Ossa, reni e occhi, per gli asmatici 243mln di danni da cortisone

14/03/2019 14:24:23
Ipertensione, fratture, diabete, problemi ai reni e agli occhi: gli effetti collaterali dell'abuso di cortisone danneggiano la salute degli italiani che soffrono di asma e si riflettono sulla spesa sanitaria. Per curarli si spendono infatti oltre 243 milioni di euro l'anno, ben di più di quanto si spenderebbe per terapie molto meno dannose.

E' quanto emerge dai risultati del primo studio italiano sull'impatto clinico ed economico del cortisone orale nell'asma grave, pubblicato su World Allergy Organization Journal. Quattro milioni di italiani soffrono di asma e ben 200.000 in grado severo.

Di questi, secondo il registro SANI (Severe Asthma Network Italy), 124.000 vengono trattati con cortisonici per via orale, spesso per oltre 6 mesi. Ma con conseguenze pesanti sulla salute. In questi pazienti, l'abuso di 'pillole' aumenta di 5 volte il rischio di fratture e raddoppia diabete.

Ad esempio, spiega Giorgio Walter Canonica, past president della Società Italiana di Allergologia, Asma e Immunologia Clinica (Siaaic), «l'osteoporosi colpisce il 16% di questi pazienti contro il 3% della popolazione generale; i disturbi della digestione riguardano il 65% di loro contro il 24%; l'insufficienza renale dal 7% sale al 14%; il diabete arriva al 10% contro il 6%; l'obesità sale dal 23% al 42%; la cataratta dal 4% al 9%».

Per curare questi effetti collaterali si spendono quasi 2000 euro l'anno a paziente, complessivamente 243 milioni: una spesa che supera quella per terapie inalatorie, pari a 138 milioni, e quella per i farmaci biologici, stimata intorno ai 50 milioni. Secondo le linee guida, i corticosteroidi per via orale nell'asma dovrebbero essere utilizzati solo nelle crisi acute.

«I dati mostrano però - aggiunge Francesco Blasi, direttore Dipartimento Medicina Interna e dell'Uoc di Pneumologia IRCCS Policlinico Milano - che in realtà il 64% dei pazienti con asma grave li utilizza in modo cronico, esponendosi a elevato rischio di eventi avversi. Sarebbe perciò più lungimirante favorire maggiormente l'impiego di terapie biologiche e inalatorie». (ANSA)

Ultime notizie

26/05/2020

Ai farmacisti le prime forniture di mascherine a filiera italiana. Cossolo: “Un riconoscimento per la nostra categoria”

“Accolgo con vera soddisfazione le dichiarazioni del Commissario Arcuri che ringrazio per aver  esplicitamente riservato ai farmacisti e al personale medico le prime forniture di mascherine prodotte dalla filiera italiana. L’iniziativa attesta, ancora una volta, il riconoscimento delle Istituzioni per il fondamentale ruolo svolto dalla farmacia italiana...
26/05/2020

Tg Federfarma Channel – Edizione del 26 maggio

In questo numero: Ai farmacisti le prime forniture di mascherine a filiera italiana. Cossolo: “Un riconoscimento per la nostra categoria”; Protocollo d’intesa tra Federfarma e Commissario straordinario di Governo, i chiarimenti di Federfarma; Partita ieri l’indagine epidemiologica in tutta Italia, farmacie avamposto per sensibilizzazione cittadini; Clorochina, l’antimalarico che non convince Aifa nelle cure anti Covid
26/05/2020

Protocollo d’intesa tra Federfarma e Commissario straordinario di Governo, i chiarimenti di Federfarma

Sono numerose le richieste di ulteriori chiarimenti e precisazioni, nonché segnalazioni di criticità riguardanti la concreta applicazione del Protocollo d’Intesa con il Commissario straordinario di Governo e del successivo addendum allo stesso, pervenute a Federfarma e Promofarma. Come prima cosa, Federfarma precisa che sulla base...
26/05/2020

Partita ieri l’indagine epidemiologica in tutta Italia, farmacie avamposto per sensibilizzazione cittadini

Capire quante persone in Italia hanno sviluppato gli anticorpi al Coronavirus, anche in assenza di sintomi, stimare dimensioni e estensione dell'infezione nella popolazione e descriverne la frequenza in relazione ad alcuni fattori quali sesso, eta', regione di appartenenza, attivita' economica. Questo al fine di indirizzare politiche a livello nazionale o regionale e per modulare le misure di contenimento del contagio....
26/05/2020

Clorochina, l’antimalarico che non convince Aifa nelle cure anti Covid

L'idrossiclorochina non convince l'Aifa. Ne ha parlato il direttore generale dell'Agenzia italiana del farmaco, Nicola Magrini, durante la presentazione di un rapporto sulle cure...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni