Gli italiani e la salute ai tempi del Covid-19: farmacista, interlocutore privilegiato

10/09/2021 08:56:47
Per il 77% degli italiani la pandemia da Covid-19 e le conseguenti limitazioni hanno avuto un impatto sul proprio benessere generale e mentale: un terzo (33%) sostiene che l’emergenza sanitaria lo ha reso più ansioso di prima, così come per il 32% il lockdown è stata un’esperienza molto stressante, fonte di irrequietezza. È quanto emerge dai risultati italiani dello STADA Health Report 2021, un ampio sondaggio realizzato dal Gruppo STADA, in collaborazione con Kantar Health, tra marzo e aprile 2021, su oltre 30.000 persone in 15 Paesi europei - Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Russia, Serbia, Spagna, Svizzera, Ucraina e Regno Unito - per indagare come è cambiato il rapporto dei cittadini con la salute a fronte della pandemia.
Nonostante l’impatto della pandemia sul proprio benessere psico-fisico, quasi la metà degli italiani (47%) si è però dimostrata resiliente, in grado di reagire, senza sperimentare alcun episodio di burnout.
Dal sondaggio emerge che la farmacia rappresenta il canale preferito (42%) per l’acquisto di farmaci senza ricetta, mentre la spesa online di questi prodotti non risulta essere molto frequente tra gli intervistati (27%), soprattutto tra le fasce d’età più adulte. Cresce il ruolo del farmacista (37% vs 31% dello scorso anno) come fonte privilegiata cui si rivolgono gli intervistati per cercare informazioni sulla modalità di assunzione, le possibili interazioni ed effetti collaterali dei farmaci.
Tra le principali preoccupazioni riscontrate nel campione intervistato, il timore di contrarre il Covid-19 è la paura più ricorrente - segnalata dal 53% dei nostri connazionali -seguita dalle incertezze per il futuro (41%) - legate, per esempio, alla perdita o alla riduzione del lavoro - dall’impossibilità di incontrare familiari e amici (34%) e dalla solitudine (33%) dovuta all’isolamento nella propria casa.
 

Notizie correlate

18/10/2021

Farmacie in prima linea nella lotta alla pandemia. Garantite professionalità e tracciatura dei contagi

“In questo momento di emergenza, per contribuire alla piena ripresa delle attività economiche e sociali, c’è la necessità dell’impegno di tutti”. Lo afferma il presidente di Federfarma, Marco Cossolo, chiedendo alle farmacie che ancora non lo abbiano fatto di aderire all’accordo sui tamponi a prezzo calmierato. “Ringrazio ancora una volta tutte le farmacie per aver risposto con tempestività e rinnovato spirito di servizio alle esigenze di salute dei cittadini...
09/10/2021

Reumatologia, pazienti in attesa di continuità terapeutica. Il ruolo del farmacista nel percorso di cura

La reumatologia italiana è una delle eccellenze del Sistema Sanitario Nazionale. Eppure, persistono problemi organizzativi che rendono ancor più complicata la vita a...
06/10/2021

Terza dose in farmacia, al via nel Lazio. Leopardi: “Per ultraottantenni fondamentale la vicinanza territoriale”

Avviata lunedì 4 ottobre nelle farmacie della Regione Lazio la somministrazione della terza dose di vaccino anti-Covid. Il 30 settembre sono state aperte le prenotazioni, per gli ultraottantenni vaccinati a ciclo completo prima del 31 marzo 2021 e "si sono esaurite nell'arco della giornata per...
06/10/2021

Terza dose per immunodepressi, arriva l’ok dell’Ema. Italia già un passo avanti

L’Ema ha dato il via libera alla terza dose aggiuntiva di vaccino anti-Covid con i vaccini Comirnaty (BioNTech/Pfizer) e Spikevax (Moderna) per i soggetti...
06/10/2021

Parodontite, il ruolo dei farmacisti per la gestione della salute orale

“La figura del farmacista è fondamentale nella gestione della salute orale del paziente, fornendo supporto per il corretto uso dei presidi raccomandati dal professionista...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni