Ocse: in pandemia decisivo l’aiuto di medici e farmacie all’Ssn

23/02/2021 08:54:21
Se è indubbio che la pandemia da covid-19 abbia fortemente stressato la capacità degli ospedali oberati dall’incredibile aumento dei ricoverati, ad avviso dell’OCSE è altrettanto importante tener presente quanto fatto dai professionisti sul territorio per assistere le persone non infette dal virus. Lo studio OCSE del 10 febbraio scorso ha analizzato questo aspetto evidenziando come la pandemia abbia profondamente colpito la salute di molte persone che, seppur non infettate dal covid-19, si sono venute a trovare in una doppia condizione di disagio a causa delle loro condizioni di malati cronici. Da una parte la paura che un’eventuale infezione da covid-19 potesse condurre a gravi o addirittura letali complicazioni, dall’altra il sovraffollamento creatosi negli ospedali ha spesso portato interruzioni nell’ordinaria routine della programmazione delle loro cure.

Se c’è quindi una lezione che la crisi da COVID-19 ha portato all’insieme dei Paesi membri dell’OCSE è proprio l’importanza di posizionare l’assistenza sanitaria primaria - ovvero medici, farmacisti, infermieri e gli altri professionisti sanitari che agiscono sul territorio- al centro dei sistemi sanitari nazionali.
Una forte assistenza sanitaria territoriale - organizzata in team multidisciplinari di professionisti che sappiano sfruttare le loro capacità innovative, anche dal punto di vista della tecnologia digitale, e ben incentivati dal regolatore pubblico – risulta essere fondamentale per fornire un servizio di eccellenza al servizio sanitario pubblico.
Le innovazioni introdotte per rispondere alla pandemia devono, a giudizio dell’Organizzazione internazionale per la cooperazione e lo sviluppo economico, essere mantenute per rendere i sistemi sanitari nazionali sia più resilienti contro future emergenze sanitarie, che più capaci di rispondere alle sfide di una società in constante invecchiamento e quindi con una fetta importante della popolazione gravata da cronicità.

Per quanto riguarda le farmacie, l’OCSE ha rilevato un incremento delle attività dei farmacisti in farmacia che hanno allargato le loro competenze ad attività precedentemente svolte dai medici, i quali si sono concentrati più efficacemente sui casi più complessi, riducendo in modo consistente i consulti per problemi sanitari di minore entità.
Lo studio dell’OCSE dà anche un’indicazione chiara su uno strumento in grado di migliorare l’assistenza sul territorio aumentando le competenze dei farmacisti in farmacia: “riorganizzare compiti e responsabilità nell’assistenza sanitaria primaria, dando la possibilità ai farmacisti in farmacia di prescrivere terapie farmacologiche per malati cornici, così come avviene in Francia, Irlanda, Portogallo e Stati Uniti.” (ML)
 

Notizie correlate

05/03/2021

Urgono chiarimenti sulle certificazioni irregolari delle mascherine

La Federazione degli Ordini dei Farmacisti e la Federfarma hanno richiesto alle Amministrazioni competenti chiarimenti in merito ai casi, riportati dalla stampa, relativi alla presunta circolazione in Europa e in Italia di mascherine con certificazioni irregolari o contraffatte...
05/03/2021

Dl Covid, ok dal Senato sulle norme per il contenimento del contagio

Il Senato ha approvato il decreto Covid con 122 voti favorevoli, 27 contrari e 88 astenuti. Il provvedimento ora passerà alla Camera per l'ok definitivo e la conversione in legge. Il decreto aggiorna alcune delle principali norme...
02/03/2021

Covid, via libera Usa al vaccino J&J

Via libera negli Stati Uniti al primo vaccino monodose anti Covid, quello della Johnson&Johnson, del quale è atteso in aprile l'arrivo in Europa e in Italia. La data probabile è l'11 aprile. Se fosse confermata, il via libera da parte della Commissione europea si avrebbe il 12 aprile e il 13 potrebbe arrivare l'ok dell'Agenzia Italiana del Farmaco. Per il presidente di...
02/03/2021

Sale la curva dei contagi, nel nuovo Dpcm regole che arrivano fino a Pasqua

Il nuovo Dpcm, che scatterà il 6 marzo, potrebbe essere valido per un mese: secondo una bozza del testo i divieti e le restrizioni resteranno in vigore anche per Pasqua e Pasquetta, scadendo il 6 aprile. Sono anche previste...
01/03/2021

Varianti Covid, Procaccini: “Nuovi test rapidi in farmacia per rilevare presenza del virus”

L'emergere di varianti del virus Sars-Cov-2 costringe anche i test rapidi ad aggiornarsi e le farmacie si sono già adeguate. A "Mi manda Rai3" ne ha parlato Alfredo Procaccini, vicepresidente di Federfarma Nazionale. “Le proteine spike del...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni