Farmacia green e sostenibile, le raccomandazioni del PGEU. Tobia: “Aumentare consapevolezza nei cittadini”

25/02/2022 08:39:42
Attuare azioni significative al fine di favorire il corretto smaltimento dei prodotti farmaceutici per una maggiore sostenibilità ambientale e valorizzare le buone pratiche a livello europeo. Sono questi gli obiettivi al centro dell’ultima pubblicazione del PGEU dal titolo “Best Practice Paper on Green and Sustainable Pharmacy in Europe”, di cui si è discusso nel corso dell’evento online “Green and Sustainable Pharmacy”, organizzato lo scorso 22 febbraio. «In qualità di professionisti del farmaco, i farmacisti sono nella posizione ideale per rendere consapevoli i pazienti sui temi della sostenibilità ambientale e per promuovere l'uso consapevole e il corretto smaltimento dei medicinali», dichiara il presidente del PGEU Roberto Tobia, nel corso dell’evento. Secondo la Comunicazione della Commissione europea, la principale fonte di prodotti farmaceutici che impatta sull’ambiente è «il loro consumo da parte del paziente», spiega Tobia.  
 
Generalmente «tra il 30% e il 90% della dose somministrata per via orale, viene eliminata come sostana attiva nelle urine e nelle feci. Le emissioni provengono principalmente dai sistemi urbani di acque reflue a seguito del consumo domestico di medicinali, con una percentuale minore proveniente da ospedali e strutture sanitarie. «Accogliamo con favore la raccomandazione della Commissione europea di aumentare la collaborazione con gli Stati membri sulla definizione di standard di qualità ambientale per i prodotti farmaceutici che presentano un rischio a livello nazionale», ha sottolineato il presidente Pgeu nel suo intervento. Si stima che circa l'8-10% delle sostanze farmaceutiche nell'ambiente provengano da medicinali smaltiti in modo improprio. Per ridurre gli sprechi e migliorare la gestione dei resi, Tobia ricorda che «oltre a diversi programmi pubblici di smaltimento e raccolta di farmaci, la maggior parte della popolazione europea può restituire medicinali scaduti o inutilizzati alla propria farmacia». 
 
Altro fattore essenziale per la sostenibilità ambientale è la prossimità della farmacia. «Quasi due terzi degli europei possono accedere a una farmacia entro cinque minuti, mentre il 98% può farlo entro 30 minuti. Mantenendo un ampio stock, le farmacie possono soddisfare immediatamente le esigenze della maggior parte dei pazienti. Se un prodotto non è disponibile o esaurito, ai pazienti può spesso essere offerta un'alternativa o essere fornito lo stesso giorno», spiega il presidente Pgeu. Questo consente di ridurre il numero di viaggi non necessari contribuendo «in modo significativo a ridurre l'impatto ambientale» conclude Tobia.  

Notizie correlate

23/06/2022

Bugiardino, farmacisti europei contro l’abolizione discussa in Commissione

Il Simposio del PGEU, presieduto da Roberto Tobia segretario nazionale e presidente a Palermo di Federfarma, ha ribadito la volontà di mantenere il foglietto illustrativo cartaceo accanto alla versione elettronica per garantire maggiore informazione e trasparenza ai...
21/06/2022

Covid, Tobia: “In aumento tamponi ma tanti i casi non tracciati”

L’elevato livello di copertura vaccinale contro il Covid-19 ha ridotto i casi di malattia grave, ma il numero dei contagi torna a salire, anche a causa della più contagiosa variante Omicron 5. “Si osserva una recrudescenza del virus. Un dato che ci preoccupa se confrontato all’aumento, in percentuale inferiore, dei tamponi effettuati nelle farmacie italiane. La...
17/06/2022

Sanità territoriale, approvata la mozione a Montecitorio. Per le farmacie ruolo di primo piano

Ridisegnare il Servizio Sanitario Nazionale, anche grazie alle risorse del PNRR, investendo sulla medicina di prossimità per garantire al paziente continuità delle cure e assistenza...
16/06/2022

La nuova regolamentazione sui farmaci dell’Unione europea: il Simposio annuale PGEU

Il valore della condivisione delle informazioni e delle esperienze per garantire una migliore assistenza farmaceutica sul territorio e agire sulla legislazione europea del farmaco per arrivare ad una armonizzazione delle norme vigenti nei diversi stati membri della UE, al fine di garantire a tutti i cittadini europei uguale accesso al farmaco. Queste le premesse dei lavori del Simposio annuale del PGEU (raggruppamento dei farmacisti territoriali europei), presieduto dal segretario nazionale di Federfarma Roberto Tobia, che si è...
15/06/2022

La nuova regolamentazione sui farmaci dell’Unione europea. Il Simposio annuale PGEU

Il valore della condivisione delle informazioni e delle esperienze per garantire una migliore assistenza farmaceutica sul territorio e agire sulla legislazione europea del farmaco per arrivare ad una armonizzazione delle norme vigenti nei diversi stati membri della UE, al fine di garantire a tutti i cittadini europei uguale accesso al farmaco. . Queste le premesse dei lavori del Simposio annuale del PGEU (raggruppamento dei farmacisti territoriali europei), presieduto dal segretario nazionale di Federfarma Roberto Tobia, che si è concluso oggi a Roma...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
Cliccando su “Accetta tutti i cookie”, viene accettata la memorizzazione, sul dispositivo, dei cookie che servono a migliorare la navigazione del sito e analizzare l'utilizzo del sito.
Maggiori informazioni