Vaccini Covid: l’EMA dà il via libera al vaccino Valneva dai 18 ai 50 anni

24/06/2022 11:22:05
L'Agenzia europea del farmaco (EMA) ha raccomandato l’autorizzazione all’immissione in commercio al vaccino anti-Covid della francese Valneva, basato su virus inattivato-adiuvato, per la vaccinazione primaria dai 18 ai 50 anni di età. “Dopo un'approfondita valutazione - informa l'Agenzia - il Comitato per i medicinali a uso umano (CHMP) ha concluso che i dati sul vaccino sono "solidi" e soddisfano i criteri UE per "efficacia, sicurezza e qualità". La parola ora spetta alla Commissione europea, che "affretterà il processo decisionale su un'autorizzazione all’immissione in commercio standard per il vaccino di Valneva, consentendo che sia incluso nei programmi di vaccinazione di tutta l'UE".
 
Gli studi sul vaccino di Valneva, che hanno coinvolto quasi 3mila persone di età pari o superiore a 30 anni, hanno mostrato che il vaccino dell'azienda francese innesca la produzione di anticorpi contro il ceppo originale della Sars-CoV-2. Ulteriori dati degli studi hanno indicato che il vaccino Valneva è efficace nella produzione di anticorpi sia nella fascia di età compresa tra i 18 e i 29 anni che negli over-30. Sulla base dei dati forniti - precisa l'ente regolatorio europeo - non è stato possibile trarre alcuna conclusione sull'immunogenicità del vaccino Valneva nelle persone di età superiore ai 50 anni, pertanto il prodotto è attualmente raccomandato per l'uso nei 18-50enni. Gli effetti collaterali osservati negli studi sono stati generalmente lievi e si sono risolti entro un paio di giorni. In base alle informazioni disponibili, gli esperti del CHMP hanno ritenuto positivo il rapporto rischi-benefici derivante dalla somministrazione del vaccino Valneva.

Ultime notizie

05/10/2022

Ucraina: Tobia, «nessuna corsa a pillole iodio per rischio nucleare, ma scorte pronte»

In Italia «ci sono scorte di pillole a base di ioduro di potassio e c'è un piano di distribuzione straordinario in farmacia, in caso di vero allarme nucleare». A dichiararlo Roberto Tobia, segretario nazionale di Federfarma, sentito da Adnkronos Salute in merito all'escalation di un possibile...
05/10/2022

Accordo questura-farmacie di Bergamo per tamponi gratuiti ai minori stranieri

I minori stranieri non accompagnati potranno recarsi, con il personale della Polizia di Stato, presso alcune farmacie della città di Bergamo per usufruire di tamponi diagnostici per Covid-19 a titolo gratuito. A stabilirlo...
05/10/2022

La farmacia di comunità come centro di cura sul territorio. Convegno 9 ottobre

Si terrà domenica 9 ottobre, presso l'Hotel San Luca di Battipaglia, il convegno organizzato da Federfarma Salerno dal titolo “La farmacia di Comunità come hub di cura sul territorio. Stato dell'arte, potenzialità e...
04/10/2022

Tg Federfarma Channel – Edizione del 5 ottobre

In questo numero: Ucraina, Tobia: «Nessuna corsa a pillole iodio per rischio nucleare, ma scorte pronte»; Accordo questura-farmacie di Bergamo per tamponi gratuiti ai minori stranieri; La farmacia di comunità come centro di cura sul territorio. Convegno 9 ottobre
04/10/2022

Farmaci, consumo ridotto durante Covid, ma aumento di antidepressivi. Petrosillo: «Pandemia e crisi economica hanno influito»

«La spesa pro capite in farmaci dei bergamaschi al di sotto della media regionale non è attribuibile a una difficoltà nell'accesso ai medicinali, visto che nella zona il rapporto tra farmacie e popolazione è tra i più alti delle provincie lombarde». È il commento del presidente del Sunifar e di Federfarma Bergamo, Giovanni Petrosillo, a proposito...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
Cliccando su “Accetta tutti i cookie”, viene accettata la memorizzazione, sul dispositivo, dei cookie che servono a migliorare la navigazione del sito e analizzare l'utilizzo del sito.
Maggiori informazioni