Guerra Ucraina, le prime iniziative di solidarietà sanitaria dei paesi UE

03/03/2022 08:26:15
Sono già molte le risposte alle iniziative di solidarietà sanitaria in favore della popolazione ucraina vittima della guerra in corso, lanciate da parte del PGEU attraverso la lettera a firma del presidente Roberto Tobia e del Segretario Ilaria Passarani. Dall’Italia alla Finlandia, dal Portogallo alla Francia, l’intera filiera farmaceutica europea si è attivata per aiutare le molte persone colpite dal dramma.  
 
In Italia, Federfarma ha coinvolto le farmacie aderenti, le Associazioni provinciali e le Unioni regionali in una raccolta fondi destinata all’acquisto di kit di primo soccorso, farmaci, dispositivi medici, secondo le necessità indicate dal ministero della Salute e dall’associazione dei titolari di farmacia ucraini. Qualora il conflitto non si dovesse risolvere in tempi brevi, scatterà la seconda fase del programma di aiuti: «Faremo appello, attraverso la Fondazione Francesca Rava e la Fondazione Banco Farmaceutico, anche ai cittadini, che sempre dimostrano grande sensibilità nei confronti di quanti si trovino in condizione di povertà sanitaria» spiega il presidente PGEU e segretario nazionale di Federfarma, Roberto Tobia. «Confido che, anche in questa occasione, la rete delle farmacie saprà rispondere prontamente, con lo spirito di solidarietà e l’impegno civile che la contraddistinguono, alla richiesta di aiuto proveniente dall’Ucraina. Invito le Associazioni Provinciali, le Unioni Regionali e le Farmacie a donare con generosità».   
In Finlandia, l'Associazione delle farmacie ha donato oltre 10mila euro per farmaci e dispositivi medici. In Francia, le organizzazioni rappresentative della filiera farmaceutica invitano ad effettuare donazioni all'organizzazione Pharmacie Humanitaire Internationale (PHI), che impiegherà il denaro per la donazione di medicinali e attrezzature mediche ai rifugiati ucraini. Malta sta collaborando con il dipartimento nazionale della protezione civile per coordinare gli aiuti. Il Consiglio farmaceutico generale spagnolo collabora con l'ONG farmaceutica FARMAMUNDI a diverse azioni umanitarie, inclusa la raccolta di fondi per la fornitura di medicinali e attrezzature mediche all'Ucraina. Anche l'associazione farmaceutica portoghese collabora con l'Agenzia portoghese per i medicinali per inviare farmaci e dispositivi medici.
«Stiamo facendo del nostro meglio per sostenere tutte le iniziative dei membri del PGEU – assicura Ilaria Passarani, segretario generale del PGEU - e siamo in contatto con la Commissione Europea per coordinare gli aiuti umanitari». 

Notizie correlate

17/12/2022

Promuovere la vaccinazione: le indicazioni della UE

Il Consiglio dell’UE ha reso noto, il 9 dicembre, le sue conclusioni sulla vaccinazione, ritenuta uno degli strumenti più efficaci per prevenire le malattie e migliorare la salute pubblica. Esse evidenziano inoltre come un approccio europeo ancora più coordinato in materia di vaccinazione potrebbe essere vantaggioso per gli Stati membri per prevenire e limitare la diffusione di epidemie e...
26/11/2022

European Health Data Space, il position paper Pgeu. Tobia: utile per qualità cura e ricerca

“La generazione, la raccolta e l'interoperabilità ottimale dei dati può migliorare il trattamento dei pazienti e incoraggiare consigli personalizzati e da questo punto di vista ci aspettiamo che l'European Health Data Space (EHDS) migliorerà la qualità della cura e promuoverà la ricerca”. A dichiararlo Roberto Tobia, presidente PGEU, sottolineando, tuttavia, che...
19/11/2022

Pgeu, Assemblea generale. I temi trattati

Al centro dell’ultima Assemblea generale del PGEU (The Pharmaceutical Group of the European Union), che si è tenuta il 17 novembre, sono stati tre i principali temi affrontati: l’adeguamento della normativa italiana sui dispositivi medici a quella europea; l’estensione della raccolta dati effettuata dalle farmacie ai farmaci non rimborsabili, Otc (farmaci da banco) e dispositivi medici; le prescrizioni...
20/10/2022

Servizi in farmacia, l’Italia è uno dei paesi all’avanguardia. Roberto Tobia (Pgeu) ai 30 anni Camere farmacie slovene

«Soltanto un team multidisciplinare tra medici e farmacisti può riuscire a dare il meglio, nell’interesse generale della salute dei cittadini». È il commento di Roberto Tobia, presidente PGEU, a proposito della possibilità di...
08/10/2022

Minaccia nucleare: il no di endocrinologi e farmacisti alla corsa ai farmaci a base di iodio

In merito all'escalation di un possibile attacco nucleare della Russia nella guerra con l'Ucraina, farmacisti e medici sono d’accordo nel tranquillizzare gli italiani rispetto alla capacità del Paese di fornire iodoprofilassi in caso di necessità. Nei giorni scorsi il segretario nazionale di Federfarma Roberto Tobia aveva già rassicurato la popolazione circa l’esistenza di...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
Cliccando su “Accetta tutti i cookie”, viene accettata la memorizzazione, sul dispositivo, dei cookie che servono a migliorare la navigazione del sito e analizzare l'utilizzo del sito.
Maggiori informazioni