Il Covid ferma l’influenza stagionale. Prima volta in 20 anni

05/05/2021 09:35:09
Per la prima volta negli ultimi 20 anni non c’è stata un'epidemia stagionale di influenza e il merito è, in gran parte, legato al Covid. Le misure di protezione messe in campo per contrastare la pandemia hanno contribuito ad arginare la diffusione del virus influenzale. "Nell'autunno scorso - spiega all'ANSA Antonino Bella, responsabile della Sorveglianza epidemiologica InfluNet, coordinata dall'Istituto superiore di sanità (Iss) - si preannunciava una stagione difficile per la co-circolazione del Sars-CoV-2 e dei virus influenzali. E invece questa malattia, che colpisce mediamente 5-6 milioni di italiani ogni anno e ne accompagna alla morte quasi diecimila ogni inverno, è semplicemente scomparsa".

In base all'ultimo bollettino InfluNet della stagione 2020-21, dal 19 al 25 aprile, il valore dell'incidenza totale di sindromi simil influenzali è stato di 0,85 casi per mille assistiti e i casi stimati rapportati all'intera popolazione italiana sono stati circa 51.000, per un totale di circa 2.431.000 casi da ottobre. Non sono ancora disponibili dati di copertura vaccinale per l'influenza nella stagione 2020-21, spiega Antonino Bella, "ma sappiamo che sono stati utilizzati circa 14 milioni di dosi di vaccini, una quantità ben superiore agli altri anni, grazie all'intensa campagna informativa, una quantità che porta la stima della copertura vicina al 25% della popolazione italiana, ma assolutamente insufficiente da sola a far sparire l'epidemia influenzale stagionale".

La spiegazione dell'annientamento dell'epidemia influenzale potrebbe, in parte, esser trovata nella memoria immunitaria. "Sebbene i virus influenzali non ci regalino una memoria immunitaria a vita come fanno altri patogeni, tanto che ci dobbiamo rivaccinare ogni anno, - prosegue - una qualche immunità anti influenza ci rimane e probabilmente ne attenua l'impatto sia in termini di incidenza che di severità”. Insieme a queste considerazioni, conclude Bella, "dobbiamo ammettere l'evidenza che mascherine, distanziamento, lavaggio delle mani, chiusura di scuole ed esercizi commerciali sono state molto efficaci nel contribuire ad eliminare l'epidemia di influenza".

Notizie correlate

16/06/2021

Pandemia e salute mentale degli adolescenti: i dati emersi dal webinar di Fondazione Rava e Federfarma

Casi raddoppiati e addirittura triplicati nel numero di suicidi, di tentativi di suicidio e atti di autolesionismo. Reparti di psichiatria pediatrica al completo e impossibilitati ad accogliere i casi più gravi. Atti di cyberbullismo e dinamiche di...
14/06/2021

Salute mentale degli adolescenti, farmacie sentinelle del territorio. Il webinar di Fondazione Rava

Il distanziamento sociale, l'ansia e l’isolamento obbligato durante la pandemia hanno creato una vera e propria escalation di disagi psicologici, psichiatrici e nuove fragilità soprattutto nei più giovani. Il ruolo del farmacista è centrale nel provare a riconoscere questi sintomi e trovare delle soluzioni. Se ne è parlato nel corso del webinar dedicato alla...
14/06/2021

Farmacovigilanza vaccini Covid. I dati nel quinto report di Aifa

L’Agenzia Italiana del Farmaco ha pubblicato il quinto Rapporto di Farmacovigilanza sui Vaccini COVID-19. I dati raccolti e analizzati riguardano le segnalazioni di sospetta...
27/05/2021

Dl Covid, è legge. Scudo penale per vaccinatori e obbligo vaccinale per operatori sanitari

L'Aula della Camera, con 311 voti a favore, 47 contrari e 2 astenuti, ha dato il via libera al decreto legge che contiene, tra l’altro, misure...
14/05/2021

Spray nasale anti-Covid, al San Martino di Genova i primi test sull’uomo

Uno spray nasale per la prevenzione dei sintomi più gravi del Covid-19 e per la riduzione della contagiosità e della diffusione del virus. E’ quello in sperimentazione all'Irccs...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni