Ottico-optometrista in farmacia, il sì di Federfarma ma con le dovute accortezze

11/03/2019 09:20:26
Federfarma ha fatto sapere di aver svolto un approfondimento sulla possibilità contenuta in alcune recenti proposte presentate alle farmacie di “ospitare” nei locali delle farmacie un ottico-optometrista che svolga in quest’ambito attività di misurazione della vista ed effettui la vendita di occhiali su misura, gestendo autonomamente i pagamenti e la relativa fatturazione.
Il sindacato dei titolari sottolinea che in termini generali, non sono state rinvenute specifiche preclusioni all’implementazione all’interno della farmacia del servizio di vendita, per il tramite di un ottico-optometrista in possesso di titolo abilitante, di occhiali e lenti protettive e correttive dei difetti visivi.
Si raccomanda, tuttavia, alle farmacie che volessero erogare il suddetto servizio di adottare le seguenti cautele, ritenute minime ed essenziali per la propria tutela:
a) la vendita di occhiali e lenti su misura deve essere effettuata direttamente da un ottico-optometrista o, comunque, sotto il suo diretto controllo;
b) il farmacista è tenuto a verificare attentamente il possesso dei titoli abilitativi del predetto. Tale obbligo deve essere curato con particolare attenzione, accertando che il soggetto deputato alla vendita di occhiali “su misura” sia un ottico-optometrista, in possesso di diploma riconosciuto sul territorio italiano;
c) il farmacista è tenuto a verificare che l’ottico-optometrista abbia a sua volta presentato in Comune una SCIA, certificando per via telematica – sotto la sua responsabilità – il possesso dei requisiti soggettivi ed oggettivi, indicando, tra l’altro, anche il luogo ove intende svolgere la sua attività;
d) il farmacista deve, altresì, verificare che l’ottico-optometrista prescelto abbia provveduto a registrare il proprio titolo abilitativo presso la ASL nel cui ambito territoriale intende stabilire il suo abituale esercizio, ivi depositandolo in originale (artt. 3-4-5 R.D. 31maggio 1928 n°1334). La legge esclude, infatti, la liceità della figura dell’ottico c.d.“itinerante”;
e) il farmacista è tenuto a verificare inoltre che l’ottico optometrista tenga esposto, in modo ben visibile, nel locale stesso, la propria licenza o titolo di abilitazione con l’annotazione dell’avvenuta registrazione all’ufficio comunale (art. 20 del R.D. 31 maggio 1928, n°1334);
f) il farmacista deve assicurarsi che l’ottico-optometrista sia in possesso di adeguata copertura assicurativa per eventuali danni cagionati a terzi nell’esercizio della sua attività;
g) è opportuno specificare nel contratto stipulato con il professionista la natura del rapporto e l’esclusione di qualunque vincolo di subordinazione;
h) è opportuno inserire nel contratto un’apposita clausola, specificamente approvata per iscritto dal professionista, di esclusione di qualsivoglia responsabilità in capo alla farmacia per eventuali danni da questi cagionati a terzi nell’esercizio della sua attività, con espressa manleva della farmacia da eventuali richieste e/o azioni risarcitorie.
 

Notizie correlate

08/07/2020

Ricetta dematerializzata, dpc e farmacia dei servizi. Tobia: necessaria situazione uniformità

Ricetta dematerializzata, farmacia dei servizi, dpc e vendita online dei farmaci: questi i principali temi affrontati dal segretario di Federfarma Roberto Tobia nel corso del...
06/07/2020

Covid-19, D’Ambrosio Lettieri e Tobia: la farmacia ha superato la prova. Farmacia dei servizi perno della governance sanitaria

Evoluzione della farmacia pre e post Covid-19 e ruolo della sperimentazione della Farmacia dei servizi nel rispondere alla necessità di sviluppare nuovi modelli di presa in carico...
23/06/2020

Farmacia dei servizi, Valle D’Aosta: 44 attività diventano Cup per prenotare visite ed esami

Un’offerta sempre più ampia, quella delle farmacie valdostane che dal primo luglio si occuperanno di erogare anche servizi sanitari “innovativi”. In particolar modo...
16/06/2020

OncoCare, Penazzi: “Il ruolo chiave del farmacista per i pazienti deospedalizzati”

“OncoCare è la pubblicazione edita da Edra e sviluppata in collaborazione con Sandoz e Novartis che sancisce definitivamente l’importanza dell’attività del farmacista oncologico in associazione con le altre figure del sistema sanitario. Dai medici di medicina generale, agli oncologi come Aiom, all’associazione dei pazienti come Aimac...
05/06/2020

Farmacista oncologico territoriale, una nuova figura per la presa in carico dei pazienti fragili

Il farmacista oncologico territoriale come figura professionale nuova per dare risposte concrete ai bisogni dei pazienti. L'identikit delle competenze e l'analisi delle...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni