Carenza medici di base a Verona, Petrosillo (Sunifar): “Problema che si ripercuote sull’intero sistema a discapito del cittadino”

10/08/2020 10:13:17
 
“Il triste primato segnalato dall’Ordine dei medici della provincia di Verona, che riguarda la carenza dei medici di medicina generale, è un fenomeno da tempo noto e sempre più diffuso, tanto da aver raggiunto livelli ormai veramente allarmanti”. Parla così il presidente del Sunifar, Gianni Petrosillo, in merito alle criticità per il territorio veronese, di competenza dell’Ulss Scaligera, che emergono dal terzo approfondimento dell’Ires Cgil Veneto (Istituto per le ricerche economiche e sociali) sul sistema socio-sanitario regionale. Il territorio scaligero, secondo i dati riportati, vede una vera e propria emergenza per quanto riguarda i medici di medicina generale: l’Ulss Scaligera spicca infatti con 110 zone carenti di medici di medicina generale su un totale veneto di 326 zone carenti: un terzo delle zone scoperte del Veneto.
“Ne sanno qualcosa – aggiunge Petrosillo - i cittadini dei piccoli comuni delle aree rurali e montane che devono sobbarcarsi oneri tra costi per trasporti e tempi di percorrenza per potersi curare; questo proprio quando la pandemia da Covid-19 ha dimostrato tutto il valore delle reti assistenziali territoriali”.

Petrosillo, però, ricorda come a pagare quegli stessi disagi sono anche “le piccole farmacie di questi territori che, senza ambulatori, vedono seriamente minacciata la sostenibilità stessa del servizio. Ben 4200 farmacie sono presenti in comuni al di sotto di 3000 abitanti e, di queste, 2000 operano in comuni con meno di 1500 abitanti a servire complessivamente 5 milioni di cittadini”.

Per il presidente del Sunifar, insomma, “il destino di queste farmacie è inevitabilmente  legato alla presenza degli ambulatori della medicina di base”.

“La soluzione di questo problema sta cuore di Federfarma Sunifar, la sezione di Federfarma che rappresenta le farmacie rurali. Proprio per questo – aggiunge Petrosillo - ne ho parlato, recentemente, ai competenti ministeri sensibilizzando e chiedendo interventi strutturali che vi portino rimedio. Federfarma Sunifar si è inoltre fatta promotrice di altre diverse azioni a tutela del servizio svolto nelle aree più periferiche del Paese, a tutto vantaggio dei cittadini e della sostenibilità della rete delle farmacie, a partire dalla lotta al divario digitale, ormai indispensabile per erogare con efficienza l’assistenza farmaceutica e  le prestazioni della farmacia dei servizi”, conclude il presidente Sunifar.
Rossella Gemma

Ultime notizie

25/09/2020

Salute orale, nuove linee guida europee per la gestione dei farmaci: “No al ‘fai da te’, prezioso il consulto del farmacista”

Si rafforza il rapporto tra odontoiatra e farmacista alla luce delle nuove Linee Guida, recentemente pubblicate dalla Federazione Europea di Parodontologia, che confermano che non esistono farmaci che da soli possano curare la parodontite. I trattamenti realmente efficaci sono infatti il controllo della placca...
25/09/2020

Covid-19, farmacisti sempre in prima linea. Oggi a Palermo i vertici Federfarma incontrano la stampa

Un incontro con i giornalisti per testimoniare l’impegno di tutti i farmacisti italiani  che sono stati sempre in prima linea sin dall’esplosione della pandemia da Sars-Covid2. E’ quello che si terrà oggi,  a Palermo, con il presidente nazionale di Federfarma, Marco Cossolo, il segretario nazionale Roberto Tobia e il presidente del...
25/09/2020

Farmaci equivalenti, Petrosillo: esiste un problema di comunicazione. Serve un processo culturale

“La normativa c’è ed è abbastanza chiara: se il medico prescrive ha la facoltà di indicare la non sostituibilità del farmaco, il farmacista è obbligato per legge a proporre la sostituzione ma al cittadino spetta l’ultima parola. Quello che manca è un processo culturale, cioè manca l’informazione. Ben vengano iniziative come...
25/09/2020

Tg Federfarma Channel – Edizione del 26 settembre

In questo numero: Coronavirus, Pellegrini Calace (Federfarma): “Con il lockdown un nuovo modello di farmacia”; Farmaci equivalenti, Petrosillo (Sunifar): “Esiste una normativa, ma manca l’informazione”; Vaccini antinfluenzali e Covid-19, a Palermo i vertici Federfarma incontrano la stampa; Salute orale, nuove linee guida europee per la gestione dei farmaci: “Prezioso il contributo dei farmacisti”
25/09/2020

Salute, I-Com’, Pellegrini Calace (Federfarma): con il lockdown un nuovo modello di farmacia

Un nuovo modello di farmacia. E’ quello che è emerso con il lockdown e che vede i farmacisti in prima linea nella lotta e nella prevenzione del Covid-19. “La parola d’ordine è stata ed è: innovazione”, ha spiegato Michele Pellegrini Calace nel corso della presentazione del rapporto “Riportare la sanità al centro. Dall’emergenza sanitaria all’auspicata rivoluzione della governance del SSN” condotto dall’Istituto per la Competitività (I-Com) e presentato ieri durante il webinar a cui hanno preso parte accademici, esperti e...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni