Ossa, reni e occhi, per gli asmatici 243mln di danni da cortisone

14/03/2019 14:24:23
Ipertensione, fratture, diabete, problemi ai reni e agli occhi: gli effetti collaterali dell'abuso di cortisone danneggiano la salute degli italiani che soffrono di asma e si riflettono sulla spesa sanitaria. Per curarli si spendono infatti oltre 243 milioni di euro l'anno, ben di più di quanto si spenderebbe per terapie molto meno dannose.

E' quanto emerge dai risultati del primo studio italiano sull'impatto clinico ed economico del cortisone orale nell'asma grave, pubblicato su World Allergy Organization Journal. Quattro milioni di italiani soffrono di asma e ben 200.000 in grado severo.

Di questi, secondo il registro SANI (Severe Asthma Network Italy), 124.000 vengono trattati con cortisonici per via orale, spesso per oltre 6 mesi. Ma con conseguenze pesanti sulla salute. In questi pazienti, l'abuso di 'pillole' aumenta di 5 volte il rischio di fratture e raddoppia diabete.

Ad esempio, spiega Giorgio Walter Canonica, past president della Società Italiana di Allergologia, Asma e Immunologia Clinica (Siaaic), «l'osteoporosi colpisce il 16% di questi pazienti contro il 3% della popolazione generale; i disturbi della digestione riguardano il 65% di loro contro il 24%; l'insufficienza renale dal 7% sale al 14%; il diabete arriva al 10% contro il 6%; l'obesità sale dal 23% al 42%; la cataratta dal 4% al 9%».

Per curare questi effetti collaterali si spendono quasi 2000 euro l'anno a paziente, complessivamente 243 milioni: una spesa che supera quella per terapie inalatorie, pari a 138 milioni, e quella per i farmaci biologici, stimata intorno ai 50 milioni. Secondo le linee guida, i corticosteroidi per via orale nell'asma dovrebbero essere utilizzati solo nelle crisi acute.

«I dati mostrano però - aggiunge Francesco Blasi, direttore Dipartimento Medicina Interna e dell'Uoc di Pneumologia IRCCS Policlinico Milano - che in realtà il 64% dei pazienti con asma grave li utilizza in modo cronico, esponendosi a elevato rischio di eventi avversi. Sarebbe perciò più lungimirante favorire maggiormente l'impiego di terapie biologiche e inalatorie». (ANSA)

Ultime notizie

13/09/2019

App su salute donna condividono informazioni con Facebook

Attenzione alle app dedicate alla salute femminile, che tengono traccia dei giorni del ciclo, dell'attività sessuale e di altri parametri 'delicati', perché potrebbero condividere i dati con Facebook e terze parti. Lo afferma la no profit inglese Privacy International, che ha...
13/09/2019

La sepsi uccide una persona ogni 3,5 secondi nel mondo

Con 30 milioni di persone colpite ogni anno e 7-9 milioni di morti la sepsi è una delle condizioni mediche più diffuse e letali nel mondo. Lo ricorda la Global Sepsis Alliance, l'organizzazione internazionale che ha promosso per il 13 settembre il World Sepsis Day. La sepsi...
13/09/2019

Tecnica Crispr non è efficace per combattere virus Hiv

Almeno per il momento la tecnica Crispr non è efficace per curare l'infezione provocata dal virus Hiv responsabile dell'Aids, anche se sembra sicura. Sono le conclusioni di una ricerca cinese pubblicata sul New England Journal of Medicine che ha coinvolto un paziente...
13/09/2019

Melanoma, un test genetico può cambiarne l'evoluzione

Le terapie per i tumori si fanno sempre più precise e, nel caso del melanoma, stanno cambiando il panorama della sopravvivenza. Grazie al test molecolare per la mutazione genetica della proteina Braf è possibile identificare chi risponde alla terapia a bersaglio molecolare...
13/09/2019

Parte a Roma la prima 'farmacia di strada' per accesso alle medicine delle fasce più deboli

Si terrà il prossimo lunedì, alle ore 16.00, presso la sede dell'Associazione Vo.Re.Co. Onlus a Roma (Via della Lungara, 141/a) l'inaugurazione della prima "Farmacia di strada" di Roma, il progetto nato dalla collaborazione di Medicina Solidale con Assogenerici, Banco Farmaceutico e...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni