Edicola

05/06/2019

C’è un portale che ci salverà la vita

Panorama, 05/06/2019
Luca Sciortino
Il «fascicolo digitale» consente di raccogliere ricette, visite specialistiche e referti, per condividerli con il proprio medico e, magari, tramandarli ai figli. Ciò permetterà di sapere non solo la propria storia clinica ma anche quella della famiglia, dai genitori ai nonni ai fratelli: conoscenze utili in caso di malattie che hanno una causa genetica. Quasi tutte le Regioni stanno lavorando per costituire il Fascicolo sanitario elettronico, con tutte le informazioni sanitarie di ogni cittadino. Secondo i dati del ministero della Salute “a oggi sono attivi 11 milioni e 897 mila fascicoli sanitari digitali in 18 regioni” e “grazie all'infrastruttura nazionale per l'interoperabilità, prevista dalla Legge di bilancio per il 2017, queste informazioni sono rese appunto interoperabili, per consentirne la consultazione da tutto il territorio nazionale”. Tuttavia, precisa il ministero, “ciò non significa che le informazioni del fascicolo siano archiviate sulla piattaforma nazionale ma, grazie a un sistema di indici, si possono recuperare nella sede regionale dove sono fisicamente conservate”. Siamo quindi ancora lontani non solo dall'uso di un fascicolo sanitario elettronico per tutta la popolazione di ogni singola area, ma anche per un'omogeneizzazione nazionale dei criteri di prevenzione e archiviazione.
04/06/2019

Negli ospedali mancano medici. In Molise arrivano quelli militari

Corriere della Sera, 04/06/2019
Margherita De Bac
Veneto, Friuli Venezia Giulia e Piemonte richiamano i pensionati. La Toscana arruola nei pronto soccorso giovani all'ultimo anno di specializzazione. Il Molise, legato ai vincoli del piano di rientro dal deficit che non permettono di richiamare gli ex camici bianchi ne’ di appoggiarsi a società esterne, il commissario alla Sanità fa appello alla Difesa: saranno i medici militari a tamponare i buchi degli organici in ospedale. Saranno arruolati i medici in ausiliaria, andati in pensione  con il grado di colonnello e generale, che accettano di restare a disposizione dello Stato e di essere reimpiegati dove possono essere d'aiuto.
04/06/2019

Nessuno sconto dalla Ue «Procedura per il debito»

Il Messaggero, 04/06/2019
Antonio Pollio Salimbeni
La risposta del ministro Tria alle richieste di chiarimento sull'esistenza di "fattori rilevanti" (bassa crescita e "quasi deflazione" secondo il governo) che possano giustificare il mancato rispetto della regola del debito non viene giudicata sufficiente da Bruxelles. Il commissario agli affari economici Moscovici aveva evocato chiaramente la necessità di discutere su "una manovra" di correzione dei conti, ma il governo italiano non intende impegnarsi in tal senso. Moscovici ha inoltre ricordato che “l'Europa è una comproprietà: ci sono delle regole che tutti osservano e non può esserci uno solo che non le rispetta”.
03/06/2019

Moscovici: «Credo nel dialogo con l’Italia ma sul debito le regole vanno rispettate»

Corriere della Sera, 03/06/2019
Enrico Marro
“La mia parola d'ordine è dialogo, ma ci sono regole che nessuno può ignorare” afferma il commissario europeo per gli Affari economici, Pierre Moscovici. Mercoledì la Commissione potrebbe accompagnare le Raccomandazioni all'Italia con un Rapporto sul debito propedeutico all'apertura di una procedura d'infrazione. Non solo. Potrebbe anche chiedere una manovra bis di qualche miliardo per l'anno in corso. Entrambe le ipotesi sono considerate improbabili dal ministro dell’Economia, Giovanni Tria, convinto che il deficit 2019 sarà “significativamente al di sotto delle previsioni della Commissione”.
02/06/2019

Da tagli, welfare e sconti fiscali dote di 12 miliardi per la manovra

Il Sole 24 Ore, 02/06/2019
Marco Rogari
Il ministro dell'Economia Giovanni Tria e i tecnici di Governo cominciano a ipotizzare le eventuali aree dalle quali attingere le risorse necessarie per costruire la manovra autunnale da 30-35 miliardi. E continuano a escludere correzioni estive, in aggiunta al già previsto congelamento in via permanente per quest'anno dei 2 miliardi di tagli ai ministeri. Un punto di partenza sarebbe rappresentato da una dote minima di almeno 12 miliardi. Circa un terzo (4-5 miliardi) sarebbe garantito dalla riduzione degli sconti fiscali, altri 3-4 miliardi dovrebbero rimanere in cassa per effetto della minore spesa che verrà contabilizzata rispetto gli stanziamenti previsti dai fondi per reddito di cittadinanza e quota 100. Risorse di analoga entità dovrebbero essere infine recuperate con la nuove fase di revisione della “spesa comprimibile”.
02/06/2019

Il biologico «inquinato» dai concimi fuori legge

Avvenire, 02/06/2019
Paolo Viana
Molti prodotti nelle coltivazioni biologiche sono concimati con fertilizzanti illegali. Due su dieci, secondo i controlli della Repressione Frodi. Tali fertilizzanti spesso contengono principi attivi vietati dalla legge, ma in qualche caso nascondono anche sostanze velenose per l'uomo. È il caso della matrina, un alcaloide usato nei Paesi poveri come pesticida, perché costa poco. Recentemente, sono state sequestrate nel Lazio grandi quantità di fertilizzanti alla matrina. Li usavano per coltivare ortaggi biologici.
01/06/2019

Lettera inviata a Bruxelles dopo lo scontro Tria-Di Maio

Il Sole 24 Ore , 01/06/2019
Manuela Perrone, Gianni Trovati
La risposta alle richieste di chiarimenti da parte dell’Ue sul debito pubblico crea scompiglio nel Governo. Oggetto di discussione è stata la bozza di una risposta, firmata dal ministro dell’economia Giovanni Tria, che indica tra i fattori di miglioramento dei saldi le riduzioni di spesa per «le nuove politiche del welfare (reddito di cittadinanza e quota 100)». Immediata la reazione del vicepremier Luigi di Maio. La versione finale del testo inviato a Bruxelles, non contiene la parentesi incriminata, mentre resta invariata per tutto il resto, mantenendo i tre argomenti chiave che dovrebbero  convincere la Commissione europea: nel 2018 il saldo strutturale non peggiora rispetto agli obiettivi concordati, quest'anno il deficit si chiuderà sotto il 2,4% previsto nel Def anche per i risparmi dal welfare, per il 2020-21 viene ribadita la riduzione di disavanzo e debito.
31/05/2019

La risposta alla Ue: deficit sotto il 2,4% per le minori spese

Il Sole 24 Ore, 31/05/2019
Gianni Trovati
Il deficit 2019 si potrà fermare sotto il 2,4% indicato nel Def perché le spese saranno minori del previsto, mentre le entrate stanno mostrando una dinamica più vivace. Questo uno degli argomenti chiave della risposta che il ministro dell'Economia Giovanni Tria invierà oggi alla richiesta di chiarimenti sui conti italiani arrivata mercoled da Bruxelles. Tra i fattori rilevanti che giustificano un debito 2018 fuori linea rispetto agli obiettivi concordati con Bruxelles, il ristagno della congiuntura internazionale. Una cura dei conti troppo rigida, sottolinea il ministro Tria, metterebbe a rischio i segnali di ripresa che sembrano affacciarsi: “Se l'Italia andasse in recessione sarebbe un male per tutti Paesi europei”.
31/05/2019

Il 23 per cento degli italiani fuma ma quasi tutti vorrebbero smettere

La Verità, 31/05/2019
Umberto Tirelli
“L'Organizzazione mondiale della sanità sponsorizza ogni anno la Giornata mondiale senza tabacco (che si celebra oggi, 31 maggio ndr), per richiamare l'attenzione sulla serietà dell'impatto del tabacco sulla salute. Lo smettere di fumare, tema della giornata di quest'anno, rappresenta un passo importante verso una riduzione sostanziale dei rischi sanitari che vengono corsi oggi dagli attuali fumatori, migliorando pertanto la salute nel mondo”. Occorrono sforzi intensivi mirati a far smettere di fumare. “Diversi studi hanno dimostrato che il 75-80% dei fumatori vuole smettere, mentre un terzo ha almeno tentato più volte seriamente di smettere di fumare. Se soltanto una piccola percentuale degli attuali 1,1 miliardi di fumatori fosse capace di smettere di fumare, i benefici a lungo termine sulla salute e sull'economia sarebbero immensi”.
30/05/2019

Come cambia la cura con l’arrivo del 5G

Il Sole 24 ore, 30/05/2019
Francesca Cerati
Recuperare le funzionalità dopo un ictus attraverso la realtà virtuale; interagire con i neonati nelle incubatrici; monitorare il periodo di convalescenza con dispositivi indossabili intelligenti. Questi sono solo alcuni esempi di quanto sarà possibile fare con la rete mobile di quinta generazione (5G). La tecnologia 5G garantirà molta più banda e maggiore velocità rispetto a oggi, consentendo di gestire servizi molto più complessi: non solo telemedicina, ma anche telechirurgia. I primi esperimenti si stanno svolgendo in Cina, dove lo scorso gennaio un chirurgo ha rimosso il fegato di un animale da laboratorio a circa 50 chilometri di distanza usando il robot da Vinci e la rete 5G.
30/05/2019

Sanzioni per chi sgarra ma è fondamentale il ruolo dei farmacisti

Corriere Salute, 30/05/2019
Maria Giovanna Faiella
Le farmacie rivestono un ruolo fondamentale nel contrasto del fenomeno della carenza dei farmaci sul territorio. “È importante che segnalino la carenza del farmaco alla propria regione, cui spettano i controlli” afferma Andrea Cicconetti, segretario di Federfarma Roma. “In alcune regioni, come per esempio nel Lazio, è stata attivata la procedura di comunicazione informatica che permette di rilevare con maggiore tempestività le carenze tramite il portale messo a disposizione da Federfarma regionale, che riceve le segnalazioni trasmesse dai farmacisti attraverso la scheda elettronica e le invia alla regione che, a sua volta, le trasmette all'Aifa per i controlli incrociati e gli interventi da mettere in campo. Così il cerchio si chiude” continua Cicconetti. Per esempio, se un farmaco risulta irreperibile in base ai dati regionali, ma Aifa non ha ricevuto la segnalazione dalla ditta produttrice perché non ci sono problemi produttivi, c'è qualcosa che non va e scattano i controlli”.
30/05/2019

Unifarm e Farmacentro creano «Sinerfarma», colosso da un miliardo

Corriere del Trentino, 30/05/2019
E. Orfano
Unifarm e Farmacentro mettono insieme le forze per dar vita a una società terza, Sinerfarma, che servirà per avere più forza commerciale e logistica. Si crea così un gruppo da quasi un miliardo di fatturato, operante nelle farmacie del centro nord Italia. La presidente è Francesca Rauzi, farmacista di origini trentine che opera a Bolzano.
Visualizzazione risultati 37-48 (di 6477)
 |<  <  1 2 3 4 5 6 7 8 9 10  >  >| 


Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni