Edicola

24/03/2022

Energia, il piano di Bruxelles per assicurare le forniture

Il Sole 24 Ore, 24/03/2022
Giuseppe Chiellino
Riempire gli impianti di stoccaggio all'80% entro il primo novembre di quest'anno per assicurare ai cittadini europei il fabbisogno energetico per il prossimo inverno, salendo al 90% della capacità negli anni successivi. Lo prevede la proposta di regolamento approvata dalla Commissione europea per contrastare il caro-energia. La Commissione europea intende anche costituire una task force per unificare gli acquisti: aggregando la domanda si punta a rafforzare la capacità negoziale verso i fornitori, per importare a prezzi più conventi. Il team negoziale, guidato dalla Commissione, avrebbe inoltre il compito di creare i presupposti per alleanze future guardando al medio-lungo periodo, quando si ridurrà la domanda di gas e aumenterà quella di energie rinnovabili.
24/03/2022

La (grave) crisi degli antibiotici

Corriere Salute, 24/03/2022
Elena Meli
Il problema dell’antibiotico-resistenza ha dimensioni globali e nel nostro Paese è particolarmente preoccupante. Il rischio è tornare indietro nel tempo, prima della scoperta della penicillina, quando una banale infezione poteva essere fatale. La resistenza dei batteri agli antibiotici sta aumentando molto più velocemente di quanto progrediscano la ricerca scientifica e lo sviluppo di nuovi farmaci. I geni delle resistenze, la cui origine è ignota nel 95% dei casi, possono passare tra batteri appartenenti a specie diverse. “Il microbiota ambientale, meno noto di quello intestinale, è una riserva consistente di resistenze” sottolinea il farmacologo Francesco Scaglione. “Il corollario è che oltre a usare con criterio gli antibiotici per le malattie umane e animali dovremmo anche fare molta attenzione a non disperdere gli antibiotici nelle acque di scarico o nell'ambiente in generale, per esempio evitando di gettare i medicinali avanzati nel wc o nella spazzatura normale”.
23/03/2022

"In Europa stop brutale alle misure anti-Covid". L’OMS bacchetta l’Italia

La Repubblica, 23/03/2022
Elena Dusi
La ripresa dei contagi in Europa è attribuibile in parte alla sotto-variante Omicron 2, più infettiva del 20-30%, ma anche, sottolinea il direttore dell'ufficio europeo dell'Organizzazione mondiale della sanità Hans Kluge, “a quei Paesi che stanno allentando le restrizioni in maniera brutale. Da troppo a troppo poco”. Tra questi, il medico belga cita Germania, Francia, Italia e Regno Unito. “L'importante oggi è proteggere gli anziani fragili e continuare a vaccinare” commenta Carlo La Vecchia, epidemiologo dell'Università di Milano: “Omicron e Omicron 2 sono così contagiose da risultare difficilmente contenibili. Distanze e mascherine sono opportune, ma potrebbero non bastare. Con la terza dose comunque, fatte salve le situazioni di fragilità, la malattia è in genere gestibile”.
23/03/2022

Ricciardi: "L’era delle mascherine non è finita la quinta ondata? Dipende da noi"

La Stampa , 23/03/2022
Paolo Russo
“Se pensiamo che il virus non c'è più e abbandoniamo le buone pratiche di igiene seguite in questi anni, allora corriamo un rischio enorme” afferma Walter Ricciardi, consulente del ministro Speranza. “La mia non è una previsione difficile. Guardate cosa sta accadendo in quei Paesi dove hanno pensato conclusa definitivamente l'era delle mascherine”. “Difficile dire se stiamo andando incontro alla quinta ondata, molto dipenderà da noi, dai comportamenti che assumeremo nelle prossime settimane” sottolinea Ricciardi. “Di certo non possiamo vanificare tutti gli sforzi fatti pensando sia finita. Quella che viviamo è una situazione certamente migliorata ma non ancora risolta. Se partiamo da questa condivisione, possiamo evitare peggioramenti che sarebbero sciagurati, soprattutto perché vorrebbe dire che non abbiamo imparato niente”.
22/03/2022

L’impatto del Covid sui guariti uno su cinque torna in ospedale

La Repubblica , 22/03/2022
Elena Dusi
In Lombardia 50mila persone contagiate durante la prima ondata di Covid-19, dopo la guarigione hanno continuato a sottoporsi ad esami e sono state nuovamente ricoverate. Per questi pazienti la Regione Lombardia ha erogato, in misura sensibilmente maggiore rispetto al periodo pre-pandemia, spirometrie, tac al torace, elettrocardiografie. Il 19,5% dei pazienti ricoverati e poi guariti è tornato al pronto soccorso nei sei mesi successivi, mentre il 15,6% dei malati dimessi da una terapia intensiva ha subìto un nuovo ricovero. Questo studio, che calcola l’impatto del Covid sulla base delle prestazioni erogate dalla Regione, è in corso di pubblicazione sul Journal of Internal Medicine.
22/03/2022

Nel Def la frenata della crescita: l’aumento del Pil verso il 3%

Il Sole 24 Ore, 22/03/2022
Gianni Trovati
L'inflazione e, successivamente, l’invasione russa dell’Ucraina hanno indotto il governo a ribassare la stima di crescita del Pil, fissata al 3%. Un livello accettabile, ma lontano dal 4,7% fissato come obiettivo nel programma di finanza pubblica dell’ottobre scorso, quando la risalita dei prezzi stava muovendo i primi passi.
21/03/2022

Con Omicron reinfezioni sopra il 3% «I rischi? Pesano vaccini e genetica»

Corriere della Sera, 21/03/2022
Silvia Turin
Secondo l'ultimo bollettino di sorveglianza dell'Istituto Superiore di Sanità, i casi di reinfezione da Covid-19 sono pari al 3% del totale e, nell'ultima settimana, la loro percentuale si è attestata al 3,2%. Si considerano automaticamente «reinfezioni» i casi di persone tornate positive entro 90 giorni dalla prima diagnosi. Con le varianti precedenti a Omicron, le reinfezioni totali erano circa l’1%. Ma a partire da dicembre (mese di inizio della diffusione di Omicron in Italia), la percentuale è gradualmente aumentata fino al 3%. Una delle variabili da cui dipende il rischio di reinfezioni è proprio l'alta contagiosità di Omicron. Le altre riguardano quale vaccino si sia fatto, quale richiamo, con quale variante ci si sia infettati la prima volta, come reagisce l'organismo, quali altre malattie si abbiano. Tutti questi fattori rendono la probabilità di reinfezione fortemente variabile da individuo a individuo.
20/03/2022

Brusaferro "Misure calibrate sull’evoluzione della pandemia. Cambieranno in base ai dati"

La Repubblica, 20/03/2022
Michele Bocci
Anche nella fase in cui si allentano le restrizioni finora adottate per contrastare la diffusione del Covid-19, “è importante proseguire il monitoraggio” afferma il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità e portavoce del CTS, Silvio Brusaferro, che spiega: “stiamo affrontando una fase pandemica nuova, ci sono varianti da tenere sotto controllo e il virus continua a circolare. Dobbiamo imparare a conviverci”. Riguardo all’evoluzione della situazione, “quello che possiamo fare è, da una parte, continuare la ricerca e lo sviluppo di nuovi vaccini e farmaci anti virus. Dall'altra dobbiamo mantenere il livello di attenzione e di allerta in modo da essere tempestivi se emergono nuove situazioni che richiedono interventi”.
19/03/2022

Non solo il Covid: anche polio e Aids stanno uccidendo

Avvenire, 19/03/2022
Angela Napoletano
Tubercolosi, Polio e Hiv si propagano velocemente tra la popolazione ucraina, a causa del repentino peggioramento delle condizioni igieniche determinato dal conflitto. Gli operatori sanitari denunciano anche la recrudescenza di morbillo e diarrea. A tutto ciò si aggiunge la variante Omicron, che aveva raggiunto il picco di diffusione appena qualche giorno prima dell'invasione russa. Con il perdurare di queste condizioni, il quadro epidemiologico di dieci anni fa potrebbe regredire di dieci anni.
18/03/2022

Draghi: «Non siamo in recessione, nessuno scostamento di bilancio»

Il Sole 24 Ore, 18/03/2022
Barbara Fiammeri
Il governo farà quanto necessario per sostenere famiglie e imprese di fronte alle conseguenze del conflitto tra Russia e Ucraina. Lo ha assicurato il presidente del Consiglio, Mario Draghi, sottolineando che al momento “nessuno vede la recessione” e i provvedimenti per contrastare i rincari di energia e carburanti “sono adeguati”. “Intanto anticipiamo il DEF entro il mese” prosegue Draghi: “sarà l'occasione per analizzare la situazione economica”.
18/03/2022

Una scelta giusta, ma il covid resiste

La Stampa, 18/03/2022
Antonella Viola
“Il 31 marzo terminerà Io stato di emergenza dovuto alla pandemia da corona virus. È giusto che sia così perché, dopo aver completato la campagna di vaccinazioni e a distanza di più di due anni dalla sua comparsa, non si può certo considerare l'infezione da SARS-CoV-2 un'emergenza” osserva l’immunologa Antonella Viola, sottolineando che, “tuttavia, non deve passare l'idea che la partita con il Covid-19 sia chiusa. Non Io è. Il virus sta continuando a cambiare, sta diventando sempre più contagioso e non abbiamo idea di come saranno le nuove varianti che arriveranno il prossimo autunno”. La comunità scientifica internazionale sta studiando nuovi approcci per fermare definitivamente il coronavirus in tutte le sue forme, “ma i risultati non saranno immediati. Nel frattempo, bisogna riuscire a contrastare la diffusione del virus e resistere alle nuove ondate”.
17/03/2022

Ricciardi: "Se eliminiamo le protezioni al chiuso in estate si rischia l’ondata"

La Repubblica , 17/03/2022
Michele Bocci
Walter Ricciardi, consulente del ministero alla Salute, mette in guardia da un eccessivo allentamento delle restrizioni anti-Covid, che potrebbe portare a una nuova ondata di contagi tra giugno e luglio. “Le mascherine devono restare, così come anche il certificato verde. Le attività al chiuso in questo momento fungono da moltiplicatori del virus. Bisogna fare molta attenzione perché il contagio si trasmette soprattutto in questi ambienti”.
Visualizzazione risultati 25-36 (di 100)
 |<  <  1 2 3 4 5 6 7 8 9  >  >| 


Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
Cliccando su “Accetta tutti i cookie”, viene accettata la memorizzazione, sul dispositivo, dei cookie che servono a migliorare la navigazione del sito e analizzare l'utilizzo del sito.
Maggiori informazioni