Edicola

30/10/2019

Primo accordo sulla manovra. La cedolare affitti resta al 10%

Il Sole 24 Ore , 30/10/2019
Manuela Perrone, Marco Rogari
Prima intesa tra le forze di maggioranza sul Ddl di bilancio, atteso sabato al Senato. Attualmente il provvedimento non contempla l’aumento della cedolare secca sugli affitti, che resta al 10%, grazie al ritorno in pista della "tassa sulla fortuna". Ci sarà un inasprimento delle tasse sulle sigarette per 88 milioni, senza però toccare le e-cig; sono confermati 600 milioni in più per il pacchetto famiglia nel 2020, con la proroga del bonus bebè. Sono previsti: una dote aggiuntiva di 140 milioni per il piano Industria 4.0; una clausola congela-spese da 1 miliardo; un’ulteriore riduzione dei fondi di quota 100 e reddito di cittadinanza; la proroga dei bonus ristrutturazione e mobili. Ancora in corso le trattative sulle partite Iva.
30/10/2019

Il Parlamento preme sul Governo per l’equo compenso

Il Sole 24 Ore , 30/10/2019
Federica Micardi
La Camera ha approvato cinque diverse mozioni a tutela dei liberi professionisti. Il sottosegretario alla giustizia, Vittorio Ferraresi, si è dichiarato favorevole ad adottare interventi normativi per garantire l'effettiva applicazione del principio dell'equo compenso per le prestazioni svolte da professionisti a favore delle pubbliche amministrazioni, grandi imprese, banche e assicurazioni e ad avviare una mirata interlocuzione con tutte le professioni ordinistiche per poter elaborare una proposta normativa coerente ed unitaria sul tema. L'obiettivo delle mozioni era da una parte quello di ridurre le differenze che oggi esistono tra lavoratori dipendenti, tutelati da una serie di norme, e lavoratori autonomi spesso senza tutele, dall'altra di risolvere problematiche contingenti relative a tutte le partite iva o ad alcuni specifici settori. Si è parlato anche “della riformulazione della legge che consente alle farmacie di avere anche un socio unico di capitale, norma che ha aperto la strada a colossi stranieri a scapito dei professionisti nostrani”.
29/10/2019

Un nuovo Dg per l’Aifa per cambiare governance

Il Sole 24 Ore , 29/10/2019
Barbara Gobbi
Conto alla rovescia per il cambio di vertice all'Aifa: il ministro della Salute Roberto Speranza ha appena emesso l'avviso pubblico per la manifestazione d'interesse, con scadenza il 15 novembre. L’obiettivo del ministro è imprimere una nuova marcia all’Agenzia, deputata a garantire l'accesso al farmaco e il suo impiego sicuro e appropriato, a provvedere al governo della spesa farmaceutica, ad assicurare l'innovazione dei medicinali e a favorire gli investimenti in R&S.
29/10/2019

Farmaci Ssn, gli acquisti diretti volano al 60% della spesa

Il Sole 24 Ore , 29/10/2019
Marzio Bartoloni
Nel 2018 gli acquisti diretti hanno rappresentato il 60% della spesa farmaceutica pubblica. Nel 2001 questa voce di spesa che comprende i medicinali acquistati dalle aziende sanitarie e utilizzati in ospedale, quelli distribuiti direttamente al paziente o distribuiti dalle farmacie per conto delle Asl era pari al 18,2%. È poi salita al 39,4% nel 2010 e al 35,4% nel 2015, per arrivare al 60% nel 2018. Il dato è contenuto nel report annuale dell'Osservatorio farmaci del Cergas Bocconi. Secondo le stime effettuate dai ricercatori, i conti fatti dal Governo sui tetti per la spesa dei farmaci ospedalieri (quella per acquisti diretti) e quella convenzionata saranno sempre più fuori controllo nei prossimi tre anni: da una parte la spesa convenzionata (quella che passa attraverso le farmacie) passerà da un avanzo di 803 milioni nel 2018 a ben 1,692 miliardi nel 2021. Dall'altra la spesa per acquisti diretti di farmaci delle Asl registrerà un maxi sfondamento del tetto, che passerà da 2,24 miliardi del 2018 ai 2,62 miliardi nel 2021.
29/10/2019

Per il Quirinale è la manovra la vera prova del fuoco. E se c’è la crisi subito alle urne

Corriere della Sera , 29/10/2019
Marzio Breda
Secondo il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, più che le conseguenze del risultato elettorale in Umbria – dove ha vinto il centro-destra – sarà la prossima legge di bilancio a decidere le sorti dell’attuale maggioranza di governo. Se questa dovesse cadere, Mattarella ha più volte ribadito che non si adopererà per trovare alternative al fine di prolungare la legislatura fino al 2022. Piuttosto si tornerà alle urne, senza tenere conto dei calcoli su quali forze di Camera e Senato eleggeranno il suo successore al Quirinale.
28/10/2019

La carta d’identità della salute in un click

Il Sole 24 Ore , 28/10/2019
Antonello Cherchi
II fascicolo sanitario elettronico verso il traguardo finale: tutte le Regioni hanno aderito al progetto ed è da poco partita la sperimentazione del punto unico di accesso al Fse. Dal prossimo anno i cittadini potranno accedere al proprio fascicolo in qualsiasi momento e ovunque si trovino attraverso il portale nazionale. Attualmente la "porta d'ingresso" è il portale della regione in cui si risiede e possono insorgere difficoltà in caso di cambio di residenza.
28/10/2019

Umbria. Il tracollo dell’asse giallorosso, Lega in testa, FdI terzo partito

Corriere della Sera , 28/10/2019
F.ca.
In Umbria, tradizionale roccaforte di sinistra, vincono la Lega (37,3%) e la sua candidata alla presidenza delle Giunta regionale - la senatrice leghista Donatella Tesei (57,3%), appoggiata da tutto il centrodestra - con un vantaggio di più di venti punti rispetto a Vincenzo Bianconi (36,2%), il candidato civico di Pd e 5 Stelle. 
28/10/2019

Il mio dottore? Sono tanti e nemmeno li conosco

Il Giornale , 28/10/2019
Marta Bravi
Sempre più studi medici sono destinati a chiudere perché il titolare va in pensione e non ha alcun sostituto che gli subentri. I pazienti rimasti “orfani”, allora, cercano posto tra i medici rimasti, molti dei quali già massimalisti. Per ovviare il problema, è stata innalzata la quota massima di assistiti consentita per legge, che è passata da 1.500 a 2.000 per i medici di famiglia e da 800 a 1.400 per i pediatri. Parallelamente stiamo assistendo ad un’evoluzione della medicina di base verso il modello del poliambulatorio associato, dove il rapporto personale viene fortemente ridimensionato: si viene visitati dal primo medico disponibile.
27/10/2019

Contanti, evasori, Pos Così le nuove misure

Corriere della Sera , 27/10/2019
Lorenzo Salvia
Entra in vigore con la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale il decreto legge fiscale, che precede il disegno di legge di Bilancio. Tra le misure contemplate: la stretta sui contanti e le multe per i commercianti che non accettano i pagamenti con carta di credito o bancomat, che scatteranno però solo a luglio; la stretta sull'evasione fiscale e la lotteria degli scontrini; l'incentivo di 30 euro per chi acquista per la sua auto un seggiolino anti abbandono. Non rientrano nel provvedimento la tassa sulle bibite gassate, quella sulla plastica, le nuove regole sulle detrazioni fiscali, che dovrebbero essere inserite nella Legge di Bilancio.
27/10/2019

Misiani. "Evasori, no alle manette. Rivediamo le tasse su bibite e plastica"

La Repubblica , 27/10/2019
Roberto Petrini
“Abbiamo evitato una stangata Iva che sarebbe costata in media ad ogni famiglia 541 euro e aiutato il paese a ripartire tagliando le tasse ai lavoratori, abolendo il super ticket, rifinanziando gli incentivi di Impresa 4.0 e i bonus edilizi, promuovendo il più grande piano di investimenti pubblici della storia recente di questo paese. Misure finanziate con soldi veri, senza inventarsi nuove clausole di salvaguardia come avveniva in passato” questo, secondo il viceministro dell’Economia Antonio Misiani , il tratto distintivo della nuova manovra economica.
26/10/2019

Con il taglio al cuneo mille euro l’anno in più S&P conferma il rating

La Repubblica – , 26/10/2019
Roberto Petrini
Parziale incoraggiamento  per l’economia italiana arriva dall’agenzia di Rating Standard&Poor's che il giudizio dell’aprile scorso. La «bassa crescita» è una delle ragioni che ha impedito un miglioramento del verdetto di S&P, ma un segnale positivo viene dall'apprezzamento sugli obiettivi di finanza pubblica definiti «credibili». In particolare risulterebbe convincente l’idea del taglio al cuneo fiscale, con l'obiettivo di garantire un bonus medio di 1.000 euro ai redditi da lavoro dipendente che vanno dagli 8.174 euro ai 35 mila euro, in pratica una media di 85 euro al mese. Il passo più importante è l'introduzione del bonus anche per la fascia dai 26.600 euro ai 35.000, costituita da circa 4,5 milioni di lavoratori, che fino ad oggi non ha goduto di alcun beneficio.
25/10/2019

Maxitaglio da 3 miliardi. Bloccata fino a fine anno la spesa dei ministeri

Il Sole 24 Ore, 25/10/2019
Marco Mobili
Stop alle spese dei ministeri per tutto il 2019 con un taglio lineare sulle dotazioni da oltre 3 miliardi. Credito d'imposta agli esercenti pari al 30% delle commissioni addebitate per le transazioni effettuate a decorrere dal 1° luglio 2020 con carte di credito, bancomat e moneta elettronica. Rimodulazione degli acconti delle imposte di fine novembre. Queste le principali misure del decreto fiscale collegato alla legge di bilancio, per mettere in "sicurezza" complessivamente 1,5 miliardi di maggiori entrate tributarie.

Visualizzazione risultati 73-84 (di 6812)
 |<  <  3 4 5 6 7 8 9 10 11 12  >  >| 


Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni