Manipolazione farmaci orali, le raccomandazioni del ministero. Il farmacista sa come procedere in sicurezza

07/11/2019 09:32:11
Assumere la terapia senza commettere errori non è una banalità. Ne è convinto il ministero della Salute che nelle premesse della Raccomandazione n. 19, segnala che "recenti studi condotti nel nostro Paese hanno evidenziato come nelle Residenze Sanitarie Assistenziali sia prassi consueta, non scevra da errori, manipolare compresse, spesso in aggiunta di cibo caldo o freddo, senza provvedere, tra l'altro, alla pulizia dei trita-pastiglie o dei mortai utilizzati".
Per manipolazione, nello specifico, si intende, la divisione di compresse, la triturazione, frantumazione, polverizzazione di compresse. E può risultare necessaria con pazienti disfagici, pediatrici, anziani, politrattati, in nutrizione enterale o che abbiano la necessità di avere un dosaggio non disponibile in commercio. I rischi che si corrono, se non correttamente gestita sono l'instabilità del medicinale, effetti irritanti locali, errori in terapia.

“Siamo assolutamente d’accordo con quanto specificato dal ministero – spiega a Filodiretto, Andrea Cicconetti, segretario di Federfarma Roma e delegato di Federfarma al Tavolo di revisione della Farmacopea Ufficiale - bisognerebbe però fare un focus su tutta la problematica. La manipolazione del farmaco, infatti, andrebbe operata dal farmacista, soprattutto se si parla di frantumazione o riduzione, che grazie alle sue competenze sa come procedere in sicurezza. Queste problematiche le abbiamo portate – aggiunge Cicconetti - più di una volta al Tavolo, prima, della Revisione della tariffa nazionale e, poi, della Farmacopea ufficiale e abbiamo ottenuto nella famosa ‘nota 3’ che il farmacista possa, su indicazione del medico, sconfezionare un farmaco per poi personalizzare il dosaggio. Stiamo cercando, ora, di poter ampliare questa possibilità convinti che la manipolazione in un luogo diverso dalla farmacia può dar luogo a fenomeni di dosaggio non corretto in sede terapeutica”.
 
Rossella Gemma

Notizie correlate

16/12/2019

Salute troppo costosa, circa un milione di italiani rinuncia completamente alle cure. I numeri del Rapporto Crea Sanità

La salute costa sempre di più agli italiani che non sempre ce la fanno. Ben 4,2 milioni di famiglie hanno dichiarato di aver cercato di limitare le spese sanitarie per motivi economici, e di queste ben 1,1 milioni non ha potuto permettersi alcuna spesa. E' la fotografia scattata dal 15esimo rapporto del Centro per la ricerca...
10/12/2019

Aderenza alla terapia, primo bilancio del progetto Sfi su fibrillazione atriale. Procaccini: siamo molto soddisfatti

Seicento farmacie per un totale di 1500 pazienti arruolati. E’ il bilancio del progetto sulla fibrillazione atriale condotto da Sistema Farmacia Italia con il supporto di Daiichi Sankyo...
09/12/2019

Aderenza alle terapie, Insegno: ogni vip adotti una malattia e ne diventi testimonial

Una massiccia campagna di comunicazione, quella organizzata da Federfarma per il Dia Day 2019. Lo confermano i numeri illustrati nella conferenza stampa di presentazione dei...
04/12/2019

Malattie cardiovascolari, in Lombardia solo 6 pazienti su 10 assumono correttamente le terapie

Solo 6 pazienti su 10 seguono correttamente la terapia fondamentale per lo scompenso cardiaco e per la fibrillazione atriale: due delle malattie cardiovascolari più insidiose per...
26/11/2019

Anziani poco aderenti alle terapie. Tobia: “Puntiamo ad un ruolo centrale in questo ambito”

Più di un over-65 su due dimentica di assumere antidepressivi e farmaci anti-colesterolo. Quelli contro l'ipertensione hanno una percentuale ancor più elevata, ma la criticità...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni