Edicola

10/06/2020

Ranieri Guerra: "L’Oms non ha cambiato idea rari i contagi da asintomatici"

Il Messaggero, 10/06/2020
Lucilla Vazza
Contagi da coronavirus  e asintomatici: il direttore aggiunto dell’Oms Ranieri Guerra fa chiarezza con un esempio. “Su 100 contagi, quanti sono causati da un vero asintomatico? E per ‘vero asintomatico’ va considerato chi non sviluppa nemmeno un sintomo blando, un po' di raffreddore, due linee di febbre, un accenno di congiuntivite. Quelli che non hanno niente di niente non sono frequentissimi e il contributo che danno ai nostri cento casi è veramente minimo. I criteri sono molto stringenti: basta un sintomo anche piccolo per classificarli come ‘paucisintomatici’. Il paucisintomatico è più contagioso dell'asintomatico vero, ma molto meno di chi ha sintomi forti. Il volume di ammissione virale è tanto più grave, quanto più è seria la condizione clinica”.
10/06/2020

II satellite svela i silenzi cinesi "Il Covid a Wuhan già in agosto"

La Stampa, 10/06/2020
Cecilia Attanasio Ghezzi
Secondo uno studio della Harvard Medical School la presenza del nuovo coronavirus a Wuhan sarebbe rilevabile già dal mese di agosto 2019. La ricerca, che è ancora in fase di valutazione "peer review", si basa su immagini satellitari e ricerche internet. Le prime dimostrerebbero un incremento netto dei veicoli che hanno affollato i parcheggi di cinque ospedali di Wuhan tra agosto e dicembre 2019, mentre le seconde registrano, a dicembre scorso, un picco di ricerche su Baidu, l’equivalente cinese di Google, delle parole ‘tosse’ e ‘diarrea’.
09/06/2020

Telemedicina: sfida senza regole, il ministero studia le linee guida

Il Sole 24 Ore, 09/06/2020
Marzio Bartoloni
Il ministero della Salute, nelle Linee guida per la progressiva riattivazione delle attività programmate, indica di “privilegiare modalità di erogazione a distanza (telemedicina, videochiamata, videoconferenza) per particolari tipologie di prestazioni (es. alcune tipologie di visite di controllo, aggiornamento di piani terapeutici)”. A parte la sfida dell’adeguamento tecnologico, che prevede investimenti importanti per i quali si potrebbero utilizzare i fondi europei (dal Mes al Recovery plan), il primo vero ostacolo è di carattere normativo: mancano regole comuni e la fotografia attuale è quella di un'Italia a più velocità. L'emergenza Covid ha spinto alcune Regioni ad accelerare l'introduzione della telemedicina incentivando il suo utilizzo durante il lockdown: al momento, tra aprile e maggio, hanno adottato delle delibere ad hoc Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Toscana e Provincia di Trento.
09/06/2020

La pandemia avanza: i casi superano i sette milioni

Corriere della Sera, 09/06/2020
Monica Ricci Sargentini
Se la situazione dell’epidemia del Covid in Europa sta migliorando, a livello globale i dati continuano ad essere allarmanti. Lo ha sottolineato il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus. “Quasi il 75% dei casi proviene da 10 paesi, principalmente nelle Americhe e nell'Asia meridionale. La situazione del Sud America è quella che ci preoccupa di più”. Il Brasile è secondo per numeri di contagi solo agli Stati Uniti. Ma da diversi paesi giungono anche segnali positivi: a cominciare dalla Nuova Zelanda, dichiarata Covid-free dopo che l'ultimo paziente positivo è stato considerato guarito.
09/06/2020

Caos guanti: inutili e dannosi Ed e allarme anti-influenzali

Il Giornale, 09/06/2020
Enza Cusmai
L’Organizzazione mondiale della sanità boccia l’uso dei guanti monouso, perché può “aumentare il rischio di infezione, dal momento che può portare all'auto-contaminazione o alla trasmissione ad altri quando si toccano le superfici contaminate e quindi il viso”. Resta invece la raccomandazione di lavare spesso le mani con sapone o gel disinfettanti. Un'altra carta sulla quale si punterà sarà il vaccino antinfluenzale, che permetterà di agevolare le diagnosi del covid. Il ministero della Salute raccomanda il vaccino a over 60 e bambini fino ai sei anni, ma con l’approvvigionamento “siamo in ritardo - spiega il virologo Andrea Crisanti - le dosi dovevano essere prenotate già mesi fa - e in Italia ne servirebbero per lo meno 20 milioni”. Ad oggi, solo sette Regioni hanno chiuso le gare d'appalto per l'acquisto delle dosi: Sicilia, Puglia, Toscana, Campania, Marche, Umbria, Bolzano. Non hanno ancora pubblicato neppure la gara l'Abruzzo, il Molise e la Basilicata. Le altre Regioni, invece, sono a bando aperto.


08/06/2020

Mattarella: «No ai conflitti fra istituzioni»

Corriere della Sera, 08/06/2020
Marzio Breda
“La libertà dei territori e l'autonomia delle comunità sono un contributo all'unità nazionale, nel quadro di leale collaborazione tra i diversi livelli istituzionali. Le intese tra Stato, Regioni, Comuni, Province sono parte qualificante dell'azione di governo”. Lo ha sottolineato il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel messaggio con cui ha celebrato il cinquantenario delle Regioni a statuto ordinario. “L'esperienza delle Regioni ha attraversato diverse stagioni, è stata oggetto di confronti intensi, e di riforme che hanno modificato non solo il profilo legislativo e amministrativo degli enti, ma anche il funzionamento complessivo dei poteri democratici della Repubblica” ha ricordato Mattarella. “Dopo mezzo secolo di esperienza la riflessione è ancora aperta, e la stessa lotta alla pandemia ci ha posto di fronte a nuovi interrogativi su come rendere migliore il servizio ai cittadini ed evitare che conflitti e sovrapposizioni tra istituzioni possano creare inefficienze paralizzanti o aprire pericolose fratture nella società. Le diversità, se non utilizzate in modo improprio, sono un moltiplicatore di crescita civile, economica, culturale”.
08/06/2020

Dalla salute dei più fragili dipende il futuro dei più forti Ecco il patto tra generazioni

Corriere della Sera, 08/06/2020
Ilaria Capua
“Bisogna far leva sul patto intergenerazionale, proteggere se stessi per proteggere il Ssn da un potenziale tracollo” afferma la scienziata Ilaria Capua. “Riflettiamo su questo virus che mette tutto sottosopra e ci fa combattere una battaglia in cui i forti sono in realtà deboli, perché è dalla salute dei più fragili che dipenderà la ripresa dei più forti. E ricordiamoci bene che la forza della catena è data dalla resistenza dell'anello più debole, non dalla forza di tutti gli altri”.
07/06/2020

Ricciardi: «In Lombardia il virus circola ancora molto Mes occasione imperdibile per rafforzare la Sanità»

Il Sole 24 Ore, 07/06/2020
Marzio Bartoloni
“La situazione in quasi rutta l'Italia è in netto miglioramento- Le aperture del 4 maggio sono state assorbite bene e possiamo cominciarlo a dire anche per quelle del 18 maggio. Resta però un problema in Lombardia e in parte anche in Piemonte dove la circolazione del virus è ancora abbastanza intensa” afferma Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza e rappresentante italiano nel Consiglio dell’Oms. “Direi che le prossime due settimane sono cruciali anche perché si vedranno gli effetti della mobilità degli italiani”. Per quanto riguarda la riorganizzazione della sanità, secondo Ricciardi “se si decidesse di utilizzare le risorse del Mes si potrebbero garantire delle condizioni ottimali al Servizio sanitario. Si potrebbe una volta per tutte superare l'imbuto formativo che esclude tanti giovani medici dalla specializzazione. Cosa grave per un Paese come il nostro che ha carenza di medici specialisti e tra l’altro ha bisogno di intervenire sull'organico non solo dei camici bianchi ma anche degli infermieri. E poi molti ospedali sono fatiscenti e vanno rimodernati”.
06/06/2020

L`epidemia piega il Pil del 9,2% nonostante le misure del governo

Il Sole 24 Ore, 06/06/2020
Davide Colombo, Carlo Marroni
A causa del Covid-19 quest’anno il Pil italiano si ridurrà  del -9,2%, ma potrebbe addirittura arrivare a un -13,1% se i contagi dovessero ripartire nei prossimi mesi imponendo nuove quarantene antivirus e nuovi blocchi delle produzioni. Questo lo scenario disegnato dagli analisti della Banca d’Italia: una previsione più pessimista di quella del Governo, che nel Def di aprile stimava una caduta limitata a -8%, e del Fmi (-9,1%, sempre in aprile),  ma migliore della stima della Commissione Ue di metà maggio (-9,5%).
06/06/2020

Il pasticcio della clorochina Quando la fretta di primeggiare manda in tilt anche la scienza

La Repubblica, 06/06/2020
Luca Fraioli
II coronavirus non ha mandato in tilt solo le terapie intensive di mezzo mondo. Ha fatto collassare anche il sistema delle riviste scientifiche: una pandemia di articoli si è abbattuta sulle redazioni e sui referee, gli scienziati che valutano le ricerche altrui e danno il via libera alla pubblicazione. Con effetti dirompenti, come dimostra il caso dell'idrossiclorochina. La sperimentazione del farmaco nei malati di covid è stata bloccata in seguito alla pubblicazione di uno studio secondo cui i rischi superavano i benefici. Lo studio non ha convinto la comunità scientifica ed è stato poi ritrattato dagli autori perché non attendibile. La vicenda si inserisce in uno scenario caotico, con migliaia di team scientifici e aziende che inseguono il risultato di una cura contro il virus e dove c'è chi addirittura affida i suoi presunti risultati ai comunicati stampa, anziché ad articoli scientifici.
05/06/2020

"La sanità bloccata per colpa del virus farà più morti dell’epidemia"

La Repubblica, 05/06/2020
Michele Bocci, Rory Cappelli
Secondo una ricerca del centro studi Nomisma di Bologna, a settembre, complice anche il fatto che in agosto questa attività praticamente si interrompe, ci saranno 4 milioni di esami di screening da fare entro dicembre. Cioè i due terzi del totale dell'anno. A ostacolare il recupero delle liste d'attesa, in questo campo come negli altri, c'è il fatto che ambulatori e reparti non possono ancora viaggiare a pieno regime. Si stima che le misure anti coronavirus, ribadite dal ministero della Salute nelle linee guida per le riaperture, riducano tuttora del 20-30% l'attività. Questo perché bisogna dare appuntamenti più distanziati ai pazienti per evitare incontri in sala d'attesa, perché si devono sanificare apparecchiature e locali dopo ogni esame o visita, etc.
05/06/2020

Crisanti: è un errore dire che il virus non c`è più. Attenzione all’autunno

Corriere della Sera, 05/06/2020
Andrea Pasqualetto
“L'epidemia non è come un terremoto o un'inondazione. È un evento dinamico, si muove nel tempo e non si possono trarre delle conclusioni definitive da una singola osservazione. Non ha senso dire che il virus non esiste più, a tutti i livelli: è una follia. Per me esiste”. Lo afferma il virologo Andrea Crisanti, secondo cui sappiamo ancora troppo poco sul comportamento di questo coronavirus per arrivare a qualche conclusione certa. Sembra comunque che il virus sia sensibile alla temperatura “Gli altri coronavirus lo sono, come la maggior parte delle infezioni respiratorie. In estate cambiano anche le abitudini, si sta all'aperto, le micro goccioline si disidratano più rapidamente. Tutto questo naturalmente concorre a bloccare la trasmissione” spiega Crisanti.
Visualizzazione risultati 61-72 (di 7268)
 |<  <  2 3 4 5 6 7 8 9 10 11  >  >| 


Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni