoscere un po’meglio i tratti distintivi dei due modelli, si fa largo l’idea che qualcosa – dai Paesi del nord – si può anche importare. Lo pensa anche l’università italiana, cui si deve il convegno organizzato ieri a Napoli dalla facoltà di Farmacia della Federico II sul ruolo del farmacista nei paesi dell’Unione europea: quattro le esperienze messe a confronto – Regno Unito, Olanda, Germania e Spagna, grazie alle relazioni di altrettanti ospiti – per trarre riflessioni e indicazioni adattabili alla realtà italiana.
Sono così riecheggiate parole d’ordine già ascoltate al convegno sulla pharmaceutical care organizzato a Cosmofarma da Federfarma e Fofi: nel nord-Europa il ruolo del farmacista non si ferma alla dispensazione ma si allarga alla presa in carico del cronico, alla prescrizione in caso di ricetta ripetuta, al monitoraggio delle terapie. Peculiarità che, ad ascoltare quanto riportato dai relatori internazionali, trovano il loro corrispettivo in un sistema accademico che pratica l’accesso programmato (numero chiuso), e una selezione all’ingresso diretta a misurare le motivazioni degli studenti.
«Stiamo lavorando nella stessa direzione» spiega a Filodiretto Ettore Novellino, presidente della conferenza dei presidi delle facoltà di farmacia e organizzatore del convegno «riteniamo necessario adottare il numero programmato e rivedere i percorsi di laurea per dare contenuti culturali che preparino i farmacisti di domani a un ruolo analogo a quello dei loro colleghi europei: farmacia clinica, pharmaceutical care e così via. I tempi? Per ottobre dovremmo avere pronto un piano di studi condiviso, che poi ogni università integrerà in base alle proprie specificità». (AS)

Ultime notizie

13/01/2021

Campagna MisuriAMO2: precisazioni sulle modalità di distribuzione dei saturimetri

In relazione alle numerose richieste pervenute dai cittadini circa le modalità di svolgimento della seconda fase della campagna MisuriAMO2, realizzata da Federfarma e Società Italiana di Pneumologia (SIP) con il patrocinio della FOFI, sono opportune alcune precisazioni. Questa seconda fase della campagna è un progetto pilota a carattere sperimentale, finalizzato a testare su alcuni pazienti affetti da gravi patologie respiratorie...
12/01/2021

Misuriamo2: al via la distribuzione grauita in 1.200 farmacie di 25.000 saturimetri per il monitoraggio domiciliare di pazienti con patologie respiratorie

Al via la seconda fase della campagna MisuriAMO2, realizzata dalla SIP (Società italiana di Pneumologia) e Federfarma con il patrocinio della FOFI. Obiettivo promuovere l’uso del saturimetro, come strumento utile per controllare i livelli di ossigeno nel sangue nelle persone con Covid-19. In particolare nei pazienti con patologie respiratorie croniche e Covid-19 è fondamentale monitorare costantemente il livello di ossigeno del sangue...
24/12/2020

Screening, vaccinazioni: si apre una fase nuova nella professione

"La Legge di Bilancio oggi approvata alla Camera contiene una serie di norme che tagliano di netto tutti gli alibi all’esclusione dei farmacisti italiani da servizi e prestazioni che in decine di altri paesi costituiscono da anni la base dell’attività professionale sul territorio: a cominciare  dalla partecipazione alle campagne di screening e vaccinali” dice il presidente della FOFI, Onorevole Andrea Mandelli...
22/12/2020

Convenzione farmaceutica, irricevibili le proposte Sisac: Federfarma e Assofarm sospendono la trattativa

Federfarma, in rappresentanza delle farmacie private, e Assofarm, in rappresentanza delle farmacie pubbliche, hanno convenuto di sospendere le trattative con la SISAC (Struttura Interregionale Sanitari Convenzionati) per il rinnovo della Convenzione Farmaceutica Nazionale, cioè l’accordo che regola i rapporti tra il Servizio sanitario nazionale e le farmacie....
21/12/2020

Legge di bilancio: in assenza di modifiche farmacie a rischio chiusura

Le più recenti versioni della Legge di bilancio, ormai prossima ad essere varata, inducono Federfarma ad una severa presa di posizione per il sostanziale disinteresse che si registra nei confronti delle farmacie italiane. In particolare, lascia perplessi la presenza di disposizioni finanziarie che rideterminerebbero il tetto per la spesa farmaceutica convenzionata al 7%, rispetto all’attuale 7,96%, senza alcuna misura di bilanciamento economico a sostegno della ormai precaria situazione finanziaria in cui versano le farmacie italiane....

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni