Edicola

Federfarma conferma chiusura farmacie: nessuna apertura dal Governo

14/07/2006 11:00:19

Saracinesche delle farmacie abbassate mercoledi’ 19 luglio dopo che l’incontro a Palazzo Chigi, tenutosi oggi pomeriggio, non ha dato alcun risultato. La chiusura e’ solo la prima di una serie di iniziative di protesta gia’ programmate nel caso in cui il governo continuasse a fare concertazione solo a parole.
Il governo dichiara di operare nell’interesse del cittadino ma in realta’ tutela solo il grande capitale. Lo dimostra il fatto che non raccoglie le significative aperture date da Federfarma in direzione di un reale ammodernamento del servizio farmaceutico.

Federfarma si e’ dichiarata disponibile:
  • ad accettare la vendita negli esercizi commerciali dei farmaci da automedicazione, certificati dall’Agenzia del farmaco come sicuri e maneggevoli, meglio se in confezioni ridotte, acquistabili senza il filtro del farmacista, come avviene nei Paesi europei dove il farmaco da banco e’ fuori farmacia. La proposta di Federfarma consentirebbe la disponibilità di tali farmaci in maniera diffusa (per esempio in autogrill o nelle piccole stazioni) colmando l’unica reale carenza dell’attuale servizio farmaceutico. Il decreto Bersani, invece, favorisce solo le grandi catene distributive e i produttori di farmaci di automedicazione, non certo il cittadino.
  • ad accettare la possibilita’ che un farmacista o una società di farmacisti gestiscano piu’ farmacie, purche’ in un numero limitato, analogamente a quanto accade in Germania e in Francia. Questo limite consentirebbe l’allargamento della concorrenza nel settore evitando la costituzione di grandi catene speculative, capaci con accorte strategie di marketing di forzare il consumo, oltre le reali necessità del cittadino, con prevedibili danni per la salute. Le catene metterebbero anche in difficoltà le farmacie dei piccoli centri, che rischierebbero di chiudere definitivamente;
  • ad accettare una drastica riduzione del periodo entro il quale gli eredi di un farmacista sono obbligati a vendere la farmacia. Federfarma e’ consapevole di arrecare gravi disagi ai cittadini ma la protesta e’ necessaria perche’ il governo ha dimostrato una totale insensibilità nei confronti di proposte serie, volte a coniugare la tutela della salute dei cittadini e l’esigenza di ammodernamento del settore senza arrivare – come sembra volere il decreto Bersani – allo scenario di una sanità sottratta al Servizio sanitario nazionale e consegnata, in prospettiva, al mercato, come in America dove il 30% della popolazione non ha alcuna assistenza sanitaria gratuita. Federfarma e’ certa che la popolazione capirà che con la chiusura del 19 luglio le farmacie difendono anche gli interessi dei cittadini e il loro diritto alla salute.

Ultime notizie

30/06/2020

Emendamento su distribuzione farmaci in farmacia. Federfarma: "Accolte istanze dei soggetti fragili e dei malati cronici"

Federfarma esprime massima soddisfazione per l’approvazione,  da parte della V Commissione Bilancio della Camera,  dell’emendamento  al cosiddetto Decreto Legge...
11/06/2020

Elezioni Federfarma e Sunifar: Cossolo confermato alla Presidenza di Federfarma, Petrosillo eletto Presidente Sunifar

Si sono svolte oggi - con ottimi risultati sia in termini di partecipazione dei delegati sia di funzionamento delle piattaforme utilizzate per le votazioni in forma telematica - le elezioni per il rinnovo dei vertici di Federfarma, la Federazione nazionale che rappresenta le farmacie private convenzionate con il SSN, e di Federfarma-Sunifar, che, all’interno...
01/06/2020

Dichiarazione del presidente Federfarma Marco Cossolo sull'audizione di Antonio Gaudioso in Commissione parlamentare

Federfarma accoglie con particolare favore le dichiarazioni del Segretario Generale di Cittadinanzattiva, Antonio Gaudioso, rese nel corso dell’audizione in Commissione parlamentare per la semplificazione nell’ambito dell’indagine conoscitiva sui servizi erogati dal Servizio Sanitario Nazionale...
01/06/2020

Dichiarazione del presidente Federfarma Marco Cossolo sull'acquisto del 70,77% del capitale di Farbanca da parte di Banca IFIS

Federfarma accoglie favorevolmente la comunicazione odierna sul completamento, con esito positivo, dell’acquisto del 70,77% del capitale di Farbanca  da parte di Banca IFIS. “L’avvenuta acquisizione di Farbanca da parte di Banca IFIS rappresenta sicuramente il viatico per la creazione, insieme a Credifarma, di un polo specializzato bancario del settore
28/05/2020

Collaborazione farmacie con medici famiglia e pediatri per l’aumento delle coperture vaccinali

Per corrispondere alle primarie esigenze di tutela della salute della popolazione, Federfarma ritiene imprescindibile stabilire le necessarie interazioni con i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta per individuare quei percorsi condivisi che - a similitudine di quanto avviene in altri Paesi dell'Unione europea - porti alla promozione e all'esecuzione di campagne vaccinali antinfluenzali nelle farmacie...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni