Scompenso cardiaco, malattia over 65 spesso sottovalutata

14/03/2019 14:28:25
In Italia sono oltre 600 mila le persone con diagnosi di scompenso cardiaco e il numero cresce fino a 3 milioni considerando le forme latenti. Si tratta in diversi casi di over 65. In media alla diagnosi l'età è di 76 anni. Secondo gli specialisti è una patologia sottovalutata.

«Non desta, erroneamente, particolare preoccupazione e lo si sottovaluta - spiega Francesco Vetta, cardiologo e aritmologo presso le case di cura Paideia e Mater Dei di Roma - al contrario, la percezione che si ha verso il tumore e le sue varie forme è di gran lunga maggiore. Questo "gap culturale" dipende dalla scarsa informazione. Eppure la mortalità nello scompenso cardiaco è molto più alta: circa il 50% dei pazienti, a distanza di 4-5 anni, muore».

Questo e altri temi verranno affrontati al 14° Congresso di Cardiogeriatria, organizzato da Sigot, Società Italiana di Geriatria Ospedale e Territorio. Lo scompenso cardiaco consiste in un'alterazione della struttura e della funzione cardiaca che provoca un'insufficiente funzione di pompaggio del cuore. Le conseguenze sono affanno, gonfiore agli arti inferiori, ridotta tolleranza allo sforzo, affaticamento.

La condizione può aggravarsi fino a portare all'edema polmonare acuto e alla morte. Dopo i 65 anni rappresenta la prima causa di ricovero in ospedale. La prevalenza passa dal 2% tra i 40 e 59 anni, al 5% tra i 60 ed i 69 anni, raggiungendo il 10% oltre i 70 anni. La spesa ospedaliera annua per questa malattia è di 570 milioni di euro, quella complessiva di 780 milioni. Accanto alla terapia farmacologica, migliorata, vi è anche la possibilità di impianto di defibrillatori e pacemaker.

«Chi soffre di scompenso è particolarmente esposto al rischio di morte improvvisa, con percentuali superiori al 50% dei casi - aggiunge Vetta - un defibrillatore può interrompere le aritmie ventricolari ove necessario, salvando la vita. Purtroppo, l'accesso riguarda ad oggi solo il 35-40% dei pazienti». (ANSA)

Ultime notizie

26/05/2020

Ai farmacisti le prime forniture di mascherine a filiera italiana. Cossolo: “Un riconoscimento per la nostra categoria”

“Accolgo con vera soddisfazione le dichiarazioni del Commissario Arcuri che ringrazio per aver  esplicitamente riservato ai farmacisti e al personale medico le prime forniture di mascherine prodotte dalla filiera italiana. L’iniziativa attesta, ancora una volta, il riconoscimento delle Istituzioni per il fondamentale ruolo svolto dalla farmacia italiana...
26/05/2020

Tg Federfarma Channel – Edizione del 26 maggio

In questo numero: Ai farmacisti le prime forniture di mascherine a filiera italiana. Cossolo: “Un riconoscimento per la nostra categoria”; Protocollo d’intesa tra Federfarma e Commissario straordinario di Governo, i chiarimenti di Federfarma; Partita ieri l’indagine epidemiologica in tutta Italia, farmacie avamposto per sensibilizzazione cittadini; Clorochina, l’antimalarico che non convince Aifa nelle cure anti Covid
26/05/2020

Protocollo d’intesa tra Federfarma e Commissario straordinario di Governo, i chiarimenti di Federfarma

Sono numerose le richieste di ulteriori chiarimenti e precisazioni, nonché segnalazioni di criticità riguardanti la concreta applicazione del Protocollo d’Intesa con il Commissario straordinario di Governo e del successivo addendum allo stesso, pervenute a Federfarma e Promofarma. Come prima cosa, Federfarma precisa che sulla base...
26/05/2020

Partita ieri l’indagine epidemiologica in tutta Italia, farmacie avamposto per sensibilizzazione cittadini

Capire quante persone in Italia hanno sviluppato gli anticorpi al Coronavirus, anche in assenza di sintomi, stimare dimensioni e estensione dell'infezione nella popolazione e descriverne la frequenza in relazione ad alcuni fattori quali sesso, eta', regione di appartenenza, attivita' economica. Questo al fine di indirizzare politiche a livello nazionale o regionale e per modulare le misure di contenimento del contagio....
26/05/2020

Clorochina, l’antimalarico che non convince Aifa nelle cure anti Covid

L'idrossiclorochina non convince l'Aifa. Ne ha parlato il direttore generale dell'Agenzia italiana del farmaco, Nicola Magrini, durante la presentazione di un rapporto sulle cure...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni