Coronavirus, Dpcm: obbligo mascherine in luoghi pubblici al chiuso

28/04/2020 09:14:24
«È fatto obbligo sull'intero territorio nazionale di usare protezioni delle vie respiratorie nei luoghi confinati aperti al pubblico, inclusi i mezzi di trasporto, e comunque in tutte le occasioni in cui non sia possibile garantire continuativamente il mantenimento della distanza di sicurezza, ai fini del contenimento della diffusione del virus COVID-19». È quanto previsto dal nuovo Dpcm firmato il 26 aprile dal premier Giuseppe Conte. Si precisa, però, che i dispositivi di protezione non sono una misura sostitutiva al distanziamento sociale. Le mascherine saranno, quindi, obbligatorie su tutti i mezzi pubblici, sarà imprescindibile il loro utilizzo per chi dovrà spostarsi con bus, metro, treni, aerei o traghetti. Lo prevedono le linee guida sui trasporti messe a punto dalla ministra Paola De Micheli. A sottolineare la rilevanza dell’uso dei dispositivi di protezione individuale è Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione GIMBE:

«La trasmissione da soggetti asintomatici, largamente sottostimata, rappresenta il tallone d’Achille delle strategie per contenere la pandemia – precisa - Le politiche di prevenzione devono essere guidate dal principio di precauzione e da princìpi di costo-efficacia; ovvero, anche in assenza di robuste evidenze scientifiche, è possibile concludere che un limitato utilizzo delle mascherine contribuisce alla crescita dei contagi». Per garantire la distanza di almeno un metro, i mezzi pubblici avranno un numero massimo di posti, con appositi marker sui sedili, ed è prevista una maggior frequenza nelle ore di punta. La logica seguita dalla titolare dei Trasporti è quella di trovare un equilibrio tra la sicurezza e la possibilità di muoversi, evitando che le nuove misure si traducano in un maggior ricorso all'automobile. Anche per questo motivo sono in arrivo incentivi per la mobilità alternativa e sostenibile, come biciclette e monopattini.

La Fondazione Gimbe ha pubblicato in italiano la sintesi delle più recenti evidenze scientifiche sull’uso delle mascherine. Tutte le valutazioni scientifiche convergono sul messaggio #Masks4All, ovvero mascherine per tutti:
  • Il contagio da soggetti asintomatici ha una notevole rilevanza: sia per il loro numero assoluto, sia perché i pazienti positivi sono più contagiosi nei primi giorni dell’infezione, quando sono asintomatici o presentano sintomi lievi.
  • Una semplice mascherina in tessuto indossata da un soggetto infetto riduce di 36 volte la quantità di virus trasmessa e permette di attuare il cosiddetto “controllo della sorgente”: ovvero, è molto più facile bloccare le goccioline (droplets) quando escono dalla bocca, piuttosto che arginarle quando si disperdono nell’aria.
  • Non esistono sperimentazioni cliniche che hanno valutato l’efficacia di mascherine da parte della popolazione generale per contenere l’epidemia di COVID-19, ma diverse sperimentazioni empiriche dimostrano che la mascherina potenzia gli effetti di altre misure di distanziamento sociale.
  • La mascherina non deve necessariamente arginare ogni singola particella virale, ma più ne blocca più si riduce la diffusione del virus. Infatti, gli effetti complessivi dell’uso delle mascherine nella popolazione generale dipendono dall’efficacia della mascherina e dalla percentuale della popolazione che la utilizza. Ovvero è possibile ottenere lo stesso risultato aumentando l’aderenza della popolazione, anche con mascherine meno efficaci.
  • Per aumentare l’aderenza della popolazione l’approccio più efficace è l’obbligo di indossarle in contesti specifici (es. mezzi di trasporto pubblico, supermercati), o ancora meglio sempre quando si esce da casa.
  • Se è vero che, in caso di obbligo di mascherina, alcune persone tendono ad attuare comportamenti a rischio (es. violare il lockdown, lavarsi meno le mani), a livello di popolazione l’effetto preventivo non viene compromesso.
  • Le analisi economiche dimostrano che ogni singola mascherina (dal costo trascurabile) indossata da una persona potrebbe generare enormi benefici economici e salvare molte vite.
  • Tenendo conto delle difficoltà di approvvigionamento e distribuzione, la scienza conferma l’opportunità del “fai da te”, perché non c’è alcuna evidenza che le mascherine debbano essere costruite con materiali o tecniche particolari.

Notizie correlate

08/04/2021

Covid, cambiano le abitudini degli italiani per gli acquisti in farmacia. I dati del report Iqvia

Secondo gli ultimi dati Iqvia, il mercato italiano dei prodotti venduti in farmacia continua a perdere fatturato nonostante, durante la pandemia, sia stata luogo privilegiato dai...
01/04/2021

Covid, in arrivo aggiornamento del ministero su cure domiciliari. Al via sperimentazione su interferone beta

In attesa che arrivi l'aggiornamento dell'indirizzo del Ministero della Salute per le cure domiciliari, a Roma è in partenza uno studio con Interferone beta per curare nel luogo di residenza 60 pazienti...
20/03/2021

COVID-19: vaccini somministrati anche dai farmacisti in farmacia

La Federazione degli Ordini dei Farmacisti e la Federfarma accolgono con estrema soddisfazione la decisione del Ministro della Salute e di tutto il Governo di coinvolgere direttamente farmacisti e farmacie nella campagna vaccinale contro il COVID-19. Questa scelta valorizza la rete delle farmacie e la professionalità dei farmacisti che sono parte integrante del Servizio Sanitario Nazionale in sinergia con medici, infermieri e tutti gli operatori sanitari del territorio...
19/03/2021

Covid-19, la rete delle farmacie è pronta per l’accelerazione della campagna vaccinale

Il coinvolgimento delle farmacie nella somministrazione dei vaccini anti-Covid è imminente, come ha dichiarato anche il ministro della Salute Roberto Speranza. Per consentire l’apporto professionale dei farmacisti alla campagna vaccinale il ministro ha preannunciato un intervento normativo ad hoc, volto ad allineare le farmacie italiane a quelle di Francia, Australia, Canada, Germania, Irlanda, Svizzera, Regno...
18/03/2021

Varianti Coronavirus: due metri di distanza e test multi-gene. Il nuovo Report fa il punto sulle indicazioni

Aumento del distanziamento fisico a 2 metri, quando possibile, e utilizzo di test 'multi-geni' per identificare le mutazioni. Ma anche quarantena per i vaccinati, se 'contatto stretto' di un...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni