Edicola

20/01/2022

Aiuto digitale all’Italia che invecchia

La Repubblica, 20/01/2022
Irma D’Aria
Secondo i dati Istat entro il 2050 le persone di 65 anni e più saranno il 35% del totale, mentre i giovani fino a 14 anni di età saranno l'11,7 % del totale con un rapporto tra giovani e anziani di uno a tre. Lo scenario preoccupa per le difficoltà di assistenza di una popolazione sempre più anziana. Negli ultimi 20 anni la percentuale di italiani affetti da almeno una malattia cronica è aumentata dal 35,1 al 37,9%, mentre quella di soggetti affetti da almeno due malattie croniche è aumentata dal 17,7 al 20% (Fonte: Società Italiana di Medicina generale). Tra i problemi legati all'assistenza degli anziani ci sono quelli delle terapie che devono seguire per controllare le varie patologie di cui soffrono. Secondo i dati OsMed, in Italia il 30% degli over 65 prende 10 o più farmaci, circa il 50% ne assume tra 5 e 9 o prende farmaci per un tempo più lungo del necessario.
20/01/2022

«Interventi bloccati». L’allarme degli oncologi

Il Messaggero, 20/01/2022
«Siamo molto preoccupati per il blocco, di fatto, dell'attività chirurgica programmata determinato dalla nuova ondata pandemica causata dalla variante Omicron. Questa paralisi rischia di provocare gravi danni ai pazienti oncologici, cardiologici ed ematologici, che sono circa 11 milioni in Italia». Questo l'allarme lanciato da Francesco Cognetti, presidente della Federazione degli Oncologi, Cardiologi ed Ematologi, che sottolinea: «il rinvio degli interventi chirurgici può favorire lo sviluppo di tumori in fasi più avanzate, con minori possibilità di guarigione».
19/01/2022

Il Covid non molla la presa nuovo balzo di casi e morti. Sei regioni verso l’arancione

La Repubblica, 19/01/2022
Michele Bocci
Ieri si è registrato un numero molto alto di casi, addirittura da record, in quanto si tratta del terzo dato più alto dall'inizio della pandemia, dopo i 220 mila di martedì scorso e i 219 del 6 gennaio. Sicuramente i numeri di ieri sono legati anche all'altissimo numero di tamponi: ne sono stati fatti 1 milione e 481 mila, circa 100 mila test in più rispetto a quelli registrati martedì 11 gennaio.
19/01/2022

Hiv, la pandemia dimenticata

La Repubblica, 19/01/2022
Irma D’Aria
Nel 2019, a due anni dall'entrata in vigore del Piano nazionale di interventi contro Hiv e Aids (Pnaids), solo la metà delle regioni lo aveva recepito con apposite delibere: nel 38% dei casi era stata nominata la Commissione regionale Aids, nel 37% era stata realizzata una campagna di comunicazione per le popolazioni target e appena il 28% aveva definito un Pdta (Percorsi diagnostico terapeutici assistenziali) dell'Hiv. Tale ritardo si è trasformato in uno stop totale a causa dell'epidemia da Covid-19. Basti pensare che si è registrato un calo di oltre il 50% dei test effettuati e di ritardi nell'accesso ai servizi sanitari per visite e consulti. Un vuoto di attenzione che ha favorito il diffondersi dell'infezione soprattutto tra i più giovani: l'incidenza più elevata di nuove diagnosi si riscontra, infatti, nella fascia di età 25-29 anni.
17/01/2022

Speranza frena le Regioni: “La curva si raffredda ma è presto per cambiare”

La Repubblica, 17/01/2022
Viola Giannoli
Il Ministro della Salute si rivolge ai governatori: “Giusto adeguarci alla nuova fase, ma secondo la scienza tamponi e isolamento sono ancora utili. Nelle prossime settimane dovremo aprire un confronto e nelle prossime ore istituiremo un tavolo tecnico.” Il Ministro Speranza, tuttavia, evidenzia come “La situazione comunque non è facile, i numeri dei contagiati sono molti alti. Grazie ai vaccini abbiamo un’ospedalizzazione inferiore, ma comunque significativa, con una pressione molto forte che non può essere sottovalutata.”
17/01/2022

Inflazione e Covid, ma anche PNRR – Tre variabili sulla ripresa economica

Affari e Finanza , 17/01/2022
Redazione
Nonostante tutto, l’anno da poco iniziato si annuncia positivo per l’economia globale e anche per quella italiana, pur nella consapevolezza che in alcuni frangenti si dovrà navigare a vista, per cui la capacità di adattamento sarà la discriminante tra vincitori e perdenti. Secondo le stime dell’OCSE, il 2021 ha segnato un balzo in avanti dell’economia mondiale del 5,6%, che ha più che compensato il -3% dell’anno precedente, anche se di fronte a grandi differenze territoriali. La Banca d’Italia, nel suo ultimo bollettino, segnala che: “L’inflazione potrebbe risultare più elevata di quanto previsto se le quotazioni energetiche dovessero mantenersi su livelli elevati più a lungo di quanto ipotizzato”.
17/01/2022

Il male oscuro che attanaglia i bambini durante la pandemia

AGI.it, 17/01/2022
Alessandra Rossi
Raddoppiati i ricoveri psichiatrici negli under-14. Il primario del Gaslini mostra i dati del disagio e la carenza di strutture: “Dopo il ricovero, li perdiamo di vista” dichiara il prof. Lino Nobili, primario di neuropsichiatria infantile dell’ospedale pediatrico di Genova, che nel corso dell’intervista sottolinea: “Prima del Covid avevamo già un incremento delle patologie psichiatriche in età pre e adolescenziale, la pandemia ha peggiorato tutto. Dal 2019 al 2021 gli ambulatori urgenti per neuropsichiatria hanno registrato il doppio degli accessi. C’è solitudine, assenza di prospettiva e senso di vuoto in questi ragazzini, a prescindere dal contesto sociale.”
30/12/2021

Intervista a Matteo Bassetti: "Tre dosi di vaccino evitano il ricovero, è quello che conta"

La Stampa, 30/12/2021
Sara Bettoni
"Omicron è destinata a contagiare molti di quelli che non hanno la terza dose. Se è vero che per ogni contagiato ce ne sono altri diciotto, si tratta di una variante paragonabile al morbillo." Dichiara l'infettivologo Matteo Bassetti, direttore del reparto malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova, che poi sottolinea: "I vaccinati con tre dosi sono molto protetti, per i non vaccinati invece è la roulette russa in cui uno su dieci-venti finisce in ospedale. Dimentichiamoci l'immunità di gregge, bisogna dare un messaggio diverso: il vaccino evita la polmonite. Per questo tutti devono fare tre dosi, altrimenti con l'aumento dei contagi arriveranno, in proporzione, molti ricoveri."
30/12/2021

Per la banda ultra larga via ai voucher da 300 a 2mila euro per le Pmi

Il Sole 24 Ore, 30/12/2021
Carmine Fotina
Dopo una sequenza di rinvii e scambi di documenti con la Commissione Europea, arriva al traguardo il piano di incentivi per la banda ultra larga destinati alle micro, piccole e medie imprese. Il Ministro dello Sviluppo Economico Giorgetti ha firmato il decreto sbloccando fondi per 610 milioni di euro: "Mettiamo in campo rilevanti risorse per supportare la digitalizzazione delle imprese in modo da ridurre il digital divide del sistema produttivo su tutto il territorio nazionale." Il piano per le imprese durerà fino all'esaurimento delle risorse stanziate, non oltre 24 mesi dall'avvio.
29/12/2021

Si ammalano anche i più piccoli: il Covid è sempre più una malattia pediatrica

Il Sole 24Ore, 29/12/2021
R.R.
La variante Omicron moltiplica i contagi e la categoria più esposta alle infezioni è quella con la minore copertura vaccinale o del tutto priva di immunizzazione: i bambini. “I più piccoli hanno bisogno di essere protetti perché il Covid-19 sta diventando una malattia pediatrica. La metà dei posti letto nel nostro centro sono occupati da bambini al di sotto dei tre mesi.” dichiara Andrea Campana, responsabile del Centro Covid dell’ospedale Bambino Gesù di Palidoro (Roma).
29/12/2021

Intervista a Walter Ricciardi: “Giusto non bloccare il Paese, ma serve prudenza perché il virus corre”

La Repubblica, 29/12/2021
Michele Bocci
“Le decisioni vanno prese basandosi sull’evidenza scientifica e il rischio futuro. Non si può agire solo in funzione della necessità, giusta, di non chiudere il Paese, altrimenti si rischiano di mettere in circolazione e alimentare fuochi che all’inizio sembrano contenuti ma a medio termine finiscono per peggiorare le cose.” afferma Walter Ricciardi, consigliere del Ministero della Salute che, nel corso dell’intervista, sottolinea come “la variante Omicron si riproduce velocemente: questa ondata sarà più imponente dal punto di vista quantitativo ma fortunatamente non avrà lo stesso impatto di quelle precedenti dal punto di vista sanitario.”
29/12/2021

Pfizer e Moderna, il nuovo vaccino contro la variante entro primavera

Corriere della Sera, 29/12/2021
Ruggiero Corcella
Sul fronte dei vaccini, le multinazionali del farmaco sono impegnate nella messa a punto di contromisure sempre più mirate. Ieri il colosso statunitense Pfizer ha annunciato che in caso di necessità sarà in grado di fornire in primavera un vaccino adattato alla variante Omicron del Covid. Lo dichiara in un’intervista al giornale svizzero “Blick” Sabine Bruckner, responsabile di Pfizer nel Paese elvetico. Anche Moderna ha annunciato che sarà in grado di produrre un nuovo vaccino contro la variante Omicron “su larga scala entro l’inizio del 2022”.
Visualizzazione risultati 1-12 (di 100)
 |<  < 1 2 3 4 5 6 7 8 9  >  >| 


Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
Cliccando su “Accetta tutti i cookie”, viene accettata la memorizzazione, sul dispositivo, dei cookie che servono a migliorare la navigazione del sito e analizzare l'utilizzo del sito.
Maggiori informazioni