Edicola

Genova dismette tre farmacie, crescono i comuni che vendono

10/12/2012 17:46:34
C’è anche Genova nel sempre più lungo elenco di comuni che mettono in vendita le proprie farmacie. La “new entry” è stata ufficializzata venerdì, con la presentazione del piano di risanamento della società Farmacie Comunali da parte del sindaco, Marco Doria, e dell'assessore al Bilancio, Franco Miceli. In sintesi, il progetto prevede una ricapitalizzazione da 210mila euro e la vendita a privati di tre farmacie su 11. L’obiettivo è quello di togliere dalla crisi la spa (che nel 2012 sta registrando un deficit di 300mila euro, quasi il doppio rispetto ai 180mila del 2011) e salvaguardare i posti di lavoro, anche con l’allargamento degli orari di apertura e la contrazione della chiusura estiva.
Le farmacie private, dal canto loro, stanno per il momento alla finestra. «I tre esercizi che verranno venduti» spiega il presidente di Federfarma Genova, Giuseppe Castello «sono collocati nella periferia cittadina, in zone non proprio appetibili, e dovrebbero essere ceduti singolarmente. E poi c’è la crisi: soltanto in questa provincia, sono una ventina le farmacie attualmente in vendita che non riescono a trovare un acquirente». Come se non bastasse, in città pesa anche il sovraffollamento: il quorum si aggira sui 2.800 abitanti per farmacia e nel concorso straordinario le quattro aperture previste per Genova riguardano soltanto sedi rimaste vacanti da assegnazioni precedenti.
Che sia sempre più difficile vendere lo conferma la lunga lista di comuni che da circa un anno cercano di vendere le loro farmacie. Si tratta per la maggior parte di piccole amministrazioni, con uno o due esercizi messi a gara e nessuno che si sia fatto ancora avanti con un’offerta. Qualcuno di questi comuni prova persino a riproporre la gara con una base d’asta ridotta, ma al secondo bando la comunità locale insorge perché pensa che si voglia svendere a prezzi di favore e scattano ricorsi al Tar. «Chi dismette» commenta Francesco Schito, vicepresidente di Assofarm «non sempre lo fa perché le farmacie sono in deficit, come a Genova. Più spesso si prende questa strada per fare cassa e ovviare ai tagli dei trasferimenti. Ma in questo momento, vendere è difficilissimo e ancora più difficile è ricavarci un buon gruzzolo».

Ultime notizie

16/07/2020

Dichiarazione Marco Cossolo, presidente Federfarma, su operazione Nas Bari

“Mi auguro che i farmacisti destinatari delle perquisizioni effettuate dai Carabinieri del NAS su incarico della Procura di Bari possano dimostrare la loro estraneità ai gravissimi fatti contestati. In caso contrario Federfarma, che condanna fermamente ogni comportamento illecito, è pronta a costituirsi parte civile negli eventuali processi che dovessero aprirsi nei confronti...
30/06/2020

Emendamento su distribuzione farmaci in farmacia. Federfarma: "Accolte istanze dei soggetti fragili e dei malati cronici"

Federfarma esprime massima soddisfazione per l’approvazione,  da parte della V Commissione Bilancio della Camera,  dell’emendamento  al cosiddetto Decreto Legge...
11/06/2020

Elezioni Federfarma e Sunifar: Cossolo confermato alla Presidenza di Federfarma, Petrosillo eletto Presidente Sunifar

Si sono svolte oggi - con ottimi risultati sia in termini di partecipazione dei delegati sia di funzionamento delle piattaforme utilizzate per le votazioni in forma telematica - le elezioni per il rinnovo dei vertici di Federfarma, la Federazione nazionale che rappresenta le farmacie private convenzionate con il SSN, e di Federfarma-Sunifar, che, all’interno...
01/06/2020

Dichiarazione del presidente Federfarma Marco Cossolo sull'audizione di Antonio Gaudioso in Commissione parlamentare

Federfarma accoglie con particolare favore le dichiarazioni del Segretario Generale di Cittadinanzattiva, Antonio Gaudioso, rese nel corso dell’audizione in Commissione parlamentare per la semplificazione nell’ambito dell’indagine conoscitiva sui servizi erogati dal Servizio Sanitario Nazionale...
01/06/2020

Dichiarazione del presidente Federfarma Marco Cossolo sull'acquisto del 70,77% del capitale di Farbanca da parte di Banca IFIS

Federfarma accoglie favorevolmente la comunicazione odierna sul completamento, con esito positivo, dell’acquisto del 70,77% del capitale di Farbanca  da parte di Banca IFIS. “L’avvenuta acquisizione di Farbanca da parte di Banca IFIS rappresenta sicuramente il viatico per la creazione, insieme a Credifarma, di un polo specializzato bancario del settore

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni