Al via il sondaggio dell’Ecdc sull’uso degli antibiotici nell’Eu

12/02/2019 09:48:20
Il 28 gennaio scorso, il Centro Europeo per la Prevenzione ed il Controllo della Malattie (Ecdc) ha lanciato in tutta Europa un sondaggio per valutare le conoscenze e gli atteggiamenti degli operatori sanitari in relazione all'uso ed alla resistenza agli antibiotici. Il sondaggio è disponibile in 25 lingue.

L’Ecdc è un Agenzia europea che si propone l’obiettivo di rafforzare le difese dell’Europa contro le malattie infettive.  Costituito nel 2005 con sede in Svezia, l’Ecdc analizza ed interpreta i dati provenienti dai Paesi dell’Unione Europea relativamente a 52 malattie trasmissibili, oltre a fornire consulenza scientifica in materia ai governi e alle istituzioni dell’UE e ad assicurare la tempestiva individuazione delle minacce emergenti aiutando i governi europei a prepararsi alle epidemie.

Lo scopo del sondaggio è di ottenere una notevole mole di dati (ci si aspetta la risposta di oltre 10.000 persone) provenienti dalle più diverse categorie di professionisti sanitari: medici, infermieri, ostetriche, dentisti, farmacisti, ricercatori, dirigenti ospedalieri, operatori sanitari, tecnici e studenti in medicina. 
Le precedenti indagini condotte dall’Ecdc in materia erano state rivolte soprattutto all’opinione pubblica e agli studenti in medicina.

L’odierna indagine è volta, invece, ad ottenere una migliore comprensione delle conoscenze degli operatori sanitari e dei loro comportamenti riguardo l’uso e la resistenza agli antibiotici, in modo da: fornire una base di supporto per future decisioni in ambito politico ed accademico, nonché riempire le lacune esistenti nella valutazione delle campagne di comunicazione istituzionali indirizzate agli operatori sanitari.

Il tempo stimato per rispondere al questionario, composto da risposte a scelta multipla, va dai 5 ai 10 minuti.  La partecipazione allo studio è ovviamente volontaria e tutte le risposte verranno analizzate in maniera anonima. Questo il link per partecipare al sondaggio: https://surveys.phe.org.uk/TakeSurvey.aspx?SurveyID=9lKJ5585H
Per ogni dubbio o domanda in relazione al sondaggio ci si può rivolgere alla Dr.ssa Diane Ashiru-Oredope (espaur@phe.gov.uk). Il sondaggio si chiuderà il 24 febbraio 2019. (EP)

Notizie correlate

21/03/2019

Uso di antibiotici, rapporto Aifa: Italia ancora fanalino di coda rispetto al trend europeo

L'uso di antibiotici in Italia, nonostante il trend in riduzione, è ancora superiore alla media europea. E se nel 2017 il consumo globale di questi farmaci nel nostro Paese...
01/02/2019

Italiani ‘fai da te’ sugli antibiotici, Cicconetti: “La farmacia presidio per scoraggiare cattiva pratica”

Troppi antibiotici ‘fai da te‘ per gli italiani. Quasi 4 su 10 ammettono di prenderli senza prescrizione medica “qualche volta” (33%) e “spesso” (4,8%). Più numerose le donne...
21/01/2019

Lo studio Usa, “Inutile la prescrizione di 1 antibiotico su 4”

In tempo di malanni influenzali e allarme super-bug, occhio alle ricette facili di antibiotici. Quasi un quarto delle prescrizioni di questi farmaci per bambini e adulti potrebbe essere inutile. Almeno secondo uno studio americano dell'Università del...
14/01/2019

Ricerca farmaci, rallenta quella sugli antibiotici. Da 18 a 6 le aziende che ci investono

Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da un rallentamento della ricerca e lo sviluppo di nuovi antibiotici. Al punto che, delle 18 aziende farmaceutiche che vi investivano nel 1990...
16/05/2018

I consumi di farmaci Ssn nel 2017: Ppi e Cardioasprina al top

Farmaci cardiovascolari al primo posto nella spesa farmaceutica convenzionata Ssn, mentre gli inibitori di pompa protonica risultano la categoria più prescritta e la cardioasprinasvetta tra le specialità medicinali. Questo, in sintesi, il quadro di dettaglio...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni