Edicola

Friuli, chiude il concorso e anche una farmacia

05/03/2013 09:27:52
Concorso straordinario al “rien ne va plus” anche in Friuli Venezia Giulia, che venerdì ha chiuso la fase delle candidature. In tutto sono 640 le domande presentate (delle quali 276 in forma associata), per un rapporto tra iscrizioni e farmacie in gara che - dopo il picco dell’Emilia Romagna - torna ad avvicinarsi al trend nazionale: sono 49, infatti, le sedi da assegnare nella regione, il che significa circa 13 candidati per farmacia, valore non molto dissimile da quello rilevato nella maggior parte degli altri concorsi.
Medie a parte, per i nuovi titolari friulani si prospetta un futuro non proprio in discesa. Già basterebbe il fatto che molte delle nuove sedi risultano collocate in zone e comuni di ridottissima appetibilità, a causa della dimensione prevalentemente montana della regione. Ma poi ci sarà da fare i conti con la spietata “concorrenza” delle Asl, che sta già mettendo a terra le farmacie in attività. Tanto che nei giorni scorsi si è registrato il primo fallimento di farmacia friulana e altre quattro rischiano di seguire a breve. Non è certo il primo caso in Italia (solo in Campania hanno dichiarato default già in cinque) ma in Federfarma regionale c’è la netta convinzione che la causa principale della chiusura vada imputata proprio all’aggressività dell’Azienda sanitaria competente per territorio, quella dell’Alto Friuli. «Abbiamo con la Regione un accodo sulla dpc che ci riconosce l’esclusiva» spiega il presidente di Federfarma regionale, Alessandro Fumaneri «ma l’Asl lo aggira perché distribuisce direttamente il primo ciclo terapeutico. Tutto compreso, anche i farmaci di fascia C. E a tutti, pazienti in dimissione e in visita specialistica, che così vengono riforniti a ogni passaggio dal medico. Risultato, molti titolari fanno sempre più fatica a stare nei conti». «La farmacia che è andata in default» rincara Alessandra Forgiarini, presidente di Federfarma Udine «si è vista ridurre in pochi anni le ricette rosse del 70%. Oggi in Friuli l’utile medio si è ormai ridotto a poco più di due euro a pezzo». E il sospetto è che buona parte dell’arretramento vada addebitato all’aggressività delle Asl friulane: «Per ora è soltanto un’ipotesi» conclude Forgiarini «ma stiamo analizzando i dati delle ricette per trovare le conferme. E intanto aspettiamo la decisione del Tar sul nostro ricorso contro la delibera regionale che ha dato via libera alle Asl per questi “aggiramenti” della dpc».

Ultime notizie

16/07/2020

Dichiarazione Marco Cossolo, presidente Federfarma, su operazione Nas Bari

“Mi auguro che i farmacisti destinatari delle perquisizioni effettuate dai Carabinieri del NAS su incarico della Procura di Bari possano dimostrare la loro estraneità ai gravissimi fatti contestati. In caso contrario Federfarma, che condanna fermamente ogni comportamento illecito, è pronta a costituirsi parte civile negli eventuali processi che dovessero aprirsi nei confronti...
30/06/2020

Emendamento su distribuzione farmaci in farmacia. Federfarma: "Accolte istanze dei soggetti fragili e dei malati cronici"

Federfarma esprime massima soddisfazione per l’approvazione,  da parte della V Commissione Bilancio della Camera,  dell’emendamento  al cosiddetto Decreto Legge...
11/06/2020

Elezioni Federfarma e Sunifar: Cossolo confermato alla Presidenza di Federfarma, Petrosillo eletto Presidente Sunifar

Si sono svolte oggi - con ottimi risultati sia in termini di partecipazione dei delegati sia di funzionamento delle piattaforme utilizzate per le votazioni in forma telematica - le elezioni per il rinnovo dei vertici di Federfarma, la Federazione nazionale che rappresenta le farmacie private convenzionate con il SSN, e di Federfarma-Sunifar, che, all’interno...
01/06/2020

Dichiarazione del presidente Federfarma Marco Cossolo sull'audizione di Antonio Gaudioso in Commissione parlamentare

Federfarma accoglie con particolare favore le dichiarazioni del Segretario Generale di Cittadinanzattiva, Antonio Gaudioso, rese nel corso dell’audizione in Commissione parlamentare per la semplificazione nell’ambito dell’indagine conoscitiva sui servizi erogati dal Servizio Sanitario Nazionale...
01/06/2020

Dichiarazione del presidente Federfarma Marco Cossolo sull'acquisto del 70,77% del capitale di Farbanca da parte di Banca IFIS

Federfarma accoglie favorevolmente la comunicazione odierna sul completamento, con esito positivo, dell’acquisto del 70,77% del capitale di Farbanca  da parte di Banca IFIS. “L’avvenuta acquisizione di Farbanca da parte di Banca IFIS rappresenta sicuramente il viatico per la creazione, insieme a Credifarma, di un polo specializzato bancario del settore

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni