Edicola

17/02/2021

Galli: «Le corsie invase dalle varianti. Uno su 3 con una mutazione Temo che lo scenario inglese possa ripetersi anche da noi»

Corriere della Sera , 17/02/2021
Stefano Landi
La variante "inglese" del coronavirus, “in termini di capacità di diffusione, è molto pericolosa. Per questo serve una campagna vaccinale molto rapida ed estesa, altrimenti è difficile venirne fuori”. Lo afferma Massimo Galli, direttore delle Malattie infettive dell'ospedale Sacco di Milano, che spiega: “Nel nostro laboratorio da tempo studiamo le sequenze del virus dei nostri ricoverati: quello che posso dire è che dei 20 letti che seguo direttamente almeno uno su tre ormai è occupato da contagiati da una variante. Non ho ancora dati precisi, ma possiamo ipotizzare si tratti di quella inglese. Per ora non abbiamo evidenza di altri ceppi”.
16/02/2021

L’allarme per la variante inglese «Ora misure in tutta Italia»

Corriere della Sera – 16 febbraio 2021, 16/02/2021
Lorenzo Salvia
Le mutazioni si stanno diffondendo velocemente e potrebbero diventare più aggressive. Per questo motivo l'Istituto superiore di sanità raccomanda di rafforzare le misure di contenimento prevedendo, in aggiunta alle misure nazionali, interventi mirati: le misure vanno “modulate ulteriormente laddove più elevata è la circolazione, inibendo in ogni caso ulteriori rilasci delle attuali misure in atto”. Uno studio dell’ISS volto a rilevare quanto sia diffusa, in Italia, la variante inglese del coronavirus, indica che la mutazione “è diffusa nell'88% delle Regioni partecipanti allo studio”. A livello nazionale la “stima di prevalenza (cioè la quantità di contagi dovuti a questa variante ndr) è fissata al 17,8% con un'ampia variabilità tra le diverse regioni”. La diffusione sul territorio nazionale, dunque, non è omogenea, ma questo potrebbe essere un fatto temporaneo.

15/02/2021

Palù – “Tre mesi di rinunce e avanti con i vaccini. Solo così eviteremo un’altra ondata”

Corriere della Sera – 15 febbraio 2021, 15/02/2021
Margherita De Bac
La terza ondata, secondo il presidente dell’Aifa Giorgio Palù, “si può evitare. Siamo in una fase discendente della curva epidemica, anche se lenta. Non è il momento di distrazioni. Fino a che l'abbassamento dell'Rt non sarà significativo, tutti noi siamo chiamati a rispettare le misure di protezione individuale ed evitare gli assembramenti”. L’invito alla popolazione è tenere duro ancora per qualche mese: “Le infezioni respiratorie – spiega Palù - raggiungono il picco in inverno e in primavera/estate si mitigano. Dobbiamo aver fiducia, spingendo sulle vaccinazioni e rinunciando per qualche altra settimana ad attenuazione di colori e tentazioni di riaperture”.

14/02/2021

Draghi, cinque emergenze per far ripartire l’Italia

La Repubblica – 14 febbraio 2021, 14/02/2021
Tommaso Ciriaco
Emergenza sanitaria, sociale, economica, scolastica e ambientale: “in queste cinque parole c'è tutto il nostro lavoro” ha affermato il neopresidente del Consiglio Mario Draghi, nel discorso del giuramento al Quirinale. Parola d’ordine per il nuovo governo è mantenere l’unità.  “Non è un'opzione, ma un dovere” precisa Draghi, che esorta ogni ministro a “rinunciare a qualcosa” in favore “dell'interesse nazionale”.
 

Visualizzazione risultati 97-100 (di 100)
 |<  <  1 2 3 4 5 6 7 8 9 >  >|


Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni