Scompenso cardiaco, malattia over 65 spesso sottovalutata

14/03/2019 14:28:25
In Italia sono oltre 600 mila le persone con diagnosi di scompenso cardiaco e il numero cresce fino a 3 milioni considerando le forme latenti. Si tratta in diversi casi di over 65. In media alla diagnosi l'età è di 76 anni. Secondo gli specialisti è una patologia sottovalutata.

«Non desta, erroneamente, particolare preoccupazione e lo si sottovaluta - spiega Francesco Vetta, cardiologo e aritmologo presso le case di cura Paideia e Mater Dei di Roma - al contrario, la percezione che si ha verso il tumore e le sue varie forme è di gran lunga maggiore. Questo "gap culturale" dipende dalla scarsa informazione. Eppure la mortalità nello scompenso cardiaco è molto più alta: circa il 50% dei pazienti, a distanza di 4-5 anni, muore».

Questo e altri temi verranno affrontati al 14° Congresso di Cardiogeriatria, organizzato da Sigot, Società Italiana di Geriatria Ospedale e Territorio. Lo scompenso cardiaco consiste in un'alterazione della struttura e della funzione cardiaca che provoca un'insufficiente funzione di pompaggio del cuore. Le conseguenze sono affanno, gonfiore agli arti inferiori, ridotta tolleranza allo sforzo, affaticamento.

La condizione può aggravarsi fino a portare all'edema polmonare acuto e alla morte. Dopo i 65 anni rappresenta la prima causa di ricovero in ospedale. La prevalenza passa dal 2% tra i 40 e 59 anni, al 5% tra i 60 ed i 69 anni, raggiungendo il 10% oltre i 70 anni. La spesa ospedaliera annua per questa malattia è di 570 milioni di euro, quella complessiva di 780 milioni. Accanto alla terapia farmacologica, migliorata, vi è anche la possibilità di impianto di defibrillatori e pacemaker.

«Chi soffre di scompenso è particolarmente esposto al rischio di morte improvvisa, con percentuali superiori al 50% dei casi - aggiunge Vetta - un defibrillatore può interrompere le aritmie ventricolari ove necessario, salvando la vita. Purtroppo, l'accesso riguarda ad oggi solo il 35-40% dei pazienti». (ANSA)

Ultime notizie

22/03/2019

Farmaci illegali, in Lombardia approvata mozione per il contrasto. Tobia: “Fenomeno preoccupante, Federfarma in prima linea”

Mentre in Europa il commercio di farmaci illegali, anche via web, supera di 25 volte quello delle sostanze stupefacenti, la Lombardia si attrezza per combattere il problema di sanità pubblica. Il Consiglio Regionale ha approvato, infatti, a larghissima maggioranza, la mozione, a firma Emanuele Monti, Presidente della III Commissione Sanità e Politiche Sociali...
22/03/2019

Tg Federfarma Channel – Edizione del 22 marzo

In questo numero: Farmaci illegali, in Lombardia approvata mozione per il contrasto. Tobia: “Fenomeno preoccupante, Federfarma in prima linea”; Rev, in attesa della pubblicazione del decreto ministeriale Federfarma Marche continua il percorso di formazione; Antibioticoresistenza, al via “Spincar” come supporto al Piano nazionale del ministero; Partito nelle scuole veronesi il progetto “Natura che cura”. Coinvolti i farmacisti
22/03/2019

Rev, in attesa della pubblicazione del decreto ministeriale Federfarma Marche continua il percorso di formazione

Un  percorso di formazione sulla ricetta elettronica veterinaria. E’ quello promosso da Federfarma Marche per sensibilizzare opinione pubblica, farmacisti e veterinari su questo argomento, partito un mese fa con la prima tappa ad Ancona. Poi, Ascoli Piceno, Pesaro e presto anche Fermo e Macerata....
22/03/2019

Antibioticoresistenza, al via “Spincar” come supporto al Piano nazionale del ministero

Parte SPiNCAR (Supporto al Piano Nazionale di Contrasto Antibioticoresistenza), il Sistema operativo del Servizio Sanitario Nazionale per lo sviluppo degli obiettivi fissati dal Piano Nazionale di Contrasto dell’Antimicrobico-Resistenza (PNCAR) voluto dal Ministero della Salute e che fissa gli standard di sicurezza per tutte le strutture sanitarie...
22/03/2019

Partito nelle scuole veronesi il progetto “Natura che cura”. Coinvolti i farmacisti

Medici e farmacisti insieme per spiegare agli studenti dagli 8 ai 13 anni e alle loro famiglie come prevenire le malattie con la medicina naturale. E’ il progetto “Natura che Cura”...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni