Edicola

22/11/2019

Allarme Ue sul trattato: se Roma dice no rischia l’isolamento

Repubblica, 22/11/2019
Francesca Gerosa
Non firmare la riforma del Fondo salva-Stati (Mes) potrebbe essere dannoso per l’Italia, oltre che incomprensibile per gli altri paesi europei. “Nelle trattative sulla riforma della zona euro avviate dopo la grande crisi per rinforzare la moneta comune, la riforma del Mes sarebbe la parte favorevole all'Italia: su richiesta di Olanda e Germania ad aprile è stato approvato il nuovo pacchetto bancario con criteri più stringenti per ridurre i rischi legati agli istituti di credito. La contropartita chiesta da Roma, Parigi, Madrid e Lisbona era la condivisione del rischio con l'introduzione del backstop, un salvadanaio europeo per le ristrutturazioni bancarie gestito proprio dal Mes. Risultato a un passo, se il 13 dicembre i leader dell'eurozona firmeranno il nuovo trattato del Fondo”.
22/11/2019

Ocse alza le stime sul Pil italiano a +0,2% per il 2019

MF, 22/11/2019
Francesca Gerosa
L’Italia crescerà più di quanto previsto ma con un debito pubblico che resterà elevato. Questa la nuova previsione fatta dall'Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (Ocse), che nel suo ultimo Economic Outlook trimestrale rilasciato ieri ha alzato da zero a +0,2% le stime sull'andamento del Pil italiano per il 2019 confermando contemporaneamente il +0,4% per il 2020 e il +0,5% per il 2021.
21/11/2019

Manovra, via libera dall’Ue "Ma il debito va ridotto"

La Repubblica, 21/11/2019
Alberto D’Argenio
La Commissione europea promuove la manovra economica del governo giallo-rosso con riserva, in quanto l’Italia comunque “rischia di essere non conforme” alle regole europee. Per verificarlo l'Europa rifarà il punto della situazione a maggio. Nella conferenza stampa dedicata alla presentazione delle pagelle Ue ai vari paesi, il vicepresidente della Commissione, Valdis Dombrovskis, ha sottolineato che Spagna, Belgio, Francia e Italia dovranno “prendere le misure necessarie per assicurare che il bilancio 2020 rispetti le regole”. Questo perché “i debiti molto alti limitano la capacità di rispondere agli shock economici e alle pressioni del mercato”.
21/11/2019

In Italia le malattie di cuore uccidono il 54% in meno

Corriere Salute, 21/11/2019
Giuseppe Remuzzi
In Italia l'aspettativa di vita è aumentata ed è la più alta d'Europa (83,2 anni). Inoltre si muore meno per malattie cardiache, pressione alta e ictus cerebrali. Sono diminuiti anche i tumori, mentre aumentano gli ammalati di Alzheimer e di altre forme di demenza legate all'età. i dati in uno studio comparativo pubblicato sulla rivista scientifica The Lancet.
20/11/2019

Cento milioni al colosso privato per certificare la sanità pubblica

La Stampa, 20/11/2019
Paolo Russo
In dieci anni le Regioni anno pagato oltre 100 milioni di euro al colosso delle revisioni dei conti Kpmg, per svolgere funzioni che potrebbero essere svolte dal Ministero dell'Economia e dall’Agenas (Agenzia pubblica per i servizi sanitari regionali). Ora però il viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri, vuole vederci chiaro. “Il ricorso alle società di consulenza da eccezionale è diventato la regola – afferma - senza peraltro che, come dimostrano gli anni trascorsi, ci sia stato un trasferimento di competenze e di know how verso le amministrazioni regionali in difficoltà”. Un compito "formativo" che era previsto sin dal primo contratto, ma che evidentemente non è stato svolto, visto che si è proceduto di rinnovo in rinnovo.
20/11/2019

Fake news in sanità? Danni irrimediabili

Corriere Salute, 20/11/2019
Giovanni Colombo
La fake news, anche quando è palesemente falsa, viene ritenuta attendibile soprattutto grazie alla diffusione online e, se tratta di salute, rischia di mettere a repentaglio la vita dei cittadini. Lo dimostra uno studio condotto dal CEIS della facoltà di Economia dell'Università di Roma Tor Vergata finanziato dal Ministero della Salute e realizzato in collaborazione con la Kingston University di Londra. Dallo studio emerge che il 92,4% delle notizie false rilevate riguarda l'ambito dei vaccini, il 3,3% lo screening alla prostata, il 2,2% lo screening al colon-retto ed il 2,1% lo screening al seno. “L'analisi ha ottenuto l'esito più preoccupante che potessimo auspicare” spiega il coordinatore della ricerca Francesco Saverio Mennini: “conferma che una fake news appena viene diffusa sta già sta producendo i suoi effetti negativi. Da quel momento è libera di diffondersi a macchia d'olio. Diventa virale e i cittadini perdono la capacità di comprendere se è vera o falsa. Persino le persone avvertite che si trattava di fake news, vedendole riproposte iniziavano a ritenerle meritevoli di condivisione”.
20/11/2019

Ricerca (e salute), il futuro sarà deciso dai miliardari?

Corriere della Sera, 20/11/2019
Massimo Bucchi
Una delle nuove frontiere del mondo della tecnologia (negli Stati Uniti, ma non solo) è lo sviluppo di soluzioni in campo biomedico rivolte soprattutto alla fascia di popolazione con maggiore capacità di spesa. La crescita significativa dell'aspettativa di vita nell'ultimo secolo (dai 54 anni nel 1920 agli attuali 78 anni in Usa) e il progressivo invecchiamento della popolazione offrono ad imprenditori miliardari enormi spazi per la tecnologia e per il business. Le potenziali controindicazioni sono vaste tanto quanto le opportunità: sperimentazioni affrettate e una non compiuta valutazione dei rischi, esclusione di ampie fasce di popolazione meno abbienti, creazione di aspettative illusorie, focalizzazione su risultati di breve termine anziché su progetti di ampio respiro.
19/11/2019

La Ue promuove la legge di bilancio “Ma resta il rischio sul debito”

La Repubblica, 19/11/2019
Alberto D’Argenio
Il via libera dell’Europa alla manovra 2020 in discussione in Parlamento arriverà domani dal commissario agli Affari Economici, l’uscente Pierre Moscovici, alla sua ultima uscita pubblica nel ruolo (gli subentrerà Paolo Gentiloni). Si tratta di un giudizio borderline ma positivo, con zone d’ombra che porteranno la Commissione a affermare che l’Italia corre il rischio di non rispettare le regole della moneta unica. La flessibilità è stata accordata per gli interventi contro il dissesto idrogeologico e il giudizio arriverà tra due anni quando si saprà se i miliardi sono stati spesi effettivamente a tale scopo.
19/11/2019

Troppi pregiudizi contro i biosimilari

Il Sole 24 Ore, 19/11/2019
Silvio Garattini
Il farmaco biologico - frutto non di sintesi chimica bensì prodotto da cellule o microrganismi – è già il biosimilare di se stesso quando viene messo in commercio, perché la sua produzione puo’ cambiare anche 20 – 30 volte rispetto al campione iniziale utilizzato per i primi studi clinici. Si basa quindi su pregiudizi infondati l’opposizione di associazioni di pazienti e società scientifiche alla decisione dell’Aifa di considerare intercambiabili i prodotti biologici e i prodotti biosimilari.  Lo spiega il farmacologo Silvio Garattini osservando che le associazioni di pazienti sono sicuramente in buona fede, va ricordato  tuttavia che le industrie farmaceutiche europee hanno dichiarato di aver elargito nel 2018 oltre 50 milioni di euro a favore di tali associazioni. “Abbiamo tutti il dovere di avere comportamenti che aiutano la sostenibilità del SSN, seguendo il dettato del Consiglio di Stato che ha richiesto ai medici di scegliere tra prodotti analoghi quelli che costano di meno” utilizzando così nel modo migliore le risorse disponili.
19/11/2019

La task force anti-batteri

La Repubblica Salute, 19/11/2019
Michele Bocci
La Toscana è finita in una segnalazione di rischio da parte del Ecdc (Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie) perché è la prima regione dove è arrivato il New Delhy, un microrganismo della famiglia delle Klebsielle, difficilissimo da combattere, con una mortalità altissima, di oltre il 40% di chi contrae l’infezione. Individuato da un anno, sono oltre 130 i casi che hanno sviluppato una sepsi, molto piu’ elevato il numero dei portatori sani. Una commissione di esperti ha indicato una strategia di comportamento per tutti gli ospedali, i pazienti e gli operatori sanitari.
18/11/2019

Esperimenti senza animali, così l’Italia rischia grosso "Perdiamo anche i fondi Ue" Due mesi per rifare la legge

La Stampa, 18/11/2019
Maria Berlinguer
Test di laboratorio sugli animali: l'Italia è la più severa nell'Ue e, senza una modifica alla norma, da gennaio la ricerca su sostanze d'abuso e trapianti sarà proibita.Secondo la stragrande maggioranza degli scienziati e dei ricercatori senza la sperimentazione animale non si sarebbero potuti raggiungere i progressi medici che hanno consentito rivoluzioni come i trapianti di organi, lo studio e la cura delle patologie cardiovascolari, del diabete e la nascita di tutti i nuovi farmaci. Il Tar del Lazio a inizio novembre ha respinto la richiesta di sospensiva presentata dalla Lav: gli animalisti, secondo i giudici, non hanno prova dell'esistenza di metodi ricerca alternativi e per il Tar “la salute umana resta prevalente”. Ma la Lav ha già fatto sapere che ricorrerà al Consiglio di Stato.
17/11/2019

Le mani sulle medicine

L’Espresso, 17/11/2019
Gloria Riva
L'Aifa, osserva l’articolo, “con le proprie decisioni, non solo è responsabile della buona salute dei cittadini, ma indirettamente svolge un importante ruolo a garanzia di ben 70mila posti di lavoro, tanti sono gli addetti del settore. Il direttore e i comitati tecnici di Aifa hanno il delicato compito di selezionare e valorizzare i prodotti più efficaci nel debellare le malattie, senza dimenticare gli investimenti industriali ed economici che ciascuna multinazionale del farmaco ha in programma nel territorio italiano. All'attenzione per i pazienti si aggiunge dunque l'interesse a mantenere buoni rapporti con un settore industriale da 32 miliardi di giro d’affari e tre miliardi di investimenti all'anno.”
Visualizzazione risultati 25-36 (di 6812)
 |<  <  1 2 3 4 5 6 7 8 9 10  >  >| 


Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni