Prezzo farmaci, il ministro annuncia i nuovi criteri di negoziazione per quelli rimborsabili da Ssn

13/03/2019 09:16:50
Dovrebbe essere pronto "in una decina di giorni" il decreto ministeriale con i nuovi criteri per la negoziazione del prezzo dei farmaci rimborsati dal Servizio sanitario  nazionale, previsto dalla legge di Bilancio. Ad assicurarlo il ministro della Salute, Giulia Grillo, a margine della presentazione di una risoluzione per la trasparenza del prezzo dei farmaci di ieri a Roma.

La Manovra prevedeva che il decreto fosse emanato entro il 15 marzo di concerto con il Mef e sentita la Conferenza Stato-Regioni: "Siamo un po' stretti con i tempi - ammette Grillo - ma non è un termine perentorio. Ci stiamo lavorando in queste ore, perché i miei uffici sono stati impegnati a fondo per il decreto sulla Calabria per quasi 20 giorni. Le proposte sono comunque già state in parte anticipate per la parte concettuale nella legge di Bilancio e nel documento sulla governance farmaceutica, anche se alcune di queste saranno attuabili solo se avremo una cornice normativa internazionale di riferimento. Credo che in un paio di anni un po' di risultati li porteremo a casa e con le Regioni stiamo già condividendo il lavoro in fase preliminare" in modo da velocizzare i tempi.

Nello specifico, gli obiettivi della proposta di risoluzione sul prezzo dei farmaci inviata dall'Italia all'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), e presentata ieri al ministero della Salute, si propone di raccogliere e analizzare i dati sui risultati degli studi clinici e sugli effetti avversi dei farmaci e delle altre tecnologie sanitarie. Fornire ai governi un forum per la condivisione di informazioni su prezzi dei farmaci, ricavi, costi di ricerca e sviluppo, investimenti del settore pubblico e sussidi per la ricerca e lo sviluppo, costi di marketing e altre informazioni correlate. Fornire dati cruciali sul panorama brevettuale e intraprendere ulteriori azioni attraverso riunioni e forum al fine di favorire ulteriori progressi.
Il 1 febbraio scorso, l'Italia ha sottoposto il progetto di risoluzione 'Improving the Transparency of markets for drugs, vaccines and other health-related technologies', che sarà discussa a Ginevra durante la prossima assemblea mondiale che si svolgerà dal 20 al 28 maggio.

La proposta italiana rilancia con forza linee strategiche già tracciate da precedenti documenti con l'obiettivo di convogliare un sentimento già condiviso a livello globale verso obiettivi concreti, da realizzarsi nella cornice di un'organizzazione inclusiva come l'Oms. Con questa proposta, che ha già raccolto espressioni di convinto sostegno da parte di numerosi paesi a livello sia europeo sia extraeuropeo, gli Stati invitano l'Oms ad agire al fine degli obiettivi individuati e si raccomanda agli Stati membri di sviluppare misure per aumentare la trasparenza, garantendo requisiti minimi per la trasparenza degli studi clinici, di costo della ricerca e di prezzi dei farmaci.

Con la risoluzione, comunque, sottolinea il ministro Grillo "poniamo già sul tavolo i principi da attuare in Italia: il lavoro é lungo - ammette il ministro - ma avere dei punti fermi ci garantirà di ottenere dalle case farmaceutiche informazioni su come si forma il prezzo di un farmaco e questo permetterà di fare delle politiche ad oggi impossibili".
Rossella Gemma

Notizie correlate

21/02/2019

Autonomie, il ministro della Salute Grillo: “Sia nel rispetto dei principi di equità”

"Sono perfettamente consapevole e condivido le preoccupazioni. C'è una Costituzione da rispettare e va seguita pedissequamente per garantire gli equilibri del sistema, per cui devono rimanere i principi di equità. Ed io mi farò garante di questi principi". Lo ha detto il ministro della Salute Giulia Grillo, a margine della sigla del protocollo su Scuola e Salute...
19/02/2019

Accesso ai farmaci, innovazione e formazione. In un convegno il punto sulle nuove sfide della professione

“Nuove sfide della professione del farmacista. L'accesso ai farmaci, l'innovazione, la formazione come pilastri del sistema farmacia". È questo il titolo dell’incontro organizzato...
22/01/2019

Medicinali con ricetta, le precisazioni di Federfarma. Cossolo: “Sui prezzi notizie fuorvianti”

I prezzi dei farmaci di fascia C con ricetta possono essere aumentati da parte delle aziende produttrici ogni due anni, nel mese di gennaio degli anni dispari. Sugli aumenti di prezzo vigila l’Agenzia italiana del farmaco che, come riportato sul sito internet dell’Aifa stessa, effettua un monitoraggio sugli incrementi, che non possono superare l’inflazione programmata. I prezzi dei medicinali senza obbligo di ricetta medica, invece, sono stabiliti...
11/12/2018

Proprietà farmacie, Federfarma dopo le dichiarazioni di Grillo: “Essenziale maggioranza farmacisti nella compagine sociale”

 Dopo il post su facebook della ministra della Salute, Giulia Grillo, contro la svendita delle farmacie alle multinazionali, Federfarma ha ribadito di condividere pienamente le ragioni espresse dal ministro in favore di una norma che garantisca che nelle...
07/12/2018

Manovra, ministro Grillo: "Il governo sta dalla parte dei farmacisti"

"Il principio per cui nelle farmacie italiane il 51% del capitale di gestione dev'essere rappresentato da farmacisti iscritti all'albo e' per me fondamentale: si tratta di un argine al rischio di strapotere delle societa' di capitale internazionali...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni