Dl Rilancio, dalla diretta alla Dpc nuovo passo in avanti grazie a emendamento Gemmato, Mandelli e Trizzino

01/07/2020 09:04:45
Dal 1° ottobre prossimo le farmacie potranno dispensare, in regime di distribuzione per conto, anche medicinali attualmente erogati direttamente dalle strutture pubbliche e destinati al trattamento dei pazienti in assistenza domiciliare, residenziale e semiresidenziale ovvero consegnati al momento della dimissione ospedaliera. E’ quanto prevede un emendamento al DDL di conversione in legge del Decreto Rilancio, approvato dalla Commissione Bilancio della Camera e volto a favorire la dispensazione da parte delle farmacie di medicinali oggi distribuiti direttamente dalle strutture pubbliche, in linea con le richieste avanzate da Federfarma per andare incontro ai bisogni dei pazienti, in particolare di quelli più fragili (anziani e malati cronici).

L’emendamento all’articolo 8 del provvedimento è stato presentato, nello stesso testo, riformulato in corso di seduta, da Fratelli d’Italia, primo firmatario Marcello Gemmato, da Forza Italia, primo firmatario Andrea Mandelli, e da Movimento 5 Stelle e PD, primo firmatario Giorgio Trizzino, e prevede che un decreto del Ministro della salute, di concerto con quello dell’economia e previa intesa con la Conferenza Stato-Regioni, sentite le organizzazioni maggiormente rappresentative delle farmacie e gli ordini professionali, stabilisca le condizioni alle quali le Regioni possano affidare alle farmacie la dispensazione dei medicinali in questione, a decorrere dal 1° ottobre prossimo.

La modifica introdotta al DL Rilancio integra l’emendamento inserito nel DL Liquidità e presentato dal deputato Marcello Gemmato, che, per l’attuale fase di emergenza sanitaria, prevede la medesima possibilità per i medicinali attualmente distribuiti direttamente dalle strutture pubbliche, trasformando in una norma di legge quanto previsto dall’Ordinanza della Protezione civile n. 651 del  19 marzo 2020.

“Grazie al lavoro portato avanti da Federfarma, in sinergia con la Federazione degli Ordini dei Farmacisti, grazie al supporto del Ministro della salute e di rappresentanti politici particolarmente attenti all’esigenza dei cittadini di disporre agevolmente in farmacia dei medicinali di cui hanno bisogno, non solo nella fase dell’emergenza sanitaria, ma anche a regime – commenta Marco Cossolo, Presidente di Federfarma - è stato possibile raggiungere questo importante risultato. Il nuovo emendamento, infatti, apre la strada a un processo volto a riportare entro limiti fisiologici la distribuzione diretta attraverso un graduale e costante trasferimento alla dispensazione in farmacia di medicinali oggi erogati da ospedali e ASL, che non richiedono particolari cautele in fase di somministrazione. Si tratta di un obiettivo centrale nell’azione politico-sindacale di Federfarma che, a seguito dell’approvazione di questo emendamento, compie un rilevante passo in avanti in tale direzione” conclude il Presidente Cossolo.

Notizie correlate

21/05/2020

Dl Rilancio, nella circolare Federfarma le precisazioni sulle norme di interesse per le farmacie

Con l’approvazione della Presidenza del Consiglio dei Ministri del così detto D.L. “Rilancio”, che interviene in materia di salute, sostegno al lavoro e all’economia, nonché di politiche...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni