Edicola

Articolo 62 sull’agroalimentare, continua il dibattito

12/04/2013 10:28:40
L’articolo 62 del decreto “Cresci-Italia” sulle cessioni nell’agroalimentare rimane pienamente vigente. Quindi nessuna «tacita abrogazione» da parte del d.lgs 192/2012 sui tempi di pagamento nelle transazioni commerciali, come aveva sostenuto un paio di settimane fa il ministero dello Sviluppo economico. Questo almeno è il parere degli esperti di Withers, società legale di dimensioni internazionali con oltre 750 avvocati sparsi nelle sue sedi in Europa e oltreoceano. Nel loro intervento, riportato dalla stampa specializzata del comparto distributivo, i legali ripassano in rassegna i contenuti distintivi delle due leggi ed è forse questo l’elemento che rende il parere interessante anche per i titolari. Per cominciare, scrivono gli esperti, la 192/2012 prevede pagamenti a 30 giorni, mentre l'articolo 62 consente i 60 giorni per i prodotti non deteriorabili. La prima stabilisce che i termini decorrono dal ricevimento della fattura o della merce, il secondo dall'ultimo giorno del mese di ricevimento della fattura. La 192 autorizza l’estensione dei 30 giorni attraverso accordo tra le parti anche oltre i 60 giorni, l'articolo 62 prevede l'inderogabilità dei termini. Il d.lgs sancisce espressamente la nullità delle clausole contrattuali con esso contrastanti, la norma del “Cresci-Italia” non prevede forme di invalidità. La 192, infine, non commina conseguenze amministrative, l’articolo 62 invece stabilisce sanzioni pecuniarie (tra 500 ed 500.000 euro) a carico del cessionario che non paghi tempestivamente.
Come comportarsi allora in caso di vendite riguardanti prodotti dell’agroalimentare? Per i legali della Withers, come detto, l’articolo 62 resta perfettamente vigente (come voleva il ministero delle Politiche agricole, che aveva subito smentito il parere dello Sviluppo economico), sebbene rimangano irrisolti i dubbi sui campi di applicazione del provvedimento. E’ un discorso che, come noto, riguarda anche le farmacie, a tutela delle quali Federfarma avvierà a breve consultazioni con i principali operatori del comparto. Intanto, rimane lo “scudo” del regolamento applicativo dell’Antitrust, che esclude dalla sua area di vigilanza i rapporti commerciali privi di squilibri significativi tra le parti. Dovrebbe essere il caso delle farmacie.

Ultime notizie

16/07/2020

Dichiarazione Marco Cossolo, presidente Federfarma, su operazione Nas Bari

“Mi auguro che i farmacisti destinatari delle perquisizioni effettuate dai Carabinieri del NAS su incarico della Procura di Bari possano dimostrare la loro estraneità ai gravissimi fatti contestati. In caso contrario Federfarma, che condanna fermamente ogni comportamento illecito, è pronta a costituirsi parte civile negli eventuali processi che dovessero aprirsi nei confronti...
30/06/2020

Emendamento su distribuzione farmaci in farmacia. Federfarma: "Accolte istanze dei soggetti fragili e dei malati cronici"

Federfarma esprime massima soddisfazione per l’approvazione,  da parte della V Commissione Bilancio della Camera,  dell’emendamento  al cosiddetto Decreto Legge...
11/06/2020

Elezioni Federfarma e Sunifar: Cossolo confermato alla Presidenza di Federfarma, Petrosillo eletto Presidente Sunifar

Si sono svolte oggi - con ottimi risultati sia in termini di partecipazione dei delegati sia di funzionamento delle piattaforme utilizzate per le votazioni in forma telematica - le elezioni per il rinnovo dei vertici di Federfarma, la Federazione nazionale che rappresenta le farmacie private convenzionate con il SSN, e di Federfarma-Sunifar, che, all’interno...
01/06/2020

Dichiarazione del presidente Federfarma Marco Cossolo sull'audizione di Antonio Gaudioso in Commissione parlamentare

Federfarma accoglie con particolare favore le dichiarazioni del Segretario Generale di Cittadinanzattiva, Antonio Gaudioso, rese nel corso dell’audizione in Commissione parlamentare per la semplificazione nell’ambito dell’indagine conoscitiva sui servizi erogati dal Servizio Sanitario Nazionale...
01/06/2020

Dichiarazione del presidente Federfarma Marco Cossolo sull'acquisto del 70,77% del capitale di Farbanca da parte di Banca IFIS

Federfarma accoglie favorevolmente la comunicazione odierna sul completamento, con esito positivo, dell’acquisto del 70,77% del capitale di Farbanca  da parte di Banca IFIS. “L’avvenuta acquisizione di Farbanca da parte di Banca IFIS rappresenta sicuramente il viatico per la creazione, insieme a Credifarma, di un polo specializzato bancario del settore

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni