Edicola

26/05/2021

Le Regioni studiano il protocollo estate

Avvenire, 26/05/2021
Enrico Negrotti
La campagna vaccinale anti-Covid procede speditamente. “A dare una mano per raggiungere gli anziani - scrive il quotidiano Avvenire - sono ormai in campo anche i farmacisti. Marco Cossolo, presidente di Federfarma, forte del boom delle prenotazioni in Lazio, ricorda che è già partita la Valle d'Aosta, mentre altre regioni si stanno organizzando: «Sono abbastanza avanti Piemonte, Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto», In Toscana intesa con farmacisti, medici di famiglia e dentisti. Più dibattuta la possibilità di effettuare la vaccinazione nelle località di villeggiatura”.
26/05/2021

Così le acque reflue svelano la curva epidemica

Avvenire, 26/05/2021
Vito Salinaro
I ricercatori dell’Istituto Mario Negri e dell’Università di Milano hanno analizzato la presenza di tracce del virus Sars-CoV-2 nelle acque reflue, riuscendo a realizzare un preciso monitoraggio, capace di anticipare di 7-14 giorni l'andamento della curva epidemica rispetto ai sistemi di sorveglianza ordinari.
“La sorveglianza virologica dei reflui urbani - spiega Sara Castiglioni dell’Istituto Mario Negri - ha grande potenzialità di impiego poiché permette di ottenere un profilo dei contagi includendo contemporaneamente le infezioni sintomatiche e asintomatiche di un'intera popolazione”.
25/05/2021

Fascicolo sanitario elettronico, solo nove regioni lo alimentano

Il Sole 24 Ore , 25/05/2021
Francesca Cerati
Con la pandemia i sistemi sanitari hanno dovuto implementare rapidamente i modelli di assistenza attraverso nuove tecnologie, per offrire servizi digitali. Un percorso lungo il quale proseguire per progettare sin da subito la sanità post-emergenza. In Italia la digitalizzazione della sanità sta crescendo, ma viaggia a diverse velocità ed è spesso frammentata e disomogenea. Il fatto che la spesa complessiva nel 2020 sia cresciuta del 5% (pari a 1,5 miliardi di euro) rispetto al dato del 2019 (era stata stimata pari a 1,43 miliardi di euro) significa che la direzione è giusta, ma restano ancora una serie di ostacoli. Oltre a quella di natura economica, una seconda difficoltà è rappresentata dalle barriere tecnologiche: non sempre le strutture sanitarie riescono ad integrare le nuove tecnologie nei sistemi informatici già esistenti.
25/05/2021

Recovery, la cabina di regia per i primi 24 miliardi a luglio

Corriere della Sera , 25/05/2021
Andrea Ducei
Raggiunta l’intesa sulla gestione del programma di spesa dei 204,5 miliardi del Next Generation Eu destinati all'Italia, più i 30,6 miliardi del Fondo complementare nazionale. L'intesa prevede un sistema di governance del Pnrr che opererà su tre livelli. Il primo avrà natura politica, con una cabina di regia a Palazzo Chigi e la direziono generale al Ministero dell'Economia. Un secondo livello riguarderà la gestione del dialogo sociale, attivando un tavolo permanente con parti sociali ed enti territoriali. Infine, il terzo livello sarà di natura tecnica. La cabina di regia politica, che sarà composta dai ministri e i sottosegretari competenti, avrà poteri di indirizzo, impulso e coordinamento generale sull'attuazione degli interventi del Pnrr. Periodicamente verrà fatta una relazione alle Camere.
24/05/2021

Locatelli: "Non vivremo mai più altri Lockdown da metà luglio basta mascherine all`aperto"

La Stampa, 24/05/2021
Niccolò Caratelli
“Tutte le decisioni sono state prese per non esporci al rischio di dover richiudere. La campagna di vaccinazione fa la differenza: ormai siamo nell'ordine delle 500 mila somministrazioni al giorno, usiamo il 93% delle dosi consegnate, più di 20 milioni di italiani hanno ricevuto la prima dose e più di 10 sono immunizzati con entrambe o con il monodose Johnson&Johnson”. Lo afferma Franco Locatelli, coordinatore del Comitato tecnico-scientifico e presidente del Consiglio superiore di sanità, che riguardo la possibilità di non utilizzare più le mascherine dichiara: “Credo che potremo parlarne nella seconda metà di luglio, eliminando l'obbligo solo all'aperto, o anche al chiuso tra persone vaccinate e non soggette a fragilità. Ma per ora continuiamo a portare la mascherina, non credo che impatti in modo eccessivo sulla socialità o sul nostro stile di vita. E consideriamo che, grazie anche alle mascherine, quest'anno praticamente non abbiamo dovuto fare i conti con l'influenza”.
23/05/2021

Vaccini fuori dagli hub e a casa: il piano guarda già all’autunno

Il Sole 24 Ore, 23/05/2021
Marzio Bartoloni
“In previsione di eventuali ulteriori richiami, si dovrà valutare la possibilità di ricondurre l'attività vaccinale quanto più possibile nell'alveo di tutte le strutture ordinarie del Ssn arrivando a coinvolgete la totalità dei medici di medicina generale, pediatri, farmacisti e altri operatori del Ssn, al fine di realizzare un sistema di vaccinazione sostenibile e stabile nel tempo, senza dover ricorrere a misure emergenziali”. Lo sottolinea il commissario straordinario Francesco Figliuolo nelle Linee guida sulla prosecuzione della campagna di vaccinazione nazionale inviate alle Regioni. Nella fase attuale, spiega Figliuolo, “iI graduale passaggio da vaccinazioni effettuate in maniera centralizzata presso gli hub vaccinali verso un sistema di vaccinazioni delocalizzate molto più capillare e prossimo ai cittadini, permetterà di completare l'immunizzazione delle categorie più fragili, degli over 80, dei cittadini con comorbilità e a ridotta mobilità, non ancora completamente intercettati”.
22/05/2021

Dal G20 sul Covid il no ai nazionalismi sanitari per i vaccini

Il Sole 24Ore, 22/05/2021
Gerardo Pelosi
La dichiarazione di Roma firmata a conclusione del Global Health Summit - presieduto dalla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e dal premier Mario Draghi - impegna i paesi del G7 e G20, insieme alle istituzioni internazionali (Banca mondiale, Fondo monetario internazionale, Organizzazione mondiale del commercio), a garantire un accesso equo ai vaccini. “L'unione Europea - ha dichiarato Ursula von del leyen - presenterà alla Wto una proposta, già discussa all'ultimo Consiglio Ue Commercio, per una "terza via" sui brevetti che prevede tre elementi: agevolazioni alle esportazioni, sostegno a una maggiore produzione, utilizzo dei brevetti sulla base della dichiarazione di Doha per la proprietà intellettuale che prevede una cessione obbligatoria di licenze in situazioni eccezionali.”
21/05/2021

Corsa a proteggere l’Africa o le varianti ci sfuggiranno

Il Messaggero, 21/05/2021
Mauro Evangelisti
“Bisogna proteggere anche i paesi meno ricchi. Non ci sono solo motivazioni etiche, ma anche epidemiologiche” afferma Roberto Cauda, direttore dell'Unità operativa di Malattie infettive del Policlinico Gemelli di Roma: “Se tu non proteggi tutti allo stesso modo, lasci delle sacche di endemia, il virus può continuare a circolare. Se il virus circola, si replica e può fare delle possibili mutazioni, commettendo degli "errori". Il più delle volte queste mutazioni non hanno un significato importante, ma in alcuni casi possono portare a delle varianti. Ne abbiamo già avute, come è noto, e per fortuna la risposta dei vaccini appare buona. Ma se il virus continuerà a circolare per anni in continenti grandi come l'Africa, c'è il rischio che si arrivi a una variante che possa eludere il vaccino”.
21/05/2021

Quegli altri vaccini da non dimenticare

Corriere della Sera Sette, 21/05/2021
Laura Cuppini
Tra le prestazioni sanitarie che hanno subito rallentamenti a causa della pandemia vanno annoverati i richiami dei vaccini di routine. “I vaccini schedulati entro i 24 mesi sono stati garantiti in tutte le regioni” afferma Antonio Ferro presidente della Società italiana di igiene, medicina preventiva e sanità pubblica (Siti), “mentre per le altre fasce di età ci sono stati dei problemi, che riguardano anche i richiami dei 6 anni. La situazione è, come spesso accade nella sanità, a macchia di leopardo: alcune regioni sono rimaste indietro, altre meno. E non dobbiamo pensare solo ai bambini; sono importantissimi i vaccini raccomandati per gli anziani (Zoster, pneumococco) e quello contro l'Hpv (Papillomavirus), offerto gratuitamente a maschi e femmine nell'undicesimo anno di età. L'Hpv è certamente il vaccino che ha sofferto di più negli ultimi mesi come livelli di coperture”.
20/05/2021

Sui vaccini la Ue pensa a licenze obbligatorie, non alla liberalizzazione

Il Sole 24 Ore, 20/05/2021
Beda Romano
A due settimane dalla proposta americana di liberalizzare l’uso dei brevetti sui vaccini contro il Covid-19, la Commissione europea ha annunciato ieri che intende proporre una soluzione alternativa nell'ambito dell'Organizzazione mondiale del commercio. L'obiettivo è aumentare la produzione e rilanciare le esportazioni, senza mettere a repentaglio le norme sulla proprietà intellettuale. L’idea è quella di introdurre l'uso di licenze obbligatorie (compulsory licensing), che offre maggiore protezione giuridica al titolare del brevetto, in quanto nel caso di rinuncia i diritti sono annullati, sparisce il legame tra il titolare e il brevetto. Nel caso, invece, di licenza obbligatoria, il legame giuridico rimane.
20/05/2021

Un miliardo e mezzo di iniezioni. Il 60 per cento in Cina, Usa e India

Corriere della Sera, 20/05/2021
Dai primi di dicembre, quando sono stai approvati i primi vaccini anti-Covid, nel mondo è stata superata la quota di un miliardo e mezzo di dosi somministrate in 210 Paesi, mentre 11 ancora non hanno avviato la campagna vaccinale. Il 60% delle dosi finora sono state iniettate in tre Paesi: Cina, Usa e India. Il dato più significativo è la percentuale della popolazione che ha ricevuto almeno la prima dose: è in base a questa cifra — in Italia pari al 32,4% — che in quasi ogni Paese vengono decise le misure di salute pubblica e le eventuali riaperture. Dalle varie esperienze osservate emerge con chiarezza che per uscire dalla pandemia occorre abbinare la vaccinazione al mantenimento di alcune restrizioni e di comportamenti virtuosi.
19/05/2021

Vaccini, Federfarma: «Da giugno iniezioni in farmacia. Aspettiamo le dosi»

Il Messaggero.it, 19/05/2021
“Le dosi arriveranno, come ci è stato promesso dalla strutturale commissariale, entro la fine di maggio, quindi supponiamo che nei primi giorni di giugno le farmacie italiane saranno pronte a vaccinare” dichiara il segretario nazionale di Federfarma, Roberto Tobia, ospite del programma TGtg su Tv2000. “Le farmacie sono pronte da tempo - sottolinea Tobia - e i farmacisti si sono formati attraverso un corso abilitante dell'Istituto Superiore di Sanità. Non partiremo tutti insieme, perché dovrà essere organizzata una logistica che permetta una diffusione capillare. Sicuramente nei primi 15 giorni di giugno in tutta Italia questo potrà avvenire”.
Visualizzazione risultati 85-96 (di 100)
 |<  <  1 2 3 4 5 6 7 8 9  >  >| 


Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni