Farmaci oppiodi, nuove avvertenze Aifa: su etichette va indicato il rischio dipendenza

19/06/2020 08:54:11
"Contiene oppioide. Può dare dipendenza". È la frase che dovrà essere riportata "in modo ben visibile" sulle etichette di questa categoria di medicinali secondo l’Agenzia italiana del farmaco (Aifa). Lo si legge in una comunicazione inviata dall’ente regolatorio alle aziende titolari di Autorizzazione all’immissione in commercio (Aic). Secondo l’Aifa, tutti medicinali vendibili al pubblico, con esclusione di quelli “ad uso esclusivo ospedaliero”, che contengono un oppioide dovranno includere sull’etichetta esterna, in modo ben visibile, un rettangolo contenente l’avvertenza relativa alla presenza di oppioidi e al rischio di dipendenza.

La nota fa seguito al parere della Commissione tecnico scientifica dell'Aifa dello scorso marzo, secondo cui "i medicinali contenenti un oppioide devono" riportare "in etichetta informazioni sulla tipologia di medicinale, in considerazione del fatto che alcuni pazienti potrebbero non essere consapevoli del contenuto" del farmaco "soprattutto se esso ha un nome di fantasia".

Le aziende dovranno quindi "presentare domanda di variazione delle condizioni dell'Aic, entro e non oltre 30 giorni dal ricevimento della presente comunicazione". L'Agenzia - allegando un elenco di 15 principi attivi a cui si applicano le nuove disposizioni, tra cui metadone, morfina e idroco - sottolinea inoltre: "Poiché le modifiche proposte riguardano un importante problema di sicurezza, il titolare dell'Autorizzazione all'immissione in commercio dovrà apportare all'etichettatura le modifiche autorizzate entro e non oltre 3 mesi dalla data di pubblicazione della variazione in Gazzetta ufficiale". Mentre per "i lotti già prodotti alla data di pubblicazione" e quelli "prodotti entro 3 mesi da tale data e non recanti le modifiche autorizzate, possono essere mantenuti in commercio fino alla data di scadenza del medicinale".

Notizie correlate

06/07/2020

Oppioidi, arriva il no dall’Aifa per l’utilizzo in caso di dolore lieve

No all'utilizzo di farmaci oppioidi per dolore lieve e no all’uso di oltre 30 giorni per quelli a base di tramadolo. A precisarlo è l'Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa) che richiama l'attenzione degli operatori sanitari sulle indicazioni terapeutiche autorizzate...
15/01/2020

Caso oppioidi in Usa, al via le cause delle catene di farmacie contro medici dell’Ohio

I camici bianchi sarebbero i veri colpevoli dell'epidemia di dipendenza (e morti) per abuso di oppioidi che ha sconvolto gli Stati Uniti. Ad affermarlo, sono le principali catene di...
02/10/2019

Fratelli belgi morti in hotel, Mandelli: “Massimo rigore e rispetto delle regole”

 "Il tragico episodio di Firenze non può lasciare indifferenti. Nel nostro Paese non si conoscono fenomeni di abuso di medicinali analgesici oppioidi analoghi a quelli che...
09/09/2019

Oppioidi, dopo lo scandalo in Usa anche in Italia ci si mobilita per scongiurare abusi

Medicinali oppioidi: "un'epidemia negli Usa, un pericolo in Italia". Lo afferma l'associazione Codici, che da un lato si sta attivando per "fornire assistenza legale nei casi di danni da farmaco o da responsabilità medica", e dall'altro esorta le istituzioni a vigilare sull'emergenza. "Invitiamo i pazienti e le loro famiglie a contattare la nostra associazione...
17/03/2016

Usa: nuove linee-guida su uso oppioidi

Lotta all'abuso di farmaci oppioidi negli Usa e alla crescente epidemia di overdose per questo tipo di medicinali: i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno emesso nuove raccomandazioni, in cui si sollecitano medici di base, specialisti, infermiere, fisioterapisti, a limitare drasticamente...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni