Rapporto Censis, Italia sempre più anziana. Pochi giovani e nascite in calo

09/12/2019 09:17:47
Rimpicciolita, invecchiata, con pochi giovani e pochissime nascite: è quanto emerge dal 53esimo Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese, da cui risulta che nel 2018 i nati sono stati 439.747, cioè 18.404 in meno rispetto al 2017. Nel 2018 anche i figli nati da genitori stranieri sono stati 12.261 in meno rispetto a 5 anni fa.
 
Dal 2015 – anno di inizio della flessione demografica, mai accaduta prima nella nostra storia – si contano 436.066 cittadini in meno, nonostante l’incremento di 241.066 stranieri residenti.
 
La caduta delle nascite, rileva ancora il Censis, si coniuga con l’invecchiamento demografico. Nel 1959 gli under 35 erano 27,9 milioni (il 56,3% della popolazione complessiva) e gli over 64 erano 4,5 milioni (il 9,1%). Tra vent’anni, su una popolazione ridotta a 59,7 milioni di abitanti, gli under 35 saranno 18,6 milioni (il 31,2%) e gli over 64 saranno 18,8 milioni (il 31,6%). Sulla diminuzione della popolazione giovanile hanno un effetto anche le emigrazioni verso l’estero: in un decennio più di 400 mila cittadini italiani 18-39enni hanno abbandonato l’Italia, cui si sommano gli oltre 138 mila giovani con meno di 18 anni.
Il declino demografico, evidenzia il report, non è uniforme. Dal 2015 il Mezzogiorno ha perso quasi 310 mila abitanti (-1,5%), contro un calo della popolazione dello 0,6% nell’Italia centrale, dello 0,3% nel Nord-Ovest, dello 0,1% nel Nord-Est e dello 0,7% a livello nazionale. Oggi l’Italia che attrae, e che cresce anche in termini demografici, è fatta di un numero limitato di aree. Su 107 province, 21 non hanno perso popolazione: 6 sono in Lombardia, 9 nel Nord-Est.
In 4 anni Bologna ha guadagnato 10 mila residenti, l’area milanese (3,2 milioni di abitanti) ha aumentato la sua popolazione dell’equivalente di una città come Siena (53 mila abitanti in più), cui si aggiungono i quasi 10 mila residenti in più della contigua provincia di Monza. Nell’area romana invece è crollato l’arrivo di stranieri (20 mila in meno tra il 2012 e il 2018) e sono diminuite le iscrizioni dal resto del Lazio e dalle altre regioni, a riprova dell’appannamento dell’appeal della capitale. Le dinamiche demografiche, denuncia il Rapporto Censis, incidono pesantemente sugli equilibri del sistema di welfare. L’aspettativa di vita alla nascita nel 2018 è di 85,2 anni per le donne e 80,8 per gli uomini. Le previsioni al 2041 salgono rispettivamente a 88,1 e 83,9 anni. Oggi gli over 80 rappresentano già il 27,7% del totale degli over 64 e saranno il 32,4% nel 2041.
Nonostante i miglioramenti complessivi dei livelli di salute della popolazione, l’80,1% degli over 64 è affetto da almeno una malattia cronica, il 56,9% da almeno due. Questi ultimi aumenteranno di 2,5 milioni di qui al 2041. Già oggi la quota di non autosufficienti è pari al 20,8% tra gli over 64, a fronte del 6,1% riferito alla popolazione complessiva, e supera il 40% tra gli ultraottantenni.
 

Notizie correlate

17/12/2018

Per il Censis farmacisti ancora tra i migliori consiglieri. Bacchini: “Il segreto sta nella capillarità e competenza”

Non lascia ben sperare, in tema di salute, il 52esimo Rapporto del Censis sulla situazione sociale del Paese. Dai dati emerge come sia sempre più diffuso il principio...
08/06/2017

Sanità integrativa, le stime del Censis e le aperture di Federfarma

Nel 2016 la spesa privata sostenuta dagli Italiani per l’accesso a prestazioni e prodotti sanitari è stata pari a 35,2 miliardi, con una crescita che, nel periodo 2013-2016, è stata pari al +4,2%, a fronte di un aumento della spesa per consumi in generale, aumentata...
11/12/2015

Welfare misto, Racca a convegno Censis: farmacie pronte a fare sistema

Si chiama "White Economy", è la filiera delle imprese e società, pubbliche o private, che operano nel comparto della cura e del benessere e in Italia le sue cifre sono di tutto rispetto: il valore del comparto si aggira sui 290 miliardi di euro, pari al...
21/10/2015

Censis: Sanità in ritirata, e le assicurazioni propongono la ricetta

Quasi un italiano su due interrompe le cure o comincia a rimandare analisi cliniche e visite mediche. Per colpa di una Sanità pubblica dalla coperta sempre più corta (vedi destini del Fondo sanitario 2016), di liste d’attesa troppo lunghe e di una Sanità privata...
19/06/2015

Sondaggio Censis: una impresa su cinque stufa della burocrazia

L’inefficienza della burocrazia statale rappresenta la principale zavorra per chi vuole avviare un’attività. In Italia lo dice quasi un imprenditore su cinque secondo un sondaggio condotto dal Censis nell’ambito di una più ampia ricerca sui fondamentali della...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni