Edicola

17/08/2019

Grillo e i neolaureati in corsia «Sempre meno specializzati, Zaia si dimostra pragmatico»

Corriere del Veneto, 17/08/2019
Martina Zambon
La vigilia di Ferragosto il governatore del Veneto, Luca Zaia, ha annunciato l'assunzione a tempo indeterminato di 500 medici laureati e abilitati nei settori della medicina interna, della geriatria e della medicina d’urgenza. Per superare il problema della scarsità delle borse di studio nelle scuole specialistiche, la Regione ha deciso di puntare su una formazione agile, offrendo ai neolaureati 92 ore di formazione teorica e due mesi di tirocinio sotto la supervisione di un collega tutor. Il ministro della Salute Giulia Grillo definisce “apprezzabile il pragmatismo di Zaia”, sottolineando però la necessità di una riforma organica sul territorio: “Dobbiamo garantire degli standard di qualità della formazione in tutto il Paese. Per questo la riforma di cui c'è bisogno deve avere una connotazione nazionale”.


09/08/2019

Farmacie sul piede di guerra: “L’Asp tarda i rimborsi”

Gazzetta del Sud, 09/08/2019
Protesta Federfarma Catanzaro dopo aver appreso di un ennesimo rinvio dei rimborsi da parte della Asl  alle farmacie. Il presidente Vincenzo Defilippo osserva che è ingiusto che le farmacie debbano farsi carico della incapacità della Asp a provvedere a quanto istituzionalmente dovrebbe e che i ritardi nei pagamenti possono avere ripercussioni sull’efficienza del servizio farmaceutico garantito dalle farmacie. Inoltre, L’Azienda ha unilateralmente instaurato un meccanismo per risolvere i propri problemi di liquidità  perché  si fa finanziare dalle farmacie, con l’interesse del saggio legale, risparmiando così sul credito bancario. Nella malaugurata ipotesi non ricevessero entro il corrente mese le competenze relative a aprile maggio e giugno – dichiara Defilippo - le farmacie si  vedranno costrette a chiudere per una giornata e passare all’assistenza indiretta.
09/08/2019

La crociata anti omeopatia dei Paesi Ue

Quotidiano Nazionale, 09/08/2019
Veronica Passeri
La Francia riduce i rimborsi per i prodotti omeopatici a partire dal 2021, la Gran Bretagna ipotizza di fare altrettanto, in Spagna il ministro della Salute chiede di modificare la legge europea che definisce  tali prodotti “farmaci”, in Germania si accende il dibattito.
In Italia le spese per medicinali e visite omeopatiche sono deducibili in sede di dichiarazione dei redditi. Impossibile determinare quanto costa allo Stato italiano questa detrazione in quanto i dati relativi alle spese sanitarie non sono “spacchettati”.
09/08/2019

Io medico promuovo Alexa

Corriere della Sera Sette, 09/08/2019
In base ad un accordo tra Amazon e Sistema sanitario britannico, gli assistiti possono interpellare direttamente Alexa (l’assistente personale intelligente sviluppato da Amazon) per dirimere dubbi di salute. Questo consente di avere una soluzione subito, senza aspettare che il medico sia disponibile, e di avere non un parere qualsiasi ma la somma di pareri di tanti esperti, sempre aggiornati: puo’ quindi orientare anche sulla necessità di rivolgersi al medico con urgenza.   Accedere ad Alexa non comporta oneri per il cittadino, può contribuire ad evitare esami inutili e accessi inappropriati al Pronto soccorso.   Da tempo esistono varie organizzazioni che offrono consulenze mediche telefoniche, ma si tratta spesso di attività discutibili e incontrollate.
08/08/2019

Come si acquistano i farmaci (sicuri) on line

Corriere Salute, 08/08/2019
Maria Giovanna Faiella
Sono oltre 800 in Italia  le farmacie e gli esercizi commerciali autorizzati alla vendita on line di farmaci. I loro siti sono riconoscibili dal logo identificativo comune, rilasciato in Italia dal Ministero della Salute. Sono vendibili on line solo farmaci senza obbligo di ricetta. “Dietro la farmacia virtuale c’è sempre una farmacia che opera sul territorio – spiega Roberto Tobia, segretario nazionale di Federfarma. Sul proprio sito web vende i medicinali che ha in magazzino e organizza la consegna al cittadino nel rispetto delle regole di conservazione del farmaco”.
08/08/2019

L’Agenzia autorizza il Car-T contro i tumori

Il Sole 24 ore, 08/08/2019
Marzio Bartoloni
L’Agenzia Italiana del Farmaco, da pochi giorni con il cda di nuovo al completo. ha dato il via libera alla rimborsabilità in Italia della prima terapia con cellule Car-T (Chimeric Antigen Receptor). La terapia riguarderà 700 pazienti l’anno con specifici tumori del sangue. Le Car-T rappresentano il quarto pilastro della lotta ai tumori dopo chemioterapia, chirurgia e radioterapia. Il problema è costituito dagli alti costi di tali terapie che rischiano di essere insostenibili per il SSN. Per rendere possibile l’accesso a questi farmaci l’Aifa adotterà  un nuovo modello di rimborso e il SSN rimborserà il costo della terapia all’azienda produttrice sulla base dell’efficacia reale, in tre tranche, a 0, 6 e 12 mesi dall’inizio della cura.
08/08/2019

“L’uso prolungato dei cellulari non aumenta il rischio cancro”

Il Messaggero, 08/08/2019
V. Arc.
Dall’Istituto Superiore di Sanità, a seguito di una meta-analisi di studi condotti in tutto il mondo dal 1999 al 2017,  arriva una ennesima assoluzione per i cellulari. Nel Rapporto Istisan “Esposizione a radiofrequenze e tumori” dell’ISS, curato anche dal Cnr, Arpa Piemonte e Enea,  si legge che l’uso prolungato dei cellulari non è associato all’incremento del rischio di tumori maligni (glioma) o benigni (meningiona, neuroma acustico, ghiandole salivari).  I dati attuali non consentono valutazioni accurate del rischio dei tumori intracranici e mancano dati sugli  effetti a lungo termine dell’uso del telefonino iniziato fin dall’infanzia.
07/08/2019

“Farmaci, una distribuzione incontrollata” La denuncia di Federfarma: “Ospedali e case della salute hanno preso il sopravvento”

Il Resto del Carlino, 07/08/2019
Giulia Beneventi
Una lettera di Federfarma Reggio Emilia a  tutti i sindaci della provincia denuncia una “distribuzione diretta eccessiva e incontrollata”, negli ospedali e nelle case della salute, di farmaci che non appartengono all’elenco di riferimento concordato, previsto dalla legge. Questo comportamento provoca danni per i cittadini, costretti a ritirare i farmaci non agevolmente nella farmacia sotto casa bensì in strutture più lontane; per le farmacie, che vedono ridursi ulteriormente i propri bilanci, e  per lo stesso servizio sanitario regionale, in quanto la distribuzione diretta prevede la consegna di quantitativi eccessivi di farmaci, che poi vanno sprecati.
07/08/2019

Aiuto negato ai disabili gravi privi della ricetta di 70 anni fa

Corriere della Sera, 07/08/2019
Gian Antonio Stella
Per colpa delle leggi che si sono susseguite negli anni,  per dichiarare il diritto al risarcimento, un colonnello medico è costretto a chiedere documentazione risalente a quegli anni a una donna nata menomata dal Talidomide negli anni cinquanta.
07/08/2019

La ricerca, Cenerentola di un’Italia indifferente

Il Messaggero, 07/08/2019
Silvio Garattini
Nella sua veste di presidente dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri, il farmacologo Silvio Garattini  ricorda che l’Italia è il Paese Europeo che spende meno in ricerca e senza investimenti l’industria non sviluppa piani a lungo termine. “Se ci fosse nel Paese una cultura scientifica – negata dall’attuale impostazione della scuola a tutti i livelli – si dovrebbe assistere a una insurrezione popolare perché un Paese senza ricerca è destinato al declino”.  Non si tratta solo di soldi ma anche di attenzione: in altri Paesi chi vuole concorrere a progetti europei trova aiuto nei vari Ministeri.  In Italia i ricercatori sono in difficoltà perfino nella collaborazione con altri Paesi,  per via di una amministrazione che obbliga a presentare una serie infinita di documenti, spesso doppioni.
06/08/2019

Alimenti per celiaci, farmacie in fuga per le nuove regole

Alto Adige, 06/08/2019
A Bolzano l’Associazione italiana Celiachia, in difesa dei 1572 celiaci altoatesini, si è rivolta alla senatrice Unterberger (Svp) capogruppo per le autonomie, per lamentare che, a seguito delle delibere che introducono  complesse e anacronistiche procedure per l’erogazione degli alimenti senza glutine,  molti esercenti, sia farmacie che negozi, hanno rinunciato alla convenzione interrompendo un servizio essenziale per i pazienti. In tutta la Provincia solo poche farmacie sono ancora disponibili a garantire la distribuzione dei prodotti con una offerta adeguata.
06/08/2019

Alzheimer, test per scoprirlo prima. I neurologi: “Crea solo angoscia”

La Repubblica, 06/08/2019
Michele Bocci
Fa discutere gli esperti  l’annuncio, dato nei giorni scorsi, circa la scoperta di una nuova analisi del sangue  in grado di  individuare nel cervello una proteina che sarebbe legata all’insorgenza del morbo di Alzheimer.  Tali proteine, gli amiloidi,  non sono causa della demenza e vengono trovate anche nel cervello di persone sane. Dire a una persona che nel suo cervello ci sono troppi amiloidi scatena angoscia inutilmente: non si può intervenire su tale dato che peraltro non è predittivo di malattia.
Visualizzazione risultati 13-24 (di 6593)
 |<  <  1 2 3 4 5 6 7 8 9 10  >  >| 


Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni