Messo a punto test sangue che potrebbe predire l'Alzheimer

02/08/2019 14:51:31
Creato un nuovo test basato su un prelievo di sangue, potenzialmente in grado di predire (con una accuratezza del 94%) chi si ammalerà di Alzheimer anni e anni prima dell'esordio dei sintomi della malattia. Reso noto sulla rivista Neurology, il traguardo si deve a un team di scienziati della Washington University School of Medicine a St. Louis. Il test si basa sulla misura della concentrazione nel sangue della proteina beta-amiloide (prima indiziata tra i presunti colpevoli della malattia) attraverso uno strumento che si chiama 'spettrometria di massa'. La beta-amiloide plasmatica è indicativa di quella accumulata nel cervello. A questa informazione si aggiunge l'età della persona e la presenza o meno nel suo Dna del 'gene' 'APOE4', noto per moltiplicare il rischio di Alzheimer fino a 5 volte. Un test in grado di predire il rischio Alzheimer - a costo sostenibile, altamente accurato e specifico e facilmente disponibile sul territorio - è considerato il 'Santo Graal' per gli scienziati che in tutto il mondo sono in lotta contro la malattia: infatti questa esordisce con i primi seri deficit di memoria solo molti anni dopo che i processi neurodegenerativi (innescati da vari meccanismi tra cui la sostanza beta-amiloide che si accumula nel cervello). Questo lungo periodo di ''incubazione'', di fatto, renderebbe tardiva e quindi vanificherebbe l'azione di eventuali terapie che venissero sviluppate contro la demenza.

Ultime notizie

13/12/2019

Così il farmaco più prescritto per il diabete aiuta a dimagrire

Il farmaco più usato contro il diabete di tipo 2 - la metformina - riduce l'appetito e favorisce la perdita di peso agendo su una molecola del fegato. È la scoperta resa nota sulla rivista Nature Metabolism da esperti della McMaster University in Canada. La metformina sembra avere...
13/12/2019

Consultori familiari, pochi e troppe differenze regionali

I consultori familiari sono ancora troppo pochi rispetto ai bisogni della popolazione ma offrono servizi essenziali con differenze nelle diverse aree del Paese. E' questa la prima fotografia scattata dall'Istituto Superiore di Sanità (Iss) in un progetto i cui dati sono stati diffusi...
13/12/2019

In discussione l’uso quotidiano dell'acido acetilsalicilico

Uno studio dell'Università della Georgia sta mettendo in discussione l'uso quotidiano dell'acido acetilsalicilico a basse dosi per prevenire infarti o ictus. In una ricerca che è stata pubblicata sulla rivista scientifica Family Practice, sono stati analizzati gli studi sul principio attivo...
13/12/2019

Nei Comuni depositati 170.000 biotestamenti, Roma in coda

Sono circa 170.000 le persone che hanno depositato le proprie Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (Dat) nei Comuni italiani, ovvero lo ha fatto un cittadino ogni 355 abitanti. A fare peggio sono i comuni di Trapani, l'Aquila e Roma ma, in generale, non mancano...
13/12/2019

Tg Federfarma Channel – Edizione del 14 dicembre

In questo numero: Dia day 2019, a Palermo e provincia un paziente diabetico su tre presenta una bassa aderenza alla terapia; Farmacia dei servizi, anche la Sicilia pronta a partire; Salute troppo costosa, circa un milione di italiani rinuncia completamente alle cure. I numeri del Rapporto Crea Sanità; "Vogliamo un Natale senza pacchetti", al via la campagna social contro il fumo promossa da Federfarma Lombardia


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni