Post Covid, esami al cuore raddoppiati e record di Tac al torace

06/04/2022 08:11:21
Esami al cuore raddoppiati e record di Tac al torace: è questo l’impatto del Covid dopo sei mesi in chi ha contratto l'infezione. Il dato emerge da uno studio, pubblicato sul Journal of Internal Medicine, condotto in una delle prime regioni italiane a essere state colpite dalla pandemia, la Lombardia, su quasi 50mila persone con alle spalle l'infezione. Sulla base dei dati amministrativi raccolti in forma anonima dalla Regione, sono stati conteggiati i nuovi ricoveri ospedalieri, gli accessi al Pronto soccorso, le visite mediche, gli esami di laboratorio e strumentali (radiologici e non) e il consumo di farmaci fino al 31 dicembre 2020. I pazienti sono stati divisi in tre gruppi: malati a domicilio, ricoverati in reparti non intensivi e pazienti curati nei reparti di rianimazione.
 
Tali dati sono stati confrontati con quelli relativi all’analogo periodo del 2019, prima della pandemia. Si è osservato che le visite mediche sono più che raddoppiate rispetto al pre-pandemia, le spirometrie sono aumentate di 50 volte nelle persone che erano state in terapia intensiva, gli elettrocardiogrammi sono quintuplicati nei pazienti curati nelle rianimazioni e raddoppiati in quelli ricoverati nei reparti non intensivi. Stesso andamento è stato osservato per le Tac del torace, aumentate di 32 volte nei dimessi dai reparti più critici. In tutti i gruppi di pazienti si è registrato un incremento anche negli esami del sangue. Durante i 6 mesi di osservazione, sottolinea sul Corriere della Sera, Sergio Harari, uno degli autori dello studio, è aumentato poi il consumo di farmaci e nuove terapie, "il che significa che il virus ha anche indotto lo sviluppo di nuove malattie, in particolare di natura metabolica - come il diabete - cardiovascolare, neuropsichiatrica e respiratoria, oltre a aggravare le preesistenti".
"Una riflessione attenta sui servizi da potenziare va immediatamente fatta, anche perché questo studio è confermato da altre recenti analisi che vanno nella stessa direzione: il post Covid è una condizione che richiede cure e attenzioni particolari - prosegue Harari - Le ragioni sono probabilmente da ricercarsi nello stato di infiammazione cronica indotta dal virus con una disregolazione immunitaria che persiste nel tempo. Bisogna poi considerare che queste sono le valutazioni effettuate dopo solo 6 mesi, non abbiamo ancora idea di cosa possa avvenire più in là nel tempo e neppure se le varianti che sono arrivate successivamente abbiano lo stesso effetto. C'è ancora molto lavoro da fare per scoprire tutti gli effetti del virus ma è già ora di pianificare come correre ai ripari per far fronte anche a queste conseguenze della pandemia".  

Notizie correlate

04/10/2022

Farmaci, consumo ridotto durante Covid, ma aumento di antidepressivi. Petrosillo: «Pandemia e crisi economica hanno influito»

«La spesa pro capite in farmaci dei bergamaschi al di sotto della media regionale non è attribuibile a una difficoltà nell'accesso ai medicinali, visto che nella zona il rapporto tra farmacie e popolazione è tra i più alti delle provincie lombarde». È il commento del presidente del Sunifar e di Federfarma Bergamo, Giovanni Petrosillo, a proposito...
01/10/2022

Covid, Mascherine in ospedali e RSA ancora per un mese. Stop sui mezzi pubblici

L'obbligo di utilizzo delle mascherine negli ospedali e nelle RSA è stato esteso di 30 giorni, mentre decade l'obbligo di indossarle sui mezzi pubblici, a partire da questo mese. Lavoratori, utenti e visitatori delle strutture sanitarie e socio-sanitarie, degli hospice e delle strutture per anziani e riabilitative dovranno, dunque, continuare a...
22/09/2022

Covid-19: “Tutti i nuovi vaccini adattati efficaci contro Omicron 5”

Con la ripresa delle attività lavorative e la riapertura delle scuole, la curva dei contagi sta dando segnali di risalita in diverse parti del territorio nazionale. Gli esperti invitano a non sottovalutare il fenomeno, anche perché...
17/09/2022

Covid, decessi al minimo da marzo 2020 e contagi in discesa. OMS: vicini alla fine della pandemia

Continua la discesa della curva pandemica in tutto il mondo. Ad evidenziarlo sono i dati contenuti nell'ultimo bollettino dell'Organizzazione Mondiale della Sanità relativi alla...
14/09/2022

Covid, entro il 16 settembre le regioni dovranno comunicare le potenzialità di somministrazione dei vaccini

In occasione dell’avvio della somministrazione dei booster con i nuovi vaccini bivalenti di Pfizer e Moderna, il Generale Tommaso Petroni, nominato...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
Cliccando su “Accetta tutti i cookie”, viene accettata la memorizzazione, sul dispositivo, dei cookie che servono a migliorare la navigazione del sito e analizzare l'utilizzo del sito.
Maggiori informazioni