L’impegno delle farmacie per la fase 2. In un’intervista al Sole 24 Ore Cossolo rilancia la strategia

24/04/2020 09:10:05
Il presidente di Federfarma, Marco Cossolo, non usa mezzi termini dalle pagine del Sole 24Ore per ribadire l’impegno che le farmacie metteranno in campo anche nella fase 2.

Ci sono però dei punti da chiarire secondo Cossolo, che al quotidiano di Confindustria ribadisce i punti contenuti nella lettera indirizzata al governo e al commissario Domenico Arcuri nella quale ha elencato quattro proposte da realizzare subito per entrare a pieno nella Fase 2 e continuare a dare il proprio contributo come farmacisti. Il primo aspetto da affrontare è quello dell’Iva sulle mascherine, attualmente al 22%, per le quali è fondamentale ridurla al 4% come i beni essenziali, “ma potrebbe essere anche azzerata senza incidere sul gettito visto che l’anno scorso la vendita di questi presidi era bassissima”. Dalle colonne del Sole24Ore il presidente Cossolo ha spiegato anche come l’ipotesi di imporre un prezzo, come già accaduto in Spagna e come ventilato dal commissario Arcuri, abbia di fatto fermato l’approvvigionamento in attesa di questo nuovo prezzo. “Pronti a distribuire le mascherine della Protezione civile anche alle fasce più deboli secondo le indicazioni del governo”, Cossolo conferma di avere l’intenzione di considerare le mascherine alla stregua dei farmaci etici, di applicare cioè un margine analogo a quello di questi farmaci, pari all'incirca al 20%.

Sui costi delle mascherine, a secondo che servano per un utilizzo in ambito sanitario o per un utilizzo nella vita quotidiana, è inoltre fondamentale fare chiarezza.

Le mascherine chirurgiche oggi hanno un costo che oscilla da 1,5 a 2 euro e “se si riducesse l’aliquota al 4%- si legge ancora nell’intervento al Sole24Ore - o si azzerasse intervenendo anche sui nostri margini si potrebbe arrivare ad un prezzo fra 1 e 1,20 euro. Sfruttando poi la scia della farmacia dei servizi, nella fase 2 le farmacie potranno “dare una mano nella campagna di screening dei test sierologici e nell’utilizzo dell’app per il tracciamento”.
Rossella Gemma

Notizie correlate

09/07/2020

Indagine sieroprevalenza, farmacie impegnate come principale presidio sanitario

Continua l’indagine di sieroprevalenza dell’infezione da virus SARS-CoV-2 avviata dal ministero della Salute e Istat, con la collaborazione della Croce Rossa Italiana, per mappare la situazione...
08/07/2020

Piano Autunnale Anti – Covid, Federfarma Bergamo e Ordine dei farmacisti

La provincia di Bergamo è stata una delle zone che ha pagato il prezzo più alto a causa del coronavirus. Il Sistema Sanitario regionale in tutte le sue articolazioni...
08/07/2020

Coronavirus: Ecdc non raccomanda guanti per proteggersi

L'uso dei guanti sterili per proteggersi dal virus SarsCov2 non è raccomandato, anche perché possono indurre a pensare di poter abbandonare l'igiene delle mani. È quanto fa sapere il Centro europeo per il controllo delle malattie (Ecdc) che invece li raccomanda agli operatori sanitari, come spiega in documento pubblicato sul suo sito. Sono ancora insufficienti i dati per raccomandare...
07/07/2020

Coronavirus: in 3 mesi autorizzati 350 nuovi disinfettanti. Ministero Salute, si torna al normale iter

Dall'inizio della pandemia Covid-19 ad oggi è stata autorizzata l'immissione in commercio di oltre 100 nuovi prodotti disinfettanti. E nei prossimi mesi si prevede il rilascio di ulteriori...
07/07/2020

Covid-19, Ue autorizza Remdesivir per trattamento in tempo record

La Commissione europea autorizza il medicinale Remdesivir per il trattamento contro la Covid-19. Un’autorizzazione che arriva in tempo record perché i dati sul Remdesivir...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni