La depressione viene 'spenta' prendendo l''onda giusta' nel cervello

14/03/2019 14:30:19
La depressione si spegne accendendo le 'onde giuste' nel cervello: un trial clinico pilota unico nel suo genere, condotto da Flavio Frohlich dell'università della Carolina del Nord a Chapel Hill, ha infatti mostrato di poter dimezzare i sintomi depressivi in pazienti con depressione maggiore, usando una stimolazione indolore e non invasiva applicata dall'esterno (sulla testa), la 'stimolazione transcranica a corrente alternata'.

Questa riequilibra un particolare tipo di onde neurali, le 'alfa', il cui flusso è scompensato nei pazienti depressi. L'esito della sperimentazione clinica è stato reso noto sulla rivista Translational Psychiatry e al momento gli scienziati stanno arruolando nuovi pazienti per ripetere i test su un campione più folto.

Ci sono già diversi studi sull'uso della stimolazione elettromagnetica per la cura della depressione, ma questo ha un impianto nuovo perché si propone di riequilibrare nel cervello il 'flusso delle onde alfa', 'onde elettromagnetiche' di una determinata frequenza che viaggiano nel cervello quando vogliamo concentrarci, evitare distrazioni, o immergerci in una riflessione specifica senza divagare.

Nei depressi le onde alfa non sono in equilibrio perché vi è un flusso eccessivo nell'emisfero sinistro del cervello rispetto al destro. I ricercatori hanno riequilibrato il flusso di onde alfa con la stimolazione transcranica (applicata per 40 minuti al giorno per 5 giorni) in un sottogruppo di pazienti, confrontando l'esito della terapia con una stimolazione finta (placebo) e con una vera ma inadatta a riequilibrare le onde alfa.

Ebbene solo nel primo gruppo per le due settimane successive all'intervento i sintomi depressivi sono stati dimezzati. Si tratterà ora di ripetere lo studio e calibrare meglio la terapia per farne durare gli effetti più a lungo, conclude Frohlich. (ANSA)

Ultime notizie

13/09/2019

App su salute donna condividono informazioni con Facebook

Attenzione alle app dedicate alla salute femminile, che tengono traccia dei giorni del ciclo, dell'attività sessuale e di altri parametri 'delicati', perché potrebbero condividere i dati con Facebook e terze parti. Lo afferma la no profit inglese Privacy International, che ha...
13/09/2019

La sepsi uccide una persona ogni 3,5 secondi nel mondo

Con 30 milioni di persone colpite ogni anno e 7-9 milioni di morti la sepsi è una delle condizioni mediche più diffuse e letali nel mondo. Lo ricorda la Global Sepsis Alliance, l'organizzazione internazionale che ha promosso per il 13 settembre il World Sepsis Day. La sepsi...
13/09/2019

Tecnica Crispr non è efficace per combattere virus Hiv

Almeno per il momento la tecnica Crispr non è efficace per curare l'infezione provocata dal virus Hiv responsabile dell'Aids, anche se sembra sicura. Sono le conclusioni di una ricerca cinese pubblicata sul New England Journal of Medicine che ha coinvolto un paziente...
13/09/2019

Melanoma, un test genetico può cambiarne l'evoluzione

Le terapie per i tumori si fanno sempre più precise e, nel caso del melanoma, stanno cambiando il panorama della sopravvivenza. Grazie al test molecolare per la mutazione genetica della proteina Braf è possibile identificare chi risponde alla terapia a bersaglio molecolare...
13/09/2019

Parte a Roma la prima 'farmacia di strada' per accesso alle medicine delle fasce più deboli

Si terrà il prossimo lunedì, alle ore 16.00, presso la sede dell'Associazione Vo.Re.Co. Onlus a Roma (Via della Lungara, 141/a) l'inaugurazione della prima "Farmacia di strada" di Roma, il progetto nato dalla collaborazione di Medicina Solidale con Assogenerici, Banco Farmaceutico e...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni