Edicola

02/03/2022

L’inflazione corre, prezzi al 5,7%. Il Pil al 6,6% ma adesso frena

Corriere della Sera, 02/03/2022
Enrico Marro
Secondo le stime preliminari dell'Istat, a febbraio l'indice dei prezzi al consumo è salito dello 0,9% rispetto a gennaio e del 5,7% su base annua. Tale accelerazione è dovuta ai prezzi dei beni energetici, la cui crescita passa da +38,6% di gennaio a +45,9%. Ma aumentano anche i prezzi di alcuni generi alimentari, come grano, mais e soia. L’Istat ha anche certificato che il Pil in Italia ha visto nel 2021 «una crescita di intensità eccezionale», pari al 6,6% rispetto al 2020. Tale crescita, superiore alle attese del governo, ha contribuito alla riduzione del deficit di bilancio, che è stato pari al 7,2% del Pil (rispetto al 9,4%previsto a settembre nella Nota di aggiornamento del Def) contro il 9,6% del 2020. È sceso anche il debito pubblico, pari nel 2021 al 150,4% del Pil (nella NaDef si stimava 159,8%) contro il 55,8% del 2020. Quest'anno, probabilmente, le stime saranno peggiori: secondo il commissario UE all'Economia, Paolo Gentiloni, l'instabilità internazionale rallenterà la crescita in Europa di 0,5/0,7 punti percentuali rispetto al +4% previsto in precedenza, «ma non la soffocherà».
02/03/2022

Quelle pillole cha alzano la pressione (ma non lo sappiamo)

Panorama, 02/03/2022
Maddalena Bonaccorso
A parte i noti fattori di rischio che favoriscono l’ipertensione - età, sovrappeso, sedentarietà, eccesso di sale e/o caffè – ne esistono altri, legati al consumo non appropriato di comuni farmaci quali antinfiammatori, cortisonici, contraccettivi, antidepressivi o integratori. Lo conferma uno studio americano, svolto nell'ambito del National Health and Nutrition Examination Surveys, pubblicato sulla rivista Jama internal Medicine. L’indagine è stata condotta su 27.599 adulti, di cui il 35,4% con valori pressori sopra i limiti. Di questi, il 17,5% aveva un'ipertensione non trattata e assumeva terapie di altro tipo che finivano per alzarla; il 18,5% era in cura per la pressione, ma assumeva farmaci che la aumentavano. Nella maggior parte dei casi si trattava di farmaci senza ricetta, che interagiscono con la pressione del sangue.
25/02/2022

Pandemia, SOS dei cardiologi: tagliato il 68% degli interventi

Avvenire, 25/02/2022
Vito Salinaro
Gli “effetti collaterali” della pandemia sono sempre più evidenti. Secondo la Società italiana di cardiologia (SIC), durante l'ultima ondata di Covid-19 in molti ospedali l'assistenza cardiologica è stata drasticamente ridotta. Fra novembre 2021 e gennaio 2022, il 68% delle strutture ha tagliato interventi e ricoveri, il 50% ha diminuito gli esami diagnostici, il 45% ha ridotto le visite ambulatoriali. La conseguenza è che la mortalità per infarto e ictus rischia di tornare ai livelli di 20 anni fa. “La variante Omicron e il vaccino hanno ridotto significativamente le forme gravi di Covid, invece le conseguenze dirette e indirette della pandemia sulle malattie cardiovascolari sono sottovalutate» dichiara Ciro Indolii, presidente Sic. La necessità di assicurare posti ai pazienti Covid-19 e la “mancata programmazione nei mesi precedenti” hanno portato ad una riorganizzazione sanitaria comportando la diminuzione di interventi e terapie.
25/02/2022

Patto di stabilità Ue: più flessibilità per rischi geopolitici

Il Sole 24 Ore, 25/02/2022
Beda Romano
II rischio geopolitico entrerà nei criteri indicati nelle linee guida che la Commissione europea sta predisponendo per consentire agli Stati membri di gestire con gradualità la transizione verso le nuove regole di bilancio coni il superamento dei Patto di stabilità e di crescita, sospeso da quasi due anni. Non solo l'inflazione o il debito, dunque, ma anche l'incertezza provocata da eventuali tensioni politiche tra Stati.
25/02/2022

La molecola che ha salvato il mondo

La Repubblica Salute, 25/02/2022
Letizia Gabaglio
Con i vaccini anti-Covid la molecola RNA si è dimostrata uno strumento efficace di prevenzione. Sono in corso numero studi per studiarne le potenzialità rispetto al contrasto di numerose patologie: tumori, malattie immunologiche, neurologiche, respiratorie. “Per decenni si è pensato che le molecole fondamentali per la vita fossero DNA e proteine, la prima la custode delle informazioni, le seconde le esecutrici. Poi però con l'affinarsi delle nostre conoscenze biologiche abbiamo capito che l'RNA svolgeva un ruolo molto importante: era come se all'inizio vedessimo solo la punta dell'iceberg”, spiega Irene Bozzoni, professoressa ordinaria di Biologia Molecolare all'Università La Sapienza di Roma. “Per esempio, adesso sappiamo che la prima forma di vita deve essere stata una molecola di RNA e non di DNA perché ha le due caratteristiche che servono: riprodursi mantenendo il set di informazioni e svolgere specifiche funzioni”.
17/02/2022

A Hong Kong l’ondata che fa paura. I letti anche in strada

La Repubblica, 17/02/2022
Gianluca Modolo
Hong Kong sta vivendo la peggiore ondata di contagi dall’inizio della pandemia, a causa della facilità con cui si diffonde la variante Omicron. Dall'inizio di febbraio i casi sono aumentati di 40 volte. Circa 12.000 cittadini positivi al virus - anche con sintomi lievi o asintomatici - attendono di trovare un posto libero per mettersi in isolamento, come prevede la strategia adottata dal governo: tutti i positivi, anche gli asintomatici e quelli con sintomi lievi, devono andare in isolamento all’interno di strutture dedicate.
17/02/2022

"Africa senza dosi mentre l’Ue ne spreca 55 milioni"

La Stampa, 17/02/2022
A causa della scarsità di vaccini, in Africa ha ricevuto le prime due dosi di vaccino anti-Covid solo l’11% della popolazione e si stima che, dall'inizio dell'anno, siano morte di Covid almeno 250 mila persone, quasi 7 mila al giorno. L'Unione Europea, che dall’inizio dell’anno ha donato all’Africa 30 milioni di dosi, entro fine febbraio dovrà buttarne 55 milioni, perché in scadenza. Lo denunciano Oxfam ed Emergency, alla vigilia del summit a Bruxelles tra UE e Unione Africana.
16/02/2022

Speranza: da UE 625 milioni per la Sanità del Sud

Il Sole 24 Ore, 16/02/2022
Marzio Bartoloni
Per la prima volta la Commissione UE finanzia un Piano operativo nazionale sulla Salute, per il quale avremo 625 milioni dedicati al nostro Mezzogiorno che si vanno ad aggiungere ai fondi per la salute del PNRR. Lo ha reso noto ieri il ministro della Salute Roberto Speranza in audizione alla Camera sulla missione 6 (Salute) del PNRR.
16/02/2022

L’attività fisica è senior: benefici anche a 70 anni

Il Messaggero, 16/02/2022
L'attività fisica fa bene a qualunque età, anche oltre i 70 anni.  Lo dimostra uno studio osservazionale appena pubblicato sulla rivista scientifica Heart da un gruppo di ricercatori dell'Università di Padova. La ricerca si è focalizzata sui benefici dell'attività fisica praticata dai grandi anziani rispetto alla salute cardiovascolare. Lo studio ha coinvolto 3.099 italiani over 65, nei quali sono stati valutati storia clinica, abitudine al fumo, consumo di alcol, grado di istruzione, ceto sociale e una serie di esami, tra il 1995 e il 1997. Tutti sono stati rivalutati a distanza di 4 e di 7 anni e monitorati fino al 2018. I benefici maggiori si sono osservati in chi praticava attività fisica già all'età di 70 anni e in chi svolgeva dai 20 ai 40 minuti di attività fisica moderata-intensa tutti i giorni.
15/02/2022

Lagarde frena sui tassi: rialzo al momento giusto

La Repubblica, 15/02/2022
Claudio Tito
Presentato ieri a Strasburgo, durante la sessione plenaria del Parlamento UE, il rapporto annuale della BCE che, afferma la presidente Christine Lagarde, resta “impegnata ad ottemperare al suo mandato relativo alla stabilità dei prezzi, come abbiamo fatto per vent'anni. L'obiettivo è un tasso di inflazione del 2% nel medio termine. Per raggiungerlo, agiremo al momento giusto”. Secondo Lagarde occorre flessibilità, ma “un aumento del tasso non ci sarà prima della conclusione degli acquisti netti di titoli. Qualsiasi aggiustamento della nostra politica sarà graduale”. Il Programma di acquisti di titoli per fronteggiare la crisi pandemica (PEEP) non si concluderà prima di fine marzo.
15/02/2022

Tumori: Fondazione Veronesi, 10 mln investiti dal 2014 contro cancro bimbi

Oggitreviso.it, 15/02/2022
AdnkronosSalute.com
Quasi 10 milioni di euro raccolti e investiti nella lotta ai tumori dei bambini, finanziando l’attività di 144 ricercatori e l'avvio di protocolli di cura per diverse neoplasie in età pediatrica: dal neuroblastoma alla leucemia mieloide acuta e al linfoma di Hodgkin, dall'ependimoma a medulloblastoma e sarcomi. Tutto questo grazie al programma 'Gold for kids' avviato nel 2014 dalla Fondazione Umberto Veronesi, che rinnova il proprio impegno in occasione della XXI Giornata mondiale contro il cancro infantile. "Il nostro obiettivo è massimizzare le probabilità di guarigione e migliorare la qualità di vita dei bambini e dei giovani che si ammalano di tumore - dichiara Paolo Veronesi, presidente della Fondazione intitolata al padre -. Finanziamo la ricerca e le migliori cure mediche per i giovani pazienti oncologici attraverso l'attivazione dei protocolli di cura; svolgiamo attività di informazione e divulgazione sul tema dei tumori nei bambini e nei ragazzi, con particolare attenzione ai giovani e alle scuole; mettiamo in atto iniziative per sensibilizzare l'opinione pubblica e le istituzioni competenti sui bisogni degli adolescenti malati di cancro”.
14/02/2022

Ricciardi: "Il virus non sparirà L’obbligo deve restare in vigore fino alla fine dell’anno"

La Repubblica, 14/02/2022
Michele Bocci
“Non dobbiamo pensare che sia tutto finito. Certo, i risultati raggiunti devono soddisfarci, ma il virus continua a circolare e ci vuole ancora attenzione, abbassare le difese rende possibile un ritorno di fiamma dell'epidemia” afferma Walter Ricciardi, consulente del ministro alla Salute Roberto Speranza. “L'obbligo (di vaccinazione per gli ultra cinquantenni ndr) in questo momento è funzionale a evitare questo ritorno. Ci sono ancora 5 milioni di non vaccinati che tengono alto il numero dei morti. Per loro il virus resta molto temibile”. Anche il Green Pass, spiega Ricciardi, “serve ancora. Insieme alla vaccinazione deve diventare uno dei due perni della nuova normalità. Se li togliamo siamo a rischio. Deve essere chiaro a tutti: il virus circola ed è temibile. È un'altra malattia che si aggiunge a quelle che già conosciamo, è molto più pericolosa dell'influenza e dobbiamo gestirla”.
Visualizzazione risultati 49-60 (di 100)
 |<  <  1 2 3 4 5 6 7 8 9  >  >| 


Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
Cliccando su “Accetta tutti i cookie”, viene accettata la memorizzazione, sul dispositivo, dei cookie che servono a migliorare la navigazione del sito e analizzare l'utilizzo del sito.
Maggiori informazioni