Sistri, dalla 125/2013 periodo transitorio fino al prossimo luglio

22/11/2013 07:44:10
Fino al 31 luglio dell’anno prossimo gli operatori vincolati all’uso del Sistri potranno continuare a smaltire attraverso i vecchi adempimenti, compresi registri di carico e scarico, formulari di trasporto e Mud. Che le farmacie, quindi, dovranno inviare entro il prossimo 30 aprile. L’indicazione arriva dalla 125/2013 del 30 ottobre, che ha convertito in legge il decreto 101/2013 recante "Disposizioni urgenti per il perseguimento di obiettivi di razionalizzazione nelle pubbliche amministrazioni". Nel nuovo testo, infatti, fa la sua comparsa il comma 3-bis, nel quale si stabilisce che per un periodo di 10 mesi dal 1° ottobre scorso i soggetti obbligati al Sistri continueranno ad applicare gli adempimenti di cui agli articoli 188, 189, 190 e 193 del decreto legislativo 152/2006, nella versione anteriore alle modifiche apportate dal d.lgs 205/2010.
Nel periodo transitorio 1° ottobre-31 luglio, inoltre, non trovano più applicazione le sanzioni relative al Sistri: in caso di violazioni scatteranno invece le sanzioni di cui ai già citati articoli del decreto 152/2006, sempre nel testo anteriore alle modifiche del 2010.
Restano invece confermate le date di avvio della fase operativa del Sistri già fissate dal dl 101/2013:

- dal 1° ottobre 2013 per i nuovi produttori, gli enti o le imprese che raccolgono o trasportano rifiuti speciali pericolosi a titolo professionale (compresi i vettori esteri che operano sul territorio nazionale) o che effettuano operazioni di trattamento, recupero, smaltimento, commercio e intermediazione di rifiuti speciali pericolosi;

- dal 3 marzo 2014 per i produttori iniziali di rifiuti pericolosi, nell'ambito dei quali sono inquadrabili le farmacie, per comuni e imprese di trasporto di rifiuti urbani nella Campania. Questo secondo termine, più lontano, è stato mantenuto per consentire ulteriori semplificazioni da adottarsi con decreto ministeriale entro il 3 marzo 2014, con possibilità di ulteriore proroga di sei mesi se, a tale data, le semplificazioni previste dalla normativa, non saranno rese operative.

Rispetto alle due scadenze, è opportuno ricordare che la definizione di «produttore iniziale» fa riferimento agli operatori che producono rifiuti (compresi quindi le farmacie) e non va confusa con quella di «nuovo produttore» che invece richiama chiunque effettui operazioni di pretrattamento, miscelazione o altre operazioni che modificano la natura o la composizione dei rifiuti.

Leggi la circolare Federfarma n.479

Notizie correlate

20/06/2019

Farmacie della Capitale sommerse dai rifiuti. Contarina chiede intervento del Comune

“È una situazione insostenibile. L’Ama non viene più a ritirare i cartoni in farmacia e costringe i farmacisti romani a lavorare in condizioni igienico sanitarie precarie. Proprio noi che dobbiamo mantenere degli standard, da questo punto di vista, molto elevati, non siamo messi nelle condizioni di farlo”...
11/03/2019

Dichiarazione ambientale, Federfarma ricorda gli obblighi di legge

Federfarma ricorda alle associazioni provinciali e alle unioni regionali l’obbligo di presentazione della dichiarazione ambientale, ossia il MUD, relativa ai rifiuti prodotti nell’anno 2018. I soggetti tenuti alla presentazione del MUD, tra i quali rientrano anche le farmacie che nel corso del 2018 hanno prodotto rifiuti pericolosi, dovranno presentare la relativa dichiarazione...
25/07/2017

Da Assinde due nuovi servizi con la prima tranche 2017

Parte con la prima tranche del 2017 il nuovo servizio ResoFacile di Assinde, per lo smaltimento non solo dei medicinali (scaduti o invendibili, stupefacenti delle Tabelle A, B e C eccetera) ma anche dei rifiuti speciali provenienti da cosmetici, integratori...
22/03/2017

Dichiarazione Mud, da Federfarma le istruzioni per l’invio

Per la concatenazione delle festività, slitta quest’anno dal 30 aprile al 2 maggio il termine per l’invio del Mud, la dichiarazione ambientale richiesta alle aziende che nel 2016 hanno prodotto rifiuti pericolosi. Lo chiarisce Federfarma in una circolare diffusa...
30/12/2016

Slittano governance del farmaco, Sistri e remunerazione

Si riazzera il conto alla rovescia per la riforma della governance del farmaco, il sistema di regole che il governo Renzi aveva promesso di riscrivere entro la fine dell’anno per accogliere le istanze degli industriali. Tutto rinviato di un anno...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni