In 30 anni quasi la metà dei fumatori europei ha perso il vizio

08/02/2019 22:58:36
In Europa quasi la metà dei fumatori ha perso il vizio tra il 1980 e il 2010: esattamente il 43% di 50 mila fumatori europei tra i 16 e i 60 anni. È la buona notizia che arriva da uno studio europeo che vede coinvolta anche l'Università degli Studi di Verona. La ricerca ha coinvolto i fumatori di 17 paesi europei ed è stata pubblicata sulla rivista PLOS ONE. Lo studio rientra nell'ambito del progetto Alec, Ageing lungs in european cohorts, coordinato dall'Imperial College di Londra ed è finanziato dall'Unione europea attraverso il bando Horizon 2020. "I nostri risultati - spiegano i ricercatori dell'ateneo scaligero coordinati da Simone Accordini - indicano che in Europa c'è una consapevolezza crescente degli effetti nocivi del fumo, soprattutto in gravidanza. Infatti, la maggior parte delle donne smette di fumare attorno ai 30 anni, probabilmente in seguito alla prima gravidanza: 50 fumatrici su 1000 smettono ogni anno in Europa meridionale e 80 su 1000 in Nord Europa, e l'età in cui si smette tende a coincidere con l'età media della prima gravidanza nelle diverse regioni europee considerate (26-27 anni in Est Europa, 30-31 in Europa del Sud). Questo indica che proteggere il bambino durante la gravidanza è la motivazione più forte nella decisione di smettere di fumare per le donne". Gli europei del Sud, però, restano meno consapevoli sui danni del fumo: in Scandinavia e Regno unito, ogni anno, 50 su 1000 fumatori smettono di fumare mentre in paesi quali Italia, Spagna, Portogallo, e dell'Est e dell'Ovest Europa, sono solo 30 su 1000 a dire addio alle bionde. "Serve, quindi - commenta Alessandro Marcon, tra gli autori dello studio - mettere in atto politiche più efficaci per ridurre ulteriormente il numero di fumatori in Italia e nel Sud Europa. Occorre inoltre aumentare gli sforzi per diminuire l'accesso al fumo nei più giovani, visto che, da quanto emerge dalle nostre ricerche, iniziare a fumare durante la prima adolescenza porta a una dipendenza più forte". 

Ultime notizie

20/02/2019

Coletto ospite di Federfarma Channel. “La fascia C deve restare nel suo luogo ideale: la farmacia”

Il farmacista riferimento certo sui territori e garanzia per la vendita dei medicinali di fascia C nella sede opportuna, cioè la farmacia. Sono questi i concetti chiave su cui, il sottosegretario alla Salute Luca Coletto, si è soffermato ospite degli studi di Federfarma Channel. “La farmacia in Italia è una tradizione che si integra finendo, a volte, per supplire quella che è la mancata presenza del medico su territori più angusti...
20/02/2019

Tg Federfarma Channel – Edizione del 20 febbraio

In questo numero: Luca Coletto ospite di Federfarma Channel. “La fascia C deve restare nel suo luogo ideale: la farmacia”; Cala la farmaceutica convenzionata, Petrosillo: “Scoraggiamento dei consumi merita attenta analisi”; Integratori, da Federfarma aggiornamenti su sostanze vegetali ammesse all’impiego; Federfarma Venezia sostiene il "Progetto Mimosa" contro la violenza sulle donne
20/02/2019

Cala la farmaceutica convenzionata, Petrosillo: “Scoraggiamento dei consumi merita attenta analisi”

Quanto è emerso dalla recentissima indagine dell'Osservatorio nazionale sulla salute nelle regioni italiane, che ha sede a Roma presso l'Università Cattolica, è la conferma di analisi ormai consolidate; una spesa per la cronicità in aumento e che assorbe il 70% del FSN. Il già enorme peso della spesa sanitaria...
20/02/2019

Integratori, da Federfarma aggiornamenti su sostanze vegetali ammesse all’impiego

Federfarma fornisce alcuni aggiornamenti sulle sostanze e preparati vegetali (cosiddetti botanicals) ammessi all’impiego negli integratori alimentari. La materia è attualmente regolata del Decreto ministeriale 10 agosto 2018 pubblicato sulla G.U. n. 224 del 26 settembre 2018 con il quale è stato abrogato il precedente D.M. 9 luglio 2012...  
20/02/2019

Federfarma Venezia sostiene il "Progetto Mimosa" contro la violenza sulle donne

Sono oltre mille le donne prese in carico nel 2018 da sei centri antiviolenza presenti nel territorio provinciale di Venezia, a cui si sono rivolte per denunciare episodi di...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni