Giornata Mondiale delle Malattie Reumatiche, APMARR chiede assistenza territoriale integrata

12/10/2021 08:53:16
Una persona con patologie reumatologiche su due, nell’ultimo anno, non è mai riuscita a usufruire dei servizi di assistenza e cura sul territorio e sette persone su dieci non sono mai state contattate dal medico di medicina generale e dallo specialista per poter fare una visita di controllo. E ancora. Una persona su tre non ha avuto accesso ad un ambulatorio specialistico vicino a casa e quattro persone su dieci denunciano i lunghi tempi di attesa per poter essere visitate da uno specialista.
Sono dati allarmanti quelli che emergono dalla prima Indagine Nazionale sull’Assistenza Territoriale Integrata (ATI) in reumatologia, condotta dall’Osservatorio APMARR in collaborazione con EngageMinds HUB, su un campione di 450 persone con malattie reumatiche, presentata in occasione della Giornata Mondiale delle Malattie Reumatiche di oggi 12 ottobre.
 
“Le farmacie e i farmacisti, con la loro prossimità e professionalità – ha affermato Roberto Tobia, segretario nazionale di Federfarma, nel corso del convegno in Senato - possono essere dei validi alleati ai quali tutti i cittadini e in particolare i malati affetti da patologie reumatologiche e rare possono rivolgersi per ricevere un concreto supporto nella gestione della malattia. La Farmacia è presente su tutto il territorio e consente un rapido e facile accesso a un’ampia gamma di servizi sanitari. Un esempio di come la rete delle farmacie possa supportare le persone con patologie reumatologiche e rare – ha aggiunto - è la possibilità, attraverso la distribuzione per conto (DPC), di rendere disponibili, direttamente, nella farmacia più vicina al domicilio del paziente i medicinali di cui ha bisogno, evitando spostamenti per raggiungere la struttura sanitaria pubblica, spesso distante e aperta in orari limitati. In questo modo il farmacista può svolgere al meglio il suo ruolo di dispensatore professionale del farmaco e monitorare attivamente l’aderenza alla terapia da parte del paziente”.
 
Centrale per aumentare il patient engagement e costruire una vera alleanza tra i pazienti e tutto l’ecosistema della reumatologia, è l’alfabetizzazione sanitaria. I cittadini vanno adeguatamente informati e formati sugli impatti di una patologia reumatologica ed è per questo che APMARR ha deciso di realizzare uno spot che sarà diffuso su tutti i media online e offline.
 
Un’iniziativa che si inserisce all’interno della campagna APMARR di informazione e sensibilizzazione sulle patologie reumatologiche #diamoduemani21 patrocinata anche da Federfarma.

Notizie correlate

09/06/2022

Malattie reumatologiche, farmacisti plaudono a iniziativa Regione Veneto

Le associazioni dei pazienti reumatologici veneti, plaudono alla mozione presentata dalla consigliera regionale Silvia Maino che recepisce a livello locale quella nazionale...
08/04/2022

Malattie reumatologiche, la Camera approva una mozione per migliorare l’assistenza ai pazienti. Pietropoli: “Farmacie pronte a fare la propria parte”

Ricerca scientifica, telemedicina e nuove tecnologie, linee di indirizzo nazionali per prevenzione, diagnosi precoce e assistenza, implementazione dell’uso del fascicolo sanitario...
09/10/2021

Reumatologia, pazienti in attesa di continuità terapeutica. Il ruolo del farmacista nel percorso di cura

La reumatologia italiana è una delle eccellenze del Sistema Sanitario Nazionale. Eppure, persistono problemi organizzativi che rendono ancor più complicata la vita a...
09/10/2021

Giornata Mondiale delle Malattie Reumatologiche, Federfarma patrocina campagna APMARR #diamoduemani21

Si terrà lunedì 11 ottobre, dalle ore 9.00 alle 13.00 presso la Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani - Senato della Repubblica, il convegno istituzionale “L’assistenza territoriale integrata...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
Cliccando su “Accetta tutti i cookie”, viene accettata la memorizzazione, sul dispositivo, dei cookie che servono a migliorare la navigazione del sito e analizzare l'utilizzo del sito.
Maggiori informazioni