Tumori: studio Oms, non siamo uguali di fronte alla malattia

15/04/2019 15:34:51
Anche di fronte al cancro non siamo tutti uguali. Le differenze sociali incidono sui fattori di rischio e sulla probabilità di sviluppare la malattia, sulla diagnosi e sui trattamenti oltre che sull'accesso alle cure palliative. Lo rileva uno studio del Centro internazionale per la ricerca sul cancro dell'Oms basato sui dati di oltre 70 istituti scientifici nel mondo.

La pubblicazione mette in evidenza le importanti variazioni di sopravvivenza tra i malati di cancro nei vari Paesi e tra gruppi sociali. Secondo Salvatore Vaccarella, ricercatore e coordinatore dello studio, ''le disuguaglianze sociali di fronte al cancro si evolvono e cambiano nel tempo, a causa di fattori sociali economici, politici, legislativi e tecnologici e toccano in particolare le persone più svantaggiate''.

Dunque mentre gli abitanti dei Paesi più sviluppati hanno maggiore possibilità di ammalarsi di cancro a causa dei fattori di rischio legati all'ambiente e agli stili di vita, il tasso di mortalità è più alto tra chi vive invece nei Paesi in via di sviluppo a causa delle scarse possibilità di diagnosi e di trattamenti immediati. Basti pensare che solo il 25% della popolazione mondiale ha accesso alla chirurgia anticancro di base.

Le popolazioni più a rischio sono poi i popoli autoctoni, le minorante etniche e i rifugiati. Ad esempio, in Colombia le donne con una bassa scolarità hanno un tasso di mortalità da cancro al collo dell'utero cinque volte superiore di quelle con un'istruzione più elevata. In Australia, invece, la popolazione autoctona ha un tasso di mortalità 30 volte superiore ai non autoctoni.

Dipende infine dal livello socio-economico anche di quale tipo di cancro ci si ammala: ai livelli sociali più bassi ci si ammala di cancro legato all'alcol, al tabacco, alla cattiva alimentazione o alle infezioni. Infine, è chiaro che sistemi sanitari inefficienti aumentano le ineguaglianze nella lotta al cancro. (ANSA)

Ultime notizie

19/04/2019

Federfarma: non esiste alcuna vertenza con le Regioni. Su alcune testate notizia fuorviante

Federfarma affida ad un comunicato ufficiale i chiarimenti circa quanto apparso su alcune testate giornalistiche secondo le quali il ministro della Salute, Giulia Grillo, avrebbe disertato l’incontro con le multinazionali del farmaco e l’ambasciatore Usa Lewis Eisenberg, a causa di una presunta vertenza del sindacato dei titolari di farmacia con le Regioni. “E’ assolutamente fuorviante  - scrive Federfarma...
19/04/2019

Tg Federfarma Channel – Edizione del 19 aprile

In questo numero: Federfarma: non esiste alcuna vertenza con le Regioni. Su alcune testate notizia fuorviante; Cannabis terapeutica, indagine sulla difficoltà di reperimento nelle farmacie. Federfarma e Fofi si attivano; Brevetto dei farmaci, nuova disciplina europea per competitività Stati membri; Farmacista personal trainer del paziente cronico. Marco Bacchini: “Sinergia con Mmg e specialisti”
19/04/2019

Cannabis terapeutica, indagine su difficoltà di reperimento nelle farmacie. Federfarma e Fofi si attivano

Federfarma si mobilita per sostenere la Fofi, che su richiesta del Ministero della Salute, ha avviato un’indagine sul territorio nazionale, chiedendo la collaborazione del sindacato dei titolari di farmacia, volta a verificare e a superare difficoltà di reperimento della Cannabis a uso medico presso le farmacie...
19/04/2019

Brevetto farmaci, nuova disciplina europea per competitività Stati membri

Via libera del Parlamento Europeo in sessione plenaria e del Consiglio dell'Unione Europea al Regolamento in base al quale i farmaci coperti da Certificato Complementare di Protezione (Ccp) possono essere prodotti ed esportati dai produttori europei (sia di farmaci che di principi attivi) nei Paesi dove il Ccp non c'è o è scaduto...
19/04/2019

Farmacista personal trainer del paziente cronico. Bacchini: “Sinergia con Mmg e specialisti”

Il farmacista come personal trainer della salute del paziente in sinergia con il medico di medicina generale e con lo specialista. E’ questa la sfida lanciata dal convegno...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni